Manfredonia
Nota stampa

Giovani Comunisti/e di Manfredonia “Perchè i ragazzi dovrebbero votare NO”

Di:

Comunicato Giovani Comunisti/e – (Giovanile del Partito della Rifondazione Comunista)

Come può un governo che non è mai passato per una consultazione popolare, mai eletto, decidere di cambiare, in realtà stravolgere, la costituzione italiana facendo leva sullo spauracchio del rialzo dello spread e della crisi?

Non dobbiamo mai dimenticarci di chi tira i fili della marionetta Renzi, ossia dei padroni di turno,come Marchionne (Confindustria) e dei piu forti poteri finanziari ed economici d’europa e del mondo come la Goldman Sachs, Kerry e numerosi altri capi di stato e di governo ,si sono espressi a favore della “riforma Renzi-Boschi-Verdini”, una riforma chiaramente volta ad eliminare quel poco di democrazia che ancora “grava” sulle logiche dei mercati finanziari.

Analizziamo i punti cruciali di questa riforma:

– Art. 55 e 57

Di fatto, viene abolita l’elezione dei senatori, che verranno scelti tra Consiglieri regionali , notoriamente conosciuti per l’assenteismo(oltre che per la corruzione) ed i sindaci che oltre a mandare avanti la difficile macchina amministrativa dei Comuni ,si dovranno dividere in quattro per essere anch’essi lucidi e presenti alle discussioni del senato;
-Art 71

Aumenta di fatto il numero delle firme necessarie per le leggi d’iniziativa popolare ,che passeranno da 50.000 a 150.000,pena sconfitta dell’iniziativa referendaria.

Una variazione creata ad Hoc dal governo ,con il fine ,non dichiarato ma voluto, di rafforzare l’esecutivo;

-Art.72

Prevede una corsia preferenziale per i ddl di governo più importanti, come scritto “Il governo può chiedere alla camera che un disegno di legge sia iscritto con priorità all’ordine del giorno “,ciò significa che il governo controllerà e determinerà l’intera agenda del parlamento;

-Art 70

Tralasciando la forma (assolutamente incomprensibile ),nella sostanza afferma che il senato potrà votare un infinità di leggi complicando il bicameralismo ,che si dice di voler abrogare, aumentando la litigiosità costituzionale .

Non a caso al suo interno c’è una misura per risolvere la questione di competenza e non vi è alcuna semplificazione.

Oggi viviamo in una società nella quale i ricchissimi ,traggono profitti sempre maggiori,mentre noi,perdiamo diritti ogni giorno.

Perdiamo la possibilità di votare direttamente i nostri rappresentanti e, nel caso specifico, quelli del senato. Perdiamo il diritto di accesso alle cure, perché la sanità “pubblica” prevede liste di attesa interminabili che, così, divengono inutili; i ticket sono costosi, le prestazioni inaccessibili e il governo taglia quei fondi che le regioni dovrebbero destinare al sistema sanitario.Perdiamo il diritto allo studio, perché le università tagliano fondi per le borse e contemporaneamente alzano vertiginosamente le tasse d’iscrizione. Perdiamo la stabilità, perché l’unico lavoro possibile è quello precario, la cui unica costante è quella della logica del ricatto continuo; ed insieme al lavoro stabile perdiamo il diritto alla pensione, alla casa (è impossibile accedere ad un mutuo senza un contratto a tempo indeterminato), veniamo sfruttati attraverso tirocini non retribuiti, lavori in nero (sempre che non ci alieniamo nella disoccupazione e nella povertà).

Appare quindi chiaro il motivo per cui Renzi e la sua corte ritengano così importante manomettere la costituzione migliore al mondo, una costituzione che, è giusto ricordarlo, se applicata nella sua interezza, contiene al suo interno alcuni elementi iniziali di un socialismo progressista maturo.

Oggi chi detiene il potere vuole tenerselo stretto, e per farlo ha bisogno di una mossa che rappresenta il leitmotiv della politica renziana, stravolgere apparentemente l’esistente affinché tutto resti immutato.

Per battere questo venditore di fumo, c’è bisogna di un alleanza intergenerazionale ,gli anziani traghettino noi giovani ,aiutandoci a riprendere le redini del nostro futuro.

Noi giovani, questo mondo da loro disegnato, vogliamo sovvertirlo, vogliamo abbatterlo, vogliamo superarlo.

Per queste ragioni invitiamo a votare No al referendum costituzionale del 4 dicembre.

Segretario Giovani Comunisti/e – Filippo Lupoli



Vota questo articolo:
15

Commenti


  • Zuzzurellone Sipontino

    Basterebbe elencare tutti quelli INTERESSATI al si (Jp Morgan, Confindustria, Marchionne, agenzie di rating, troika, Deutsche Bank, Financial Tims, Giorgio Napolitano presidente “interventista”, Confindustria, Industria del carbone e petrolio, Merkel, ecc.) per votare NO. Questa e la vera casta. Se il sì vincerà l’economia reale sarà schiacciata dagli “speculatori” e dai “clientes”?
    Inoltre, chi parla è stato eletto con legge elettorale che sentenza ha sancito incostituzionale, il governo ed il parlamento doveva restare in carica massimo 3 mesi e con nuova legge elettorale andare alle urne, subito.
    Coerentemente difendiamo il No al bombolone con un No il 4 dicembre per bloccare anche a Roma energas. E ancor di più prevenire, per il futuro, iniziative piovute dall’alto, sul nostro territorio, che non ci appartengono. Appartengono forse a chi ci governa da più di 20 anni? E’ una semplice domanda.


  • Teresa

    Se vince il no tutti i pensionati avranno l’aumento della pensione.

    Votate no.


  • Un cittadino si chiede.......?

    La mia riflessione è:
    che giustificazione danno dando i celeberrimi 4 uomini antigas istituzionali del Pd ai ragazzi che tanto hanno lottato contro il mostro di San Spiriticchio..come giustificano il loro SI?


  • Alchimista

    Carissimi giovani comunisti, avere un opinione manifestare le proprie idee è già questo il sintomo di intelligenza e sopratutto di essere persone che vogliono fare invece di creare solamente entropia. Vi invito calorosamente ha leggere questo articolo di Michele Serra al solo scopo di avere un idea ed una veduta più larga. http://www.linkiesta.it/it/article/2016/11/24/sergio-rizzo-litalia-e-in-mano-ai-mediocri-e-sul-referendum-sento-solo/32491/


  • Una cittadina si chiede.......?

    Come mai se è stato spiegato in tutte le salse che il referendum costituzionale non centra nulla con l’energas c’è gente che continua a battere questo chiodo ed a far finta di non capire?

    Oltre al fatto che le modifiche costituzionali non sono retroattive, si fa finta di non capire una cosa, anche adesso è il governo centrale che ha l’ultima parola sulla questione (non le autonomie locali), lo stabilisce il lo stabilisce il Decreto Sviluppo, leggetelo invece di raccontare barzellette.


  • Fabio

    Solo i para- voteranno si


  • sipontino indignato dall'ambiguità dei politici

    Ragazzi non fatevi condizionare e armate le vostri mani secondo la vostra coscienza.


  • Un cittadino si chiede.....?

    A parte che centra? A quale fantomatica retroattività ti riferisci? Al progetto o alla data della firma definitiva del Ministro Calenda? Chi vota SI spera in primis che il governo Renzi resti in sella con il resto di tutti i ministri reggenti i vari dicasteri.
    Il Pd è responsabile della situazione in cui si trova la città, caso Energas? SI!
    Dagli anni 90 il Pd governa Manfredonia e che dire poi della Puglia?
    In sintesi chi vota SI vota Renzi e il Pd e molto probabilmente il governo Renzi (forte anche del SI) imporrà ancora in modo più deciso la sua volontà nel realizzare cio’ che è ritenuto strategico e strategico sarebbe altresì la scusa di molti molti locali che devierebbero sul governo centrale le loro responsabilità e il loro pressapochismo del passato.

    Il NO indebolirebbe il Governo con probabile caduta dello stesso o costringendolo a stare in sella qualche mese giusto per stilare una nuova legge elettorale e quindi mettendolo in condizione di non firmare atti di una certa importanza.
    Insomma chi coltiva speranze per la causa Sipontina è obbligatato a votare NO! Chi ha particolari simpatie per Renzi e colleghi, per il Pd a prescindere e anche chi predilige il teatro e le maschere vota SI.


  • verità vera

    A TUTTI I GIOVANI VI STANNO PARLANDO GENTE ORAMI ARRIVATI AL CAPOLINEA..PER CUI VI VOGLIONO DIROTTARE SUL VECCHIO SISTEMA..NON FATEVI INFLUENZARE..USATE IL VOSTRO CERVELLO..UN CAMBIO ..NON ALLA COSTITUZIONE MA UN CAMBIO E RIDUZIONE DEI COSTI IN PARLAMENTO ..CON RAPPRESENTANZA DEI NOSTRI ELETTI…MEDITATE…


  • Zuzzurellone Sipontino

    Scusate ma se vince il si, i conti ve li siete fatti, riguardo ai senatori? Chi, in provincia, ha VELLEITA’ di fare il senatore e vota e fa votare si, i conti se li è fatti? Mi spiego, alla Puglia spettano 6 senatori, 3 andranno a Bari fra città metropoilitana e suo territorio, 3 a Brindisi, Lecce e Taranto. Le probabilità che la provincia di Foggia elegga un senatore sono quasi nulle . Torniamo indietro agli anni 60. Poveri portatori di voti a Bari. Al trio BCR, i conti ve li siete fatti? Ph duci, ca i sard ci mangn l’alci…..
    Vote e fate Rivotare NO


  • verità vera

    NON VI VOLETE RASSEGNARE..AL NUOVO MODO DI SNELLIRE E VELOCIZZARE LE NORME E LEGGI…VOTATE SI


  • Mister X

    ahia..insisti verità con questo SI snellire e velocizzare si le mazzate e gli sfondamenti a_____i di primo grado. Questi SI a Manfredonia è utile solo perchè strizza l’occhio ad una nota azienda..


  • Il NO verso l'80%?


  • Domenico

    I pallonari dell’energas votano NO,

    i cittadini informati e responsabili votano SI


  • SI al referendum SI all'ITALIA

    Votare SI per il bene economico futuro del paese..al di la di Renzi….altrimenti rischiamo nuova manovra economica lacrime sangue x pagare aggravio costo interessi x il debito pubblico….

    Se vince il no, lunedì crollo delle borse ed aumento dello spread (e del nostro debito pubblico)

    Non dimenticate Monti.

    Chi nega queste cose è un falso.

    IO VOTO SI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati