Economia

Bortolussi: competitività in UE: tiene il Nordest, bene Bolzano

Di:

Giuseppe Bortolussi - Fonte: http://www.panorama.it/

Se confrontato con le principali regioni europee che presentano una popolazione e una struttura produttiva simile alla nostra, il Nordest non sfigura. Anzi, con la provincia autonoma di Bolzano sfioriamo addirittura le primissime posizioni della graduatoria. A dirlo è la CGIA che ha calcolato l’indice di competitività di 10 realtà territoriali appartenenti ai paesi più grandi e avanzati d’Europa e lo ha confrontato con quello delle quattro aree del Nordest (Veneto, Friuli V.G. e le province autonome di Trento e Bolzano).

Se al top di questa particolare classifica troviamo Stoccolma (100 punti), l’Alta Baviera (94,6 punti) si piazza in seconda posizione, mentre la Zuid-Holland (84,2 punti) si colloca in terza posizione. Al quarto posto troviamo Stuttgart (82,7) e al quinto Bolzano (72,5). Trento (48) è all’ottavo posto, mentre il Veneto (43 punti) si colloca al decimo. Tra le nostre realtà chiude al dodicesimo posto il Friuli Venezia Giulia (35,3 punti).

Gli indicatori presi in esame sono stati ben 12: sette che riguardano il mercato del lavoro; due la ricchezza prodotta, uno la produttività, un altro la povertà e l’ultimo la ricerca e l’innovazione. “Se la crisi ha penalizzato la nostra posizione riferita agli indicatori del mercato del lavoro e del Pil – dichiara Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA – recuperiamo alcune posizioni quando analizziamo la produttività. Perdiamo meno degli altri quando osserviamo il trend del rischio di povertà, anche grazie alla presenza sia delle piccole imprese a conduzione familiare sia delle associazioni di volontariato che garantiscono un buon livello di coesione sociale”.

Nota:
L’indice di competitività delle aree territoriali europee simili al Nord Est è stato costruito sulla base dell’andamento di 12 indicatori che descrivono il mercato del lavoro (tassi di disoccupazione e di occupazione), il prodotto interno lordo pro-capite, il valore aggiunto per addetto, il rischio di povertà e le risorse umane nel ramo scientifico-tecnologico.

La scelta delle aree territoriali competitor del Nord Est (10 regioni europee) è avvenuta sulla base dell’acquisizione di alcune informazioni statistiche relative alla totalità delle regioni europee identificate come NUTS2 (per maggiori informazioni circa i parametri presi in esame per la selezione e la metodologia di calcolo dell’indice si rimanda all’appendice metodologica).

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi