Manfredonia

Metti una sera con l’esorcismo. Padre Cipriano De Meo: “cattolici ignoranti”


Di:

Conferenza Padre Cipriano. Auditorium Palazzo dei Celestini, 30 novembre 2011 (ST)

Manfredonia – “LA condotta del cristiano di fronte alla cultura moderna negatrice dell’esistenza del comune avversario”. Questo il tema discusso, il 30 novembre, dai ragazzi dell’Associazione Don Bosco di Manfredonia, con l’esorcista Padre Cipriano De Meo, presidente internazionale degli esorcisti e vice postulatore della canonizzazione di P. Matteo d’Agnone.

Ad inizio conferenza un canto inaugurale e, a seguire, l’introduzione dell’incontro da parte di Don Antonio Mattatelli, esorcista di Montemurro (Potenza), con una breve presentazione dell’Associazione Don Bosco e di Padre Cipriano. Parole di profonda ammirazione verso i ragazzi dell’associazione di Manfredonia, capeggiata dal presidente Antonio Di Napoli, che ha visto nei ragazzi del centro “una luce di speranza nella sua missione di evangelizzazione all’interno dell’oratorio”.

L’esorcista cappuccino di San Severo ha poi presentato i sentimenti quotidiani dell’attuale generazione sottolineando “l’ignoranza” degli stessi cattolici, partendo dai “sacerdoti” fino ad arrivare ai “genitori”, perché “figure importanti nella società per la crescita e la formazione cristiana”. I primi perché aventi alle spalle “un’intera comunità da guidare”, i genitori perché “la prima Chiesa per una nuova vita che nasce”. Poi sui “giovani della nostra epoca”: “sono in preda del demonio e necessanti di punti di riferimento per essere guidati nella retta via cristiana”; giovani che “iniziano per curiosità ad imbarcarsi in brutte strade come la droga, l’alcool oppure nel peggior caso, rimangono vittime di cartomanti, fattucchieri e magia nera ed altro”.


“C’è bisogno di denunciare la presenza attiva del demonio nel mondo, si devono denunciare i pericoli che si corre, non bisogna aggirare il pericolo”, bisogna affrontarlo – ha detto Padre Cipriano -, i responsabili dunque non sono soltanto i giovani, “vittime principali dell’azione demoniaca”, ma anche chi “li dovrebbe educare” e in primo luogo “i sacerdoti e tutte le persone che ne negano l’esistenza o che ne limitano i danni”. “Il problema va affrontato”.

Padre Cipriano ha poi esteso il suo discorso sul tema della possessione che è un tema messo ai margini, perché risulta “storia da Medioevo”. L’esorcista di San Severo chiama ignoranti “quelli che la pensano cosi, perché la storia dell’uomo s’è diffusa sempre nello stesso modo, con uomini giusti e cattivi, ogni epoca ha avuto i suoi santi”. “E’ sbagliato dire che questa popolazione è più perversa di quelle passate”.

L’intervista.

SQ E’ giusto portare più gente a vedere un esorcismo?
PCDM – No. Per due motivi: innanzitutto perché queste sono persone che hanno una dignità da mantenere, ma anche perché non è uno spettacolo dove l’esorcista è un protagonista oppure un eroe che è in grado di scacciare il demonio, ma è un persona che con l’aiuto di Dio riesce a fare tutto questo. Un esorcista che fa tutto questo potrebbe cadere nella vana gloria e potrebbe addirittura pensare che dalla sua forza il demonio è andato via.

Un altro momento della conferenza stampa (ST)

SQ – In che modo possiamo combattere il demonio?
PCDM – Con la preghiera.

SQ – Perché Dio ha creato il diavolo?
PCDM – Dio non ha creato il diavolo. Egli ha creato angeli buoni, ai quali ha dato libero arbitrio. Perciò essi come noi, però prima di noi, hanno avuto la libertà di seguire Dio, oppure di non seguirlo.

SQ – Il diavolo può convertirsi?
PCDM – No, perché per natura egli è superbo, orgoglioso ed ha sempre quella voglia di essere uguale a DIO, perciò lo odierà sempre.

All’interno del dibattito poi ci sono state delle divergenze sull’importanza che viene data a Maria la Madre Celeste nella lotta contro il maligno, e alla fine si è arrivati alla conclusione che “Maria fa da tramite ma il punto di riferimento è Dio, Maria è la nostra avvocata verso Gesù che a sua volta intercede presso il Padre”. “Non dimentichiamoci che è nel Rosario che si meditano i misteri della vita di Cristo, quindi tutto fa parte del piano della salvezza divina”.


I ragazzi della Don Bosco di Manfredonia.
Terminata la conferenza l’esorcista Padre Cipriano è stato ospitato dall’associazione per un rinfresco, “con la gioia di noi ragazzi della Don Bosco – scrivono i rappresentanti dell’associazione – che per l’occasione abbiamo voluto fargli un regalo: un cartellone firmato da noi ragazzi con un libro che, aperto, porta all’interno un’immagine di San Giovanni Bosco”.

“Ci dovrebbero essere di più di eventi del genere perché ci edificano dal punto di vista culturale ma soprattutto spirituale. Ma un aspetto ancora più bello è la collaborazione che tra noi ragazzi dell’associazione Don bosco è venuta fuori per realizzare questa splendida giornata, e questa è un ulteriore occasione per ribadire che quando si è uniti in Cristo tutto è possibile, perché l’unione in Cristo fa la vera forza, forza davanti alla quale il nostro nemico numero uno non può fare assolutamente niente”.

(Testo a cura dei ragazzi dell’associazione Don Bosco di Manfredonia, per Stato)

Metti una sera con l’esorcismo. Padre Cipriano De Meo: “cattolici ignoranti” ultima modifica: 2011-12-02T16:41:58+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • IL DIAVOLO VORREBBE CONVERTIRSI MA GLI UOMINI GLIELO IMPEDISCONO

    SQ – Perché Dio ha creato il diavolo?
    PCDM – Dio non ha creato il diavolo. Egli ha creato angeli buoni, ai quali ha dato libero arbitrio. Perciò essi come noi, però prima di noi, hanno avuto la libertà di seguire Dio, oppure di non seguirlo.

    SQ – Il diavolo può convertirsi?
    PCDM – No, perché per natura egli è superbo, orgoglioso ed ha sempre quella voglia di essere uguale a DIO, perciò lo odierà sempre.

    MA SE HA APPENA DETTO CHE IL DIAVOLO PRIMA ERA UN ANGELO DOTATO DI LIBERO ARBITRIO CHE HA DECISO DI DIVENTARE TALE PER SCELTA, PERCHE’ ALLORA SEMPRE PER SCELTA NON POTREBBE DECIDERE DI CONVERTIRSI RITORNANDO AD ESSERE UN ANGELO?!
    Il fatto e’ che semplicemente il male ed il bene albergano in ognuno di noi e spetta a noi (con la preghiera o senza) decidere da che parte stare. Bene fanno comunque la Chiesa ed i sacerdoti ad aiutarci a capire che la scelta giusta è quella di stare sempre dalla parte del BENE, qualsiasi cosa esso sia o da qualsiasi entità venga rappresentato.
    E’ CHIARO CHE, IN QUEST’OTTICA, L’UNICA POSSIBILITA’ CHE RESTA “AL DIAVOLO” DI CONVERTIRSI E’ ATTENDERE CHE NOI TUTTI DIVENTIAMO BUONI.
    MA QUANDO???
    PERTANTO, IN ATTESA CHE IL BENE SCONFIGGA DEFINITIVAMENTE IL MALE, AUGURIAMOCI CHE IL BENE CONTINUI ALMENO SEMPRE A PREVALERE, CHE E’ GIA’ TANTO!


  • Xmode

    Condivido soltanto l’espressione “dei cattolici ignoranti”. Il resto è una serie di luoghi comuni, mitologia non dimostrata, consigli dispensati e minacce velate. Quello a cui la chiesa ci ha abituati da 2000 anni circa.


  • Anonimo

    L’incontro è andato molto bene; per me è stato un momento di Grazia… Essere seduto accanto a P. Cipriano, il decano degli esorcisti mondiali, che esercita dal 1952 ed ha iniziato “incoraggiato” da P. Pio; è come immettersi in una corrente di Grazia che da P. Matteo, passando per P. Pio, arriva a P. Cipriano… bellissimo!!!


  • Anonimo

    Sono don Antonio Mattatelli…


  • vincenza

    DA TEMPO PENSO DI PORTARE UN GRUPPO DI GIOVANI DA PADRE CIPRIANO DE MEO, PER RICEVERE DA LUI UNA CATECHESI.OPPURE VORREI SAPERE SE P.CIPRIANO ORGANIZZA DEI CONVEGNI.
    MI POTETE DARE RISPOSTA?


  • domenico

    Solo chi è affetto da questi mali può capire certi argomenti..

    leggete letteratura specializzata zata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi