BATFoggia
Analoghe minacce hanno subito i suoi diretti collaboratori

Don Uva, aggressione a Commissario Cozzoli: arrestato foggiano

La Casa Divina Provvidenza di Bisceglie era stata già interessata alle indagini sul crack di circa 500 milioni di euro di cui alla nota Operazione ORO PRO NOBIS

Di:

Foggia. Questa mattina, finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria del Comando Provinciale della Guardia di Finanza Bari e i Carabinieri del Compagnia di Trani hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nonchè perquisizioni locali e domiciliari. La persona tratta in arresto – su ordine del G.I.P. di Trani dr.ssa Rossella Volpe, su richiesta dellaProcura della Repubblica di Trani (dell’indagine sono titolari il Procuratore Aggiunto dr. Francesco Giannella ed il Sostituto Procuratore dr.ssa Silvia Curione), è il 45enne Antonio Nardella, residente in Foggia, dipendente della AMBROSIA TECHNOLOGIES S.r.l. di Milano, società che aveva stipulato un contratto pluriennale per i servizi di mensa e pulizia con la Casa Divina Provvidenza di Bisceglie (BT), ora in amministrazione straordinaria ai sensi della Legge Prodi bis. Nardella è stato associato nel carcere di Trani.

La Casa Divina Provvidenza di Bisceglie era stata già interessata alle indagini sul crack di circa 500 milioni di euro di cui alla nota Operazione ORO PRO NOBIS (diretta dalla Procura di Trani e condotta dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Bari) del giugno 2015, che aveva portato all’arresto di numerosi responsabili per reati di associazione a delinquere, bancarotta e altro. L’arresto di Nardella – accusato di estorsione, minaccia e violenza, aggravate – si inquadra nell’ambito delle indagini svolte in seguito all’aggressione posta in essere il 15 febbraio u.s., da un “commando di violenti”di circa 30 persone, nei confronti dell’Avv. Bartolomeo Cozzoli, nominato – dal Ministro per lo Sviluppo Economico – Commissario Straordinario dell’Ente Religioso Casa Divina Provvidenza, di Bisceglie (BT)e dei suoi collaboratori. In quell’occasione, a seguito di una vera e propria irruzione negli uffici della Casa Divina Provvidenza, in Bisceglie, il gruppo di persone, capeggiato da Nardella, minacciò gravemente l’avv. Cozzoli con parole del tipo “tu non te ne vai di qua se non firmi la revoca”, “tu non esci vivo”, “ti ammazzo”, “bastardo”, dove sta la tanica della benzina” ; il pubblico ufficiale fu anche strattonato e picchiato, riportando escoriazioni al ginocchio ed alla bocca. Analoghe minacce hanno subito i suoi diretti collaboratori, tra cui il Direttore Amministrativo dell’Ente, Marcello Paduanelli, al quale fu messa a soqquadro la scrivania ed il Direttore Finanziario Massimo Rubini, sfiorato addirittura da un pugno. Il motivo dell’aggressione era da ricercare nella disdetta del contratto che il Commissario Straordinario aveva notificato, alcuni giorni prima, alla società Ambrosia – a causa della sua eccessiva durata ed onerosità, avvalendosi dei poteri straordinari concessi dalla Legge Prodi bis. Ciò,nonostante egli avesse assicurato al personale dipendente che la risoluzione del contratto non avrebbe determinato la perdita dei posti di lavoro.

L’irruzione guidata dal Nardella, come riportato innanzi, dipendente di Ambrosia S.r.l. per la sede di Foggia della CDP, aveva, invece, il preciso scopo, di costringere il Commissario a redigere immediatamente un documento che annullasse la precedente disdetta nei confronti della stessa Ambrosia S.r.l.. Solo dopo aver raggiunto tale scopo, il gruppo dei violenti era andato via. Le indagini cominciate la sera stessa dell’aggressione, condotte da Guardia di Finanza e Carabinieri, hanno portato all’identificazione del capo del gruppo dei facinorosi. Proseguono ulteriori investigazioni per procederenell’identificazione degli altri partecipanti all’aggressione.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This