Editoriali
A cura di Nino Sangerardi

Turismo,365 giorni tra Lombardia e Puglia

Venticinque i progetti messi a punto, con schede che individuano i soggetti attuatori e le possibili fonti di finanziamento

Di:

Bari. Destagionalizzare.Vale a dire accoglienza turistica e manifestazioni culturali per tutto l’anno. Regione Lombardia e Regione Puglia hanno ideato e prodotto,da inizio 2016, non poche iniziative. Vedi quella denominata #In Lombardia 365. Un viaggio che dura un anno,alla scoperta della regione tramite influencer e instagramers internazionali e nazionali che raccontano le bellezze della Lombardia a tutto il globo terracqueo. Dieci incursioni sul territorio e altri 365 giorni in cui bloggers,ambassador,locals,viaggiatori sono ospitati dal sistema turistico per una scoperta continua e senza filtri delle eccellenze lombarde. Coinvolgimento di enti e consorzi pubblici e privati.

La collaborazione di “lambassador”: una rete unica di blogger provenienti da tutto il mondo e community di Instagramers Italia e Instagramers Lombardia. Gestore di “In Lombardia 365” è Explora spa,capitale sociale 500.000 euro, i cui azionisti sono Camera di Commercio di Milano, con il 20% di quote azionarie. Regione Lombardia, con il 60% di quote azionarie. Unioncamere Lombardia, con il 20% di quote azionarie.

Obiettivo principale della società è valorizzare e dare propulsione al turismo con offerte innovative grazie al coordinamento tra Istituzioni,associazioni e operatori economici. Presidente attualmente è Renato Borghi, consiglieri Danilo Piercarlo Maiocchi, Enzo Rodeschini, Sabrina Sammuri, Elena Di Salvia.

“Puglia 365” fa parte del Piano strategico del turismo 2016-2025 condotto da Pugliapromozione,agenzia 100%, della Regione Puglia : un laboratorio del turismo per l’Italia che cambia. Punta a mettere in atto eventi trasversali in materia di attività turistiche ,cultura,agricoltura,internazionalizzazione, armonizzare la programmazione europea 2014-2020,proseguire nella crescita di un settore trainante dell’economia pugliese. In tre mesi,a partire dal 26 marzo scorso, ci sono stati 18 incontri pubblici a cui hanno partecipato 1252 persone e 2188 via internet(streaming). Coinvolti enti locali,Università,Gruppi di azione locale,opinion leader,Ministero Beni Culturali,federazioni d’imprese e categorie sindacali.

Venticinque i progetti messi a punto, con schede che individuano i soggetti attuatori e le possibili fonti di finanziamento. Dal basso sono scaturiti 35 progetti che compongono il settore del programma denominato “ partecipazione”. Il Piano è stato presentato a fine luglio,a Roma, con l’intervento del Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini.

“Questo è solo un punto di partenza—afferma l’assessore regionale all’industria turistica e culturale Loredana Capone–bisogna rimboccarsi le maniche per realizzare le azioni innovative previste per approdare a un sistema dell’industria del turismo e della cultura pugliese”.

Ultimamente nasce “In Puglia 365”,quale sostegno,anche economico, alla destagionalizzazione della fruizione dei beni turistico-culturali.Destinatari i Comuni e i gestori di attrattori culturali. Avvenimenti da realizzare nel periodo novembre-dicembre 2016. Sopraggiunti in Regione 137 progetti, di cui 76 dichiarati ammissibili. Commissario straordinario di Pugliapromozione è Paolo Verri,nonchè direttore generale della Fondazione Matera-Basilicata 2019,responsabile di “Puglia 365” Luca Scandale. Il comitato promotore è formato da Regione, Anci, Comune di Bari, Fiera del Levante,Università pugliesi,Pro Loco della Puglia,sindacati,Unioncamere.

I consulenti strategici sono Gabriella Ghici,Roberta Milano,Josè Ejarque Bernet mentre i presidenti dei “tavoli di lavoro” Giuliano Volpe,Amedeo Maizza,Eva Degl’Innocenti,Aldo Melpignano,Alessandro Ambrosi,Giuseppe Acierno.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati