Manfredonia
"I lavoratori provengono da un percorso di tre anni di solidarietà"

Manfredonia, sciopero lavoratori contro “disdetta contratto e piano esuberi”

Lo sciopero è iniziato dalle 16.30 di oggi e terminerà alle ore 16.30 di sabato


Di:

Manfredonia. ”I lavoratori della Silac di Manfredonia Azienda leader nella produzione del latte e della trasformazione dei prodotti derivati in capitanata sono in sciopero, una azienda che per anni è stata un punto fermo nell’industria alimentare ma che negli ultimi ha perseguito una politica di contrazione, ed a farne le spese sono state le maestranze.

I lavoratori provengono da un percorso di tre anni di solidarietà, e dopo questo percorso l’azienda in maniera unilaterale ha provveduto a disdettare il contratto, senza programmare il futuro senza un piano industriale e senza discutere di un vero e proprio piano riorganizzativo complessivo. Le richieste dell’azienda si limitano complessivamente alla riduzione del personale di circa un terzo delle maestranze, dei circa 50 dipendenti presenti in azienda, la Silac dichiara circa 15 esuberi, senza alcun dato a sostegno, più volte è stato chiesto un piano industriale, ed un percorso di discussione che coinvolgesse le maestranze, ma ad oggi i lavoratori non hanno avuto alcuna risposta, alla domanda è stato sempre risposto nella stessa maniera, “dobbiamo ridurre il personale”.

Per questo i lavoratori riunitosi in assemblea hanno deciso di proclamare uno sciopero di 24 ore nel pieno diritto, e l’azienda di contro peso in modo scorretto e fazioso, nella giornata di ieri ha comandato i lavoratori, a produrre quantità superiori in modo da garantirsi le mancanze che potevano provocare lo sciopero, probabilmente oltrepassando i limiti previsti dal contratto di solidarietà. Atteggiamento che deve sommarsi al mancato versamento delle somme destinate alla previdenza complementare come ALIFOND, che il sindacato sta chiedendo da oltre due anni con un piano di reintegro rateizzato, che ad oggi non ha trovato riscontro, anche in barba ad impegni precedentemente assunti con accordi in Associazione Industriali.

Lo sciopero è iniziato dalle 16.30 di oggi e terminerà alle ore 16.30 di sabato, le maestranze operaie hanno aderito all’80 %, i problemi sino ad ora si sono trascinati e sono stati caricate sulle spallle delle maestranze, in modo iniquo. L’utilizzo dello sciopero deve evidenziare un atteggiamento aziendale non più sostenibile, e qualora la discussione resta arenata e non si trovi una soluzione condivisa, il sindacato ed i lavoratori non escludono ulteriori momenti di lotta e di sciopero. In queste ore davanti all’azienda è presente anche un presidio dei lavoratori.

FEDERAZIONE LAVORATORI AGRO INDUSTRIA

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT

Manfredonia, sciopero lavoratori contro “disdetta contratto e piano esuberi” ultima modifica: 2016-12-02T20:33:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
20

Commenti


  • Granarolo

    Da quello che so io questi vogliono chiudere.


  • Anna Carmela

    Chiuderanno dopo aver realizzato un nuovo impianto. L’azienda ha un bel giro di distribuzione tra puglia basilicata, campania e Molise. l’azienda ha sempre elargito stipendi e premi ai lavoratori. Ora i tempi sono cambiati e lo stipendio deve essere proporzionato alla produzione del lavoratore.
    Siamo sempre meriodionali e non riusciamo a capire che la Silac appartiene ai proprietari ed agli operai e impiegati tutti


  • Nino Giagrande

    (la fatiga si chiama chicozza……….)


  • Mister X

    Peccato, perchè -questa storica azienda lattocasearia?

  • Non si può -i dipendenti.se 1azienda non elargisce quanto deve ai dipendenti, non andrá lontano… delle situazioni difficili di questa terra e di tutte le problematiche famigliari che ne conseguono i lavotori sono diventati zimbelli, e chi comanda ha fatto in modo che la silac, riconosciuta un tempo come il fiore all’occhiello della produzione casearia,diventasse solo un’aziendina che produce poco…smettetela di chi lavora e riaprite i locali che facevano le metavigliose provoline riconsciute anche all’estero.


  • mind

    Solidarietà pei gli operai

  • I risultati di un’azienda ci sono quando il datore capisce che se si arricchisce, buon parte dei meriti vanno ai lavoratori. Senza di loro il lavoro non prosegue ma nemmeno il guadagnodagno.Per questo invito alle caste a ripensare a quanto bisognerebbe essere debitori nei confronti di chi si piega alle vostre volontá.

  • E non ci lasceremo mai…la la la
    Vergognoso! Gia non abbiamo nulla qui pure la silac vuole chiudere?preparatevi tutti qui c’è solo da emigrare solo i pensionati possono permettersi ancora un buon caffé e la spesa…


  • e vaiiiii

    E si tanto prima la mucafer…dopo il contratto d’aria fritta…poi la manf vetro…
    Praticamente é finito tutto…
    E noi popolo di ignoranti continuiamo a dire NO a tutto…qui si ragione basta che sto bene io stanno bene tutti…
    Il paese si regge sugli stipendi dei dipedenti statati…..dei professori…e dei dipedenti dell aureonatica…o forze armate….


  • Dirigenza incapace

    Non parliamo senza conoscere i fatti,i lavoratori non c’entrano nulla,le Aziende devono implementare il mercato;Invece di aumentare la varieta’ dei prodotti,questa azienda va in retromarcia da alcuni anni,perdendo mercato ovunque.Quindi i problemi sono di chi gestice la fabbrica.

  • Per Anna Carmela e e nino giagrande
    ma che state a di???sapete di cosa parlate prima di spararle grosse?non mi sembra. Quanto a nino se hai una famiglia da mantenere non ti permetteresti a dire cavolate. Probabilmente saraì uno dei tanti che sta senza far nulla a grattarsi la panza in qualche bel club a parlar male solo sulle disgrazie altrui.che bella gentaglia!!! In bocca a lupo ai poveri lavoratori che si sono subiti persino il contratto di solidarietà x 3 anni.assurdo ed ora vi vogliono cacciar via.ke Dio abbia pietá di tanta aviditá umana


  • Vincenzo

    The Queen. Grazie x la tua solidarietà. Ad Anna Carmela e Nino Nn vale neanche la pena rispondere. Si devono solo vergognare.


  • Il bello viene ora

    Management silac??? Mah!


  • Antonio Trotta

    Questi sono i risultati post contratti d’Area. Si è preferito finanziare realtà del nord senza valorizzare quelle del Sud e di Manfredonia.
    Bella realtà azienda, ma probabilmente, come tutte le aziende a conduzione familiare, distante dal mercato.
    Solidarietà ai lavoratori che purtroppo pagano la cattiva gestione.
    Con un tono polemico, l’invito a rivolgervi a quanti, hanno aperto bocca definendo le linee strategiche per la crescita di Manfredonia, trovando le soluzioni.
    Ora risolviamo il problema Silac.


  • Lucia

    Solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie…dove andremo a finire????tutto allo sbando.. Ne pukket sta città!!!!


  • verità vera

    ESISTE IL PROBLEMA SILAC ORA E PARLARE DI TALE ..AZIENDA CHE EVIDENTEMENTE E’ IN ESUBERO DI COSTI..E CARENZA NELLE VENDITE..CONCORRENZA DEL SETTORE CON SCARSA VEDUTA E PROGRAMMA OLTRE..IDEE POCHE…E PURE E’ UN SETTORE DOVE LO STATO ELARGISCE FINANZIAMENTI MA….NON AGGIUNGO ALTRO IN QUANTO NON CONOSCO LA VERA PROBLEMATICA..MA DICO SOLO CHE E UN BEL SETTORE QUELLO DEL LATTIERO CASEARIO…


  • Silac il problema e' chi la gestisce

    Il problema Silac sono i gestori della stessa ,non perdete tempo,se non sei capace,e anziche’ stare al passo con i tempi,non fai piu’ latte,importi di tutto di piu’, e’ normale che non hai piu’ bisogno di tanti operai.

    @evaiii: sei sempre il solito camuffato con vari nomi,si dice NO e si continuera’ a dore NOOOOO ad ENERGAS(il tuo riferimento e’ quello , perche’ ti hanno promesso il posto) ad un gasdotto di megadimensione con tutti i rischi connessi per 16 posti a regime(gia’ assegnati e non certe a persone per bene) quindi vatt culc!!!


  • Leonina

    Un imprenditore sa bene che i collaboratori sono l’anima dell’azienda. Quando le cose non vanno bene si trovano soluzioni alternative e si tagliano i rami secchi.
    Meglio dialogare e trovare soluzioni costruttive nel rispetto di tutti.
    In ultima considerazione penserei ha creare in cooperativa una azienda parallela e concorrente alla stessa Silac mettendo sul mercato prodotti nuovi. Si mangia tutti i giorni e quindi lavorerete sempre.

  • Un fiore all’occhiello del settore industriale Manfredoniano non dovrebbe arrivare a queste situazioni ma se sta succedendo è solo perché la politica locale non riesce a valorizzare sponsorizzare e propagandare questi patrimoni che vanno fortemente difesi anche se un po’ di responsabilità c’è l’anno anche i dirigenti dell’azienda e in parte anche noi consumatori che per qualche centesimo in meno compriamo prodotti importati e comunque non è mai troppo tardi per rilanciare una azienda come la Silac e salvare posti di lavoro , basta un po’di buona volontà politica e imprenditoriale . Tutta la nostra solidarietà a questi lavoratori e alle loro famiglie.

  • E comunque serve anche un buon piano di rilancio e di investimento aziendale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This