CulturaManfredonia
Quarantuno anni fa l'omicidio del poeta Pier Paolo Pasolini

Pasolini, il poeta

Una vita vissuta nella consapevolezza della sua 'diversità' ma per cui, instancabile,ha combattuto

Di:

Manfredonia. Pasolini è stato tante cose e in ognuna di essa ha cercato e saputo esprimersi al massimo delle sue possibilità, sicuramente lasciando poco spazio alle ipocrisie. L’Italia dei benpensanti ha saputo dargli pochi riconoscimenti soprattutto negli anni in cui ha vissuto, anni difficili per chi aveva deciso di dichiarare apertamente la sua omosessualità. Ancora oggi si stenta a celebrare le sue arti ma un tentativo (ben riuscito) è stato fatto qualche giorno fa presso l’Auditorium ‘Serricchio’, dove il prof. Franco Terlizzi ha declamato alcune fra le poesie di Pasolini. Infatti si è voluta sottolineare la capacità poetica dell’intelletto pasoliniano, la sensibilità di un uomo tormentato e fortemente contrastato; la scuola italiana può annoverare tra i suoi grandi successi l’aver espulso lo stesso Pasolini per il suo orientamento sessuale e per le sue idee ‘pericolose’ per i ragazzi. A lui si devono nuove prospettive aperte su realtà poco indagate, lasciate al margine. Una personalità caleidoscopica capace di provocazione e di umanità al di sopra di un imborghesimento dilagante, lo ‘sguardo oltre’ tipico del genio. Un’avanguardia respinta che impaurisce chi ha paura del cambiamento, chi vive di abitudine e preferisce il vecchio al nuovo.

Avrebbe avuto parole forti se avesse assistito allo sfacelo del suo bel Paese, non si sarebbe risparmiato.

Una vita vissuta nella consapevolezza della sua ‘diversità’ ma per cui, instancabile,ha combattuto.

(A cura di Marilina Ciociola, Manfredonia 05.05.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati