CapitanataFoggia

Ospedali Foggia, Gentile: senza risorse umane impossibile lavorare

Di:

Un momento della conferenza stampa di stamani (statoquotidiano)

Foggia – “NECESSARIA una migliore organizzazione” di fronte ad “esigenze come quelle di riempire 800 posti letto”; da qui fondamentale la parificazione tra domanda e offerta, “preoccupandosi di portarle al regime e non come semplici provvedimenti straordinari”. Così dalla conferenza stampa di stamani nella Sala Riunioni dell’ASL/Foggia, alla presenza del Direttore dell’Ospedale Riuniti, Tommaso Moretti, del Professore della Facoltà di Medicina, Matteo Di Biase, del Dottor Attilio Manfrini e dell’Assessore alla Salute e Welfare, Elena Gentile. Tutti insieme per far un bilancio delle attività e dei servizi raggiunti nel 2013 e delle prospettive nel 2014.

“L’ospedale, quando venne costruito, si trovava in una falda acquifera e non disponeva di tutti gli strumenti necessari. Per questo abbiamo avuto qualche problema e siamo in procinto di collocare ulteriori strutture riferimento. In Viale Pinto non si può avere un ospedale spaccato in 2. Mettiamo in rilievo l’esigenza di un cambiamento senza il quale la nostra organizzazione non è in grado di rinnovarsi, tecnologicamente parlando, in vista di un continuo sviluppo”, ha detto il Dottor Moretti.

“Abbiamo completato la nuova medicina nucleare, avviato recentemente la centrale del 118 (costruita ex novo grazie ai fondi europei) della quale gestiamo 45 unità operative e bandito una selezione per trovare un ingegnere per il processo di consolidamento della maternità, settore più debole dal punto di vista strutturale. Da non dimenticare il discorso dell’organico perché senza risorse umane non è possibile lavorare. Ci sono sempre stati ottimi rapporti col personale, ma in questa fase critica si è sentito stressato. Quindi, con l’approvazione del consiglio comunale, disporremo un asilo nido per i figli dei dipendenti”.

Concetti ripresi dal Professore Di Biase, il quale pone la questione a un livello didattico come “università che ha portato la cultura, nonché un notevole numero di persone creando un collegamento con l’ASL. L’università richiede macchine senza le quali non ci può essere un’ idonea assistenza. Ho esaudito il sogno di aver realizzato la migliore cardiologia dell’intera Puglia, però un altro mio desiderio è quello di portare avanti il progetto di una cardiochirurgia. Pazienti che richiedono ad esempio una chirurgia vascolare sono costretti ad andare altrove. Perciò spero di avere il sostegno di tutti e, in particolar modo, dell’assessore dato che la politica sceglie dove impiantare le risorse”.

La Regione Puglia ha messo a disposizione sei milioni per il 2014; Elena Gentile ne espone le prospettive a dimostrazione del fatto che lei ha “voluto indire la conferenza per riaprire un confronto con l’opinione pubblica, di modo che si faccia un esito di ciò che è stato prodotto in tema di benessere e di vita e delineare il futuro della sanità e delle sue politiche nel nostro ambiente. Tutto ciò dipende dalla qualità dei servizi.

L’obiettivo da porsi è riqualificare l’area coinvolgendo i cittadini con progetti quali l’assistenza domiciliare, il centro di medicazione assistita, il sostegno a coppie con basso reddito con il centro PMA, l’abbattimento di sale d’attesa per persone prenotate tra il 2014-2015, la costituzione a Borgo Incoronata di un parco della salute rivolto a pazienti specifici (diabetici, tisici, ecc). Oggi siamo nelle condizioni di poter assumere delle figure professionali che diano fiducia e speranza in tale periodo di crisi dove i poveri sono una ‘minaccia’ rinunciando a curarsi a causa dell’alto costo delle cure”.

Lo scopo è di servire almeno l’87% della popolazione attraverso una spending review che vagli le risorse umane per potenziarle al meglio: razionalizzare la spesa e offrire un servizio migliore con una rete pugliese che non può prescindere dalla sanità.

(A cura di Sonia Scarpiello – soniafg@hotmail.it)

FOTOGALLERY MAIZZI



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi