Cronaca

Longo: “così com’è la sanità pugliese è sempre più fallimentare”

Di:

Peppino Longo (Udc)

Peppino Longo (Udc)

“NON è possibile che resti inascoltato il grido d’allarme di quattrocento pazienti costretti a sottoporsi a terapia ‘salvavita’ e che hanno grosse difficoltà ad usufruire del servizio al Centro trasfusionale dello ‘Jaia’ di Conversano” è quanto dichiara il consigliere regionale dell’Udc Peppino Longo. E aggiunge:

“Si tratta di pazienti che da mesi vivono enormi disagi e che affrontano numerosi disservizi, costretti spesso a tornare a casa senza effettuare la cosiddetta ‘Tao’, con tutti i rischi che ciò comporta.

La lista dei disagi è lunga: il computer spesso va in tilt e l’addetto al servizio non può immettere i dati in rete e registrare il paziente; le stanze di attesa variano a seconda delle giornate, disorientando gli utenti; il servizio infermieristico accorpato al laboratorio analisi congestiona tutto provocando ritardi e confusione; i ritardi nella consegna dei referti è diventata una consuetudine.

Per non parlare, inoltre, del fatto che, nonostante le precarie condizioni di salute di molti di essi, i pazienti vengono costretti a soggiornare per lunghe ore nei locali sia per la consegna della tabella terapeutica che per i prelievi.

Il Distretto socio-sanitario pare che abbia più volte chiesto alla direzione generale della Asl Bari l’invio di nuovo personale, ma fino ad ora la risposta non è mai arrivata.

A proposito di Distretto socio-sanitario della zona del Sud-Est Barese, c’è il progetto, ci sarebbe anche la copertura finanziaria (8 milioni di euro) ma per la realizzazione non si conoscono i tempi.

C’è da augurarsi che nel nuovo anno il governo regionale cambi spartito e tenga ancora di più il fiato sul collo alle Asl: così com’è la sanità pugliese è sempre più fallimentare.

Una inversione di tendenza è quanto mai necessaria ma guai a perdere altro tempo: i cittadini sono stufi di subire disagi a causa dei tagli attuati dalla Regione e di vedersi mettere le mani nelle tasche per pagare le tasse senza avere servizi al passo con i tempi”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi