FoggiaManfredonia

Gentile oggi a Foggia: abbattere liste di attesa in sanità

Di:

Foggia – “ABBIAMO centrato il pareggio dei conti delle Asl. E i pagamenti ai creditori si sono ridotti a pochissimi mesi di attesa, a 200 giorni, al di sotto della media nazionale. Il nostro obiettivo è ora senza dubbio l’abbattimento dei tempi delle liste di attesa”. Lo dice in una nota l’assessore al Welfare, Elena Gentile, oggi a Foggia in conferenza stampa presso la Asl locale (insieme ai vertici di Asl e OORR).

“La salute dunque non solo come cura dei malati e delle malate, ma anche rispetto dei conti che permetteranno 500 milioni di euro di investimenti in nuovi ospedali e luoghi di cura, ad infrastrutture di medicina territoriale. Il tutto inserito in un’idea di presa in carico globale della persona debole. Penso alle 300 famiglie SMA che curiamo, ai 45 piani di zona, alle assistenze domiciliari integrate, al progetto Rosa per le badanti, alle 10.000 famiglie che hanno accesso ai nuovi asili nido. Per il 2014 penso a quello che succederà a Taranto con l’accordo di programma quadro per il nuovo ospedale da 700 posti e al nuovo ospedale di Monopoli-Valle d’Itria”.

“Uno dei punti dolenti e dolorosi dell’offerta sanitaria – ha proseguito la Gentile – è quello dell’insopportabile lunghezza dei tempi di attesa per gli esami specialistici. Abbiamo affrontato con decisione questo argomento, condividendo il percorso con i sindacati, con le associazioni dei professionisti che saranno coinvolti in questa esperienza.

Apriremo gli ospedali di sabato e di domenica, soprattutto le unità operative di radiologia, per la radiodiagnostica per immagini, per le Tac, le Risonanze magnetiche, per gli esami di gastroenterologia e per gli esami cardiologici. Insomma un ospedale che diventa più accogliente, anche utilizzando tempi e spazi mai sperimentati nel passato. Cercheremo di abbattere le liste di attesa, e lo faremo utilizzando non solo le risorse del Fondo sanitario ma anche in maniera intelligente, quella quota parte di risorse che sono destinate al fondo per l’abbattimento delle liste di attesa rivenienti dalla libera professione dei medici”.

MESE DECISIVO PER DG ASL PUGLIA

FOTOGALLERY MAIZZI



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • logico 2013

    Caro Assessore Elena Gentile salvi L’ospedale di Manfredonia a noi del sindaco Riccardi che litiga con Lei non ci interessa Manfredonia ha circa 60.000 abitanti, aiuti la città le saremo riconoscenti, tanto il sindaco di Manfredonia non é amato più da nessuno cittadino visto come si comporta.

  • “Apriremo gli ospedali di sabato e di domenica, soprattutto le unità operative di radiologia, per la radiodiagnostica per immagini, per le Tac, le Risonanze magnetiche, per gli esami di gastroenterologia e per gli esami cardiologici.”
    Molto bene, ottimo lavoro.
    Ma, facciamolo.
    Gustavo Gesualdo


  • Vigoli Dino

    Noi saremo vigile,bene aprire il sabato e la domenica,ma attenzione dobbiamo mantenere gli stessi numeri di prestazioni,altrimenti si pagano gli straordinari per nulla.L’obbiettivo è ridurre i tempi di attesa non aumentare l’attesa in “sala”.


  • ciro

    damose da fa’ era ora


  • ernesto

    La ricetta per abbattere le liste d’attesa è quella che bisogna lavorare. Servono più controlli da parte dei dirigenti, se tutti lavorasero anzichè bivaccare, sicuramente le liste d’attesa si ridurrebbero.Urge controllo, conytrollo, controllo. Lo straordianrio va dato a chi se lomerita e non per partito preso.


  • teresa

    si fa prima d andare a bolzano


  • Alternativa

    Ma questa ancora parla?


  • S

    Non sono esperto di postura ma a me sembra che tutti i convenuti hanno una gestualità molto chiara: non c’è. Un solo primario presente che esprima un minimo di positività: si va da una passività attiva alla franca repressione di forti emozioni. La gentile ha contro ora anche i colleghi. Non ha il favore della gente, se non dei cerignolani. Vuoi vedere che la candidano al posto di vendo la?


  • Alternativa

    La signora secondo me vuole andare più sopra di Vendola… e pure più a ovest…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi