Foggia
Reso esecutivo con decreto del Giudice Delegato

Stato passivo Don Uva, ultima udienza per domande tardive

"Siamo alle ultime battute di una gigantesca procedura concorsuale"

Di:

Foggia. Si è svolta in data 1 dicembre 2016, presso il Tribunale di Trani, l’ultima udienza relativa alla “procedura di verifica dello stato passivo” delle domande dei creditori della Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza. L’attività di verifica ha riguardato solo le istanze creditorie presentate tardivamente e si è svolta dinanzi al presidente della Sezione Fallimentare del Tribunale di Trani, dr Alberto Binetti, Giudice Delegato nella procedura di Amministrazione Straordinaria della Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza ed al Commissario Straordinario Avv. Bartolomeo Cozzoli. Lo Stato Passivo delle domande tardive è stato reso esecutivo con decreto del Giudice Delegato e nei prossimi giorni verrà trasmesso telematicamente ai creditori che potranno eventualmente proporre opposizione nei termini e con le modalità stabilite dalla Legge Fallimentare.

Siamo alle ultime battute di una gigantesca procedura concorsuale. L’attività di verifica partita nel 2014 ha riguardato oltre 2700 insinuazioni, la più grossa – anche per il numero di creditori – mai svolta dinanzi al Tribunale di Trani. La verifica dello stato passivo si concluderà con l’esame delle domande “ultratardive” pervenute.

Lo stato passivo ha una duplice funzione: la prima è accertare quali, tra i creditori insinuati, siano titolari del diritto di ottenere il pagamento di ciò che ad essi è dovuto ed in quale misura; la seconda è quella di consentire agli stessi creditori di partecipare al concorso, in ragione del credito accertato, per il soddisfacimento dello stesso.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT

Stato passivo Don Uva, ultima udienza per domande tardive ultima modifica: 2016-12-02T11:42:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi