Manfredonia
Si tratta di Nicola Di Tullo, 46enne del centro sipontino

Manfredonia, uomo scomparso ritrovato senza vita

Il corpo senza vita di Nicola Di Tullo è stato ritrovato in località Miscillo, in agro di San Giovanni Rotondo

Di:

Manfredonia. E’ stato ritrovato senza vita il corpo di Nicola Di Tullo, 46enne (classe 1969) artigiano di Manfredonia, del quale non si sono avute più notizie dalle ore 15.45 di ieri, sabato 02 aprile 2016. Le ricerche sono state condotte dal Commissariato di Manfredonia, dai Carabinieri e dai Vigili del Fuoco. L’uomo sarebbe stato visto l’ultima volta ieri mentre scendeva verso l’ingresso della strada – in Contrada Garzia – che a nord conduce verso una nota azienda latteo – casearia. In particolare si fa riferimento all’area situata nei pressi della sede del Commissariato di Pubblica Sicurezza, termine di Viale Di Vittorio, con strada che da Siponto conduce verso la SP141 e la SS89 per Foggia. Da raccolta dati, Di Tullo viveva con i genitori nei pressi della zona della scomparsa.

Come comunicato a Stato Quotidiano il legale della famiglia Di Tullo, Avv. Gianfranco Di Sabato, il prefetto di Foggia dr.ssa Tirone aveva indetto da stamani un Piano provinciale di ricerche. Il legale della famiglia aveva lanciato un appello alla popolazione per la comunicazione di elementi utili per le indagini. Da evidenziare come l’uomo – prima della scomparsa – avrebbe fatto una chiamata a un amico chiedendo soccorso.

Il corpo senza vita di Nicola Di Tullo è stato ritrovato in località Miscillo, in agro di San Giovanni Rotondo. Si attendono ulteriori aggiornamenti.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Matteo Santovito

    Povero Nicola. Non meritavi affatto questa triste sorte. R.I.P.


  • linus

    mi spiace tanto per questa persona anche se non l’ho mai conosciuta, ma, tornando al fatto che il povero Nicola abbia detto ad un amico di chiamare le forze dell’ordine…….spero quest’ultimo non abbia chiamato i carabinieri! quest’estate in pieno giorno a siponto siamo stati vittime io e la mia donna in casa nostra da .. che prepotentemente cercavano di entrare, anzi, scavalcare il nostro cancello per…….chiaramente, rubare. ebbene il centralinista del 112 voleva sapere chi erano, come si chiamavano, che intenzioni avessero……….ma andata a cag………! meno male che siamo riusciti in qualche modo a farli desistere. …


  • fungo

    Poverino anche se nn mi appartenevi per me eri come un padre tvbbb


  • Christian di tullo

    R i p papà ti voglio bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi