Economia

Aqp, Amati: “Martedì 6 il secondo bando per risanamento reti”


Di:

L'assessore regionale Fabiano Amati (archivio)

Bari – “MARTEDI’ prossimo sarà pubblicato il bando di gara per il secondo progetto di risanamento delle reti idriche, per un importo complessivo di 62.500.000 di euro”. Lo ha annunciato l’Assessore regionale alle Opere pubbliche Fabiano Amati. “Stiamo tentando di capovolgere anche la rassegnazione degli esperti – ha commentato Amati – che ancora oggi lamentano l’assenza di gloria per chi si occupa delle cose che popolano l’invisibile sottosuolo, ma che a pensarci bene illuminano il suolo in termini di salute, servizi ed efficienza. La Regione Puglia, l’Autorità d’Ambito e l’Acquedotto Pugliese, ancora una volta con impegno e visione, stanno dimostrando la fedeltà alla propria missione ed assieme la capacità di incrociare con il servizio idrico l’esigenza comune di risollevarsi dalla crisi.” Il progetto di risanamento posto in gara, segue il primo progetto di risanamento aggiudicato nel 2007, e riguarda 95 comuni, 704 mila cittadini (il 17% della popolazione residente totale regionale) e 3.700 chilometri di reti urbane di distribuzione oggetto dell’intervento. Il valore del progetto ammonta a 62,5 milioni di euro ed è suddiviso in due lotti: area centro nord della Regione per € 31.976.500,00 ed area centro sud della Regione per € 30.523.500,00. L’obiettivo del progetto consiste nella riduzione ulteriore delle perdite e nella razionalizzazione della gestione delle reti, attraverso la ottimizzazione dei volumi immessi e dei campi di pressione, lo sviluppo dell’automazione (con valvole automatiche) e del controllo in remoto delle reti e la estensione della modellazione a tutte le reti di distribuzione idrica. L’area di intervento include complessivamente le reti di distribuzione urbana di 95 comuni, pari a circa il 40% dei comuni serviti, distribuiti nelle 6 province pugliesi. Circa i tempi di realizzazione, il programma prevede la pubblicazione del bando il 6 dicembre 2011, l’aggiudicazione e la stipula del contratto entro l’estate 2012 e la fine dei lavori entro il 2015.

“Il progetto che portiamo in gara – ha puntualizzato l’assessore Fabiano Amati – è il fratello maggiore del progetto di risanamento avviato nel 2007 per un valore di 150 milioni di euro, la cui conclusione è prevista nei primi mesi del 2012, sul quale ritengo opportuno dare conto, affinché si affermi la normalità della vita amministrativa, che consiste nell’annunciare il futuro e contemporaneamente dar conto del passato.” Circa il passato, il primo progetto di risanamento delle reti, per un importo complessivo di 151 milioni di euro ed attualmente in fase di ultimazione, ha interessato 143 comuni, 3,3 milioni di Cittadini e 9.800 chilometri di rete. Nella realizzazione sono state rilevate e riparate 5.184 perdite, sono stati sostituiti 275 chilometri di reti e sono stati realizzati 187 chilometri di nuovi tronchi, comportando una riduzione delle perdite fisiche nelle reti di distribuzione urbana del 25% del volume prodotto ed un risparmio complessivo di 40 milioni di metri cubi di risorsa. Il risultato di risparmio è stato ottenuto anche in conseguenza di ulteriori progetti che si sono intersecati con quello di risanamento reti, e cioè l’installazione di un innovativo sistema di controllo in remoto dei flussi nelle reti (oltre 3.500 sensori applicati), che permette una maggiore rapidità di intervento in caso di anomalie ed una migliore razionalizzazione nella gestione della risorsa e l’introduzione di nuovi automezzi dotati di avanzata tecnologia, che permettono ogni tipo di intervento sulla rete, programmato e non, in tempo reale ed in piena autonomia (solo nell’ultimo anno sono stati effettuati oltre 150.000 interventi sulle reti cittadine).


Redazione Stato

Aqp, Amati: “Martedì 6 il secondo bando per risanamento reti” ultima modifica: 2011-12-02T19:35:21+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi