CronacaStato prima
"E' l'ennesima dimostrazione del fatto che proprio nella legge c'è un gravissimo ostacolo"

Dottoressa violentata:Bongiorno,più tempo per querele

"Se il legislatore non modifica la norma - prosegue la Bongiorno - le donne continueranno ad essere doppiamente vittime"


Di:

(ANSA) – ROMA, 2 DIC – “E’ l’ennesima dimostrazione del fatto che proprio nella legge c’è un gravissimo ostacolo alla possibilità di presentare denuncia da parte delle donne che hanno subito violenza sessuale. Sei mesi, come prevedono le norme, sono un termine troppo breve e spesso questo periodo di tempo è a malapena sufficiente perchè una donna inizi anche solo a maturare la decisione di parlare con qualcuno di quello che le è successo. I termini vanno almeno raddoppiati”.

Lo sostiene l’avvocato Giulia Bongiorno commentando la decisione del Tribunale del riesame di Bari di scarcerare Maurizio Zecca, il cinquantunenne accusato di aver violentato una dottoressa della guardia medica che lo aveva denunciato dopo nove mesi dall’episodio. “Se il legislatore non modifica la norma – prosegue la Bongiorno – le donne continueranno ad essere doppiamente vittime: di chi ne ha abusato e dello Stato che ha stabilito termini del tutto inadeguati per denunciare. Il tribunale di Bari ha solo applicato la legge e non me la sento di criticare quei giudici”.

(ANSA)

Dottoressa violentata:Bongiorno,più tempo per querele ultima modifica: 2017-12-02T19:08:59+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This