Manfredonia
Lettera aperta di un cittadino, con richiesta di pubblicazione

Manfredonia, “Vogliamo fare qualcosa per questo territorio?”

"Volevo inoltre aggiungere a questa classe dirigente che a Foggia c'è un aeroporto che si chiama Gino Lisa. Un aeroporto oramai dimenticato da tutti"

Di:

Manfredonia. ”Gentili signori della classe politica e dirigenziale della Capitanata, vorrei farvi notare quanto di bello abbiamo in questo territorio, una fortuna non sfruttata al meglio per le potenzialità che offre, mi riferisco al “Mare“. Per tanti sarebbe bello vivere sul mare. Tanti esprimono giudizi positivi in merito alle località balneari, e noi cosa facciamo, stiamo a guardare? Il mare porta frutti a partire dal pesce fresco che tutti i giorni la gente del posto ha la possibilità di degustare. Il mare genera occupazione ma la stessa non viene sfruttata al meglio in quanto mancano le infrastrutture adeguate, vedi alberghi, acquapark, attrazioni balneari ecc….. Il mare in questi giorni sta subendo un attacco non da poco: il referendum del 17 aprile può e deve dare a i cittadini, tutti, italiani, una possibilità: quella di scegliere per il proprio futuro e io non ci sto a farmi dettare la mia vita, voglio scegliere io cosa è giusto o sbagliato per me. Da qui invito tutti i cittadini ad andare a votare e se sarà SI’ si potrà ragionare anche in termini di vittoria del popolo.

Volevo inoltre aggiungere a questa classe dirigente che a Foggia c’è un aeroporto che si chiama Gino Lisa. Un aeroporto oramai dimenticato da tutti, un aeroporto che potrebbe veramente trainare un treno di economia, lavoro, infrastrutture. Nella provincia di Foggia ci sono delle strade oramai che non si possono percorrere per motivi di voragini e caduta del manto stradale, vedi strada Pietramontecorvino-Castelnuovo della Daunia. Chiedere questo è troppo? Chiedere al politico di turno tutte queste cose è esagerato? Allora io mi chiedo per quale motivo siete stati eletti? Queste sono le domande che noi cittadini ci chiediamo. Questi sono i punti dove la forza politica deve intraprendere un percorso di rinnovazione di un territorio e lo deve fare sempre in maniera trasparente e magari coinvolgere la cittadinanza tuta a partecipare a questo cambiamento, che ci deve essere. Concludo con una parola sola dovete darvi da fare il tempo è ormai scaduto. Non siate ciechi e sordi elle lamentele del popolo della Capitanata noi ci siamo e noi ci saremo sempre per la nostra terra, viva la Capitanata tutta.” (Angolo dei lettori, a cura di “QUESTIONEDIPUGLIA” – Manfredonia, 03.04.2016)



Vota questo articolo:
16

Commenti


  • Svolta

    Egr. Sig.hai messo il dito nella piaga… Qui manca quel concetto di rappresentatività ma più di tutto mancano quegli uomini che ci hanno defraudato la nostra speranza di essere governati e rappresentati v e r a m e n t e.
    Non possiamo, a questo punto, che sperare in un futuro migliore e più rappresentativo.


  • bla

    Cada fe chiu p stu paios


  • Giorgio

    Si svolta ,hai ragione, speriamo in futuro con meno ID- come te.


  • antonella

    “Andare a votare”, voglio augurarmi che tutti gli appelli al voto fatti da questo e quel politico di professione, da destre e sinistra, centro e pseudocoalizioni, scaturiscono da una vera e propria sensibilità ambientale per il rispetto del mare della terra, della natura, dell’ intero ecosistema dove noi tutti viviamo e operiamo, non sarà mica che questa
    animosita’ politica nel votare e far
    votare, sia scaturita da un
    braccio di ferro politico scaturito in seno
    al pd? Certo è una supposizione, poiché, personalmente non avverto la stessa sensibilità e reattivita’ politica in difesa del nostro territorio come nei
    confronti del tentativo di installazione del
    impianto energas, quindi viene
    spontaneo pensare che forse ci siano due pesi e due misure? almenoche’ il concetto di preservazione e
    conservazione nonche’ difesa del
    territorio si esplica forse in base alla
    volontà di chi fa politica e le proprie
    convinzioni?


  • Antonello Scarlatella

    Cosa vogliamo fare di questo territorio? Valorizzare le bellezze naturali ed archeologiche. Attreverso la valorizzazione del territorio si crea turismo e non con il cemento armato.
    A Manfredonia e’ stato costruito un Porto Turistico all’avanguardia, bellissimo ma al tempo stesso inutile. Qualcuno pensava di fare turismo con il lusso, non so se per mancanza di cultura o per opportunita’. Fatto sta’ che riportando all’antico splendore la Basilica di Siponto, gli Ipogei, e la Chiesa di San Leonardo, sono arrivati migliaia di visitatori nel mentre con il porto turistico non si e’ visto nessuno tranne che il popolo del passeggio. Se quei soldi fossero stati investiti per altre opere a oggi forse le presenze sarebbero state molto ma molto di più.
    E basta poi con quest’aereoporto. L’aereoporto di Foggia non funzionera’ mai. Nessun vettore investira’ per un piccolo paese di provincia quando a pochi km c’è l’aereoporto di Bari che dista a meno di un ora da Foggia.
    A Pescara, unico aereoporto D’Abruzzo, si sta’ combattendo per non farlo abbandonare a partire dal prossimo ottobre da Rayanair che minaccia a causa dell’aumento delle tasse aeroportuali di abbandonare lo scalo Abruzzese.

    Quello che servirebbe e’ una strada decente e non una mulattiera che unisce il Gargano con Barletta Nord (ingresso 16 bis) oppure con il casello di Cerignola.

    Qualcuno dovrebbe vergognarsi che nel terso millennio per raggiungere la 16 bis ergo per percorrere meno di 50 km tra Manfredonia e Margherita, ci vuole oltre un ora su una strada degna del Senegal.

    Il senso civico. Questo territorio non è senso civico. Getta la carte per terra, fa cagare i cani per strada o parcheggia le auto in modo selvaggio, sul strisce pedonali, sui posti riservati agli invalidi, gridando per strada alle 2 di pomeriggio.

    La citta’ e’ tutta un cantiere. Questa e’ un cosa molto positiva.
    Personalmente non sono un grande fan di questa amministrazione, c’è da dargli pero’ un grande merito. Il Sindaco ha avviato un restyling della citta’ già dalla scorsa amministrazione e sta proseguendo ancora di piu’ in questa amministrazione.
    Inizio a chiedermi, cosa sarebbe stato di questa citta’ se fosse andata in mano alle opposizioni che ad oggi stanno dimostrando di non saper fare neanche l’opposizione. Figuriamoci se dovevano amministrarla.

    Inoltre mi chiedo. Il nuovo porto. Andatevi a vedere cosa accade nel tratto di fronte alla lega navale, accesso da Via Campanile.
    Hanno appena finito i marciapiedi, bellissimi, ma alla sera o di mattina, decine di auto parcheggiate sul marciapiede appena finito e gia’ tutto zozzo di olio di auto.
    Vogliamo iniziare a fa qualcosa per il territorio? Iniziamo a cambiare noi.
    Se non ci crede il popolo al proprio territorio, non si costruisce nulla.


  • Svolta

    Eccolo qua e ti pareva che l’imb…. Giorgio non apparisse quando si parla di politici ed in particolare dei locali…suoi amici di merenda….. …….


  • Giorgio

    Svolta dire che sei un IDI- per te è un complimento.


  • Svolta

    Giorgio… Oh Giorgio quella parte particolare ti dusk sempre….
    Grattati o fatti grattare dai tuo i amici di merenda…..
    Poi giocate non alla briscola ma a imbecillità…chi la dice megio o non la dice affatto la verità…. che siete dei mantenuti.


  • Zuzzurellone Sipontino

    Dagli errori del passato dobbiamo imparare per non commetterli in futuro. Manfredonia non è solo un paese di mare, è anche un paese di mare. La più consistente ricchezza l’ha prodotto la campagna. Sviluppare l’agro alimentare , fin troppo bistrattato. Non partiamo da zero , ci sono imprenditori locali, vi è l’Università di Agraria. Un sistema portuale , con corsi di laurea in economia e commercio ed Ingegneria della logistica. Da salvare ed integrare l’areoporto Gino Lisa. Abbiamo ottenuto la Sovrintendenza ai beni Archeologici a Foggia. Salviamo la biblioteca Magna Capitanata, la cappella della Maddalena e tutto quello che vi è di potenziale nei beni culturali. Anche sul versante senso civico, bè non abbiamo mai avuto tante associazione e tanto interesse e partecipazione, per i temi ambientali, e culturali per il nostro territorio. Dobbiamo ammettere che negli ultimi 40 anni non si erano mai visti tanti visitatori della cattedrale di siponto, come nell’ultimo mese. Dobbiamo continuare, aumentere la resilienza del nostro territorio. Non possediamo che noi stessi e questa terra, sta a noi fare, senza grandi progetti, le zanzare si uccidono una lla volta. Continuiamo cosi’.


  • Giorgio

    Svolta dici di conoscere il grande Romani, quindi dovresti essere un —grande .——————–


  • questionedipuglia

    Gentile Sig. Scarlaterra la ringrazio per il suo intervento e delle sue belle parole per Manfredonia. La mia lettera vuole essere propositiva per una svolta nel senso buono per i cittadini di Manfredonia e della capitanata. Lei dice il vero quando fa riferimento alla cultura. Lei dice il vero quando l’amministrazione attuale sta facendo qualcosa di buono. Ma mi permetta di dirle che l’aeroporto di Foggia è fondamentale non solo per la piccola cittadina Manfredonia ma per tutta la capitanata. Le piccole distanze aeroportuali in italia sono note a tutti. Posso farle l’esempio Verona – Venezia Rimini-bologna Catania – Palermo. Qui non si tratta di dire che a 100km c’è Bari, qui si tratta che da Milano a Bari ci vogliono 1 ora e mezza, ma da Bari al Gargano c’è ne vogliono 3 ore, per andare a Vieste, Peschici, Rodi ecc….. La capitanata ha un’opportunità enorme per sfruttare quell’aeroporto, per non dimenticare il turismo cattolico. In fine voglio dirle che sono contento di aver aperto una discussione in merito, anche perché qui c’è da fare tanto e tanto noi cittadini di questo territorio dobbiamo fare. Una riflessione su questi temi devono aprire i dibattiti della nostra classe dirigente e noi cittadini dobbiamo incalzare chi ci governa. Portiamo in risalto la capitanata e diamoci da fare per Manfredonia, buona giornata a tutti.


  • svolta

    Il detto è prima di parlare accertarsi che sia inserito il cervello…. , per te Giorgio… va integrato: prima di parlare e scrivere accertati che sia integrato il cervello da imb… ma questo si sa è cosa ardua a farsi in quanto il tuo grado di imb…. è così alto che non lo immagini neanche tu cll cervelletto che ti ritrovi…
    Sei proprio un ebete imb..,anche le persone scomparse di recente metti nei tuoi commenti , sei proprio una lingua …. povero .


  • antonella

    Buon giorno egregio Antonello, ho letto il tuo commento, si dice che solo gli stolti non cambiano opinione, sei passato dal sostegno alle opposizioni all’ apprezzamento per il sindaco e il suo operato, sono contenta per te, sembra che abbia maturato una diversa visione e una nuova fonte di ispirazione, hai ragione, per certi versi, rispetto alla maggioranza dei nostri compaesani l’ attuale sindaco sembra essere un buon amministratore, rispetto a molti sindaci che manfredonia ha eletto, sembra essere il meno peggio, tutto dipende però. Mi fermo qui, lascio alla tua buona intelligenza capire tra le riga.
    Personalmente non ho cambiato opinione, non perche’ sono stolta, qualcuno afferma che basta girare la testa altrove oppure chiudere gli occhi e far finta di non vedere oltre, purtroppo, è un mio difetto, sono abituata ad osservare, vedere, e se vige la logica che la politica è frutto di un compromesso continuo,allora la mia logica è davvero oltre, senza togliere nulla a nessuno, ovviamente. E comunque, la realizzazione della basilica paleocristiana
    è un progetto realizzato dalla
    soprintentenza ai beni culturali, ed è
    solo una goccia nell’ oceano, al di là
    della buona educazione della cultura
    turistica che ogni cittadino dovrebbe
    avere, resta il fatto che a livello
    amministrativo gli oceani di mancanze si
    sprecano,non credo sia giusto esaltare il meno peggio in quanto tale.
    Detto ciò, ti saluto augurandoti ogni bene.

    P.S. giorgio visto che non ho offeso nessuno, abbi l’ intelligenza di non commentarmi addosso.


  • svolta

    X Antonella, il tuo P.S. mi sembra inopportuno…. noi non offendiamo nessuno tutt’al più critichiamo l’operato di soggetti pubblici…., (diritto di critica = Democrazia), che poi qualcuno, di rimando, offende noi altri per difendere certuni…criticati…. è un’altra cosa che rasenta appunto l’imb.tà.
    Saluto tutti quelli che fanno della critica sana, saporita ed imbevuta di democrazia…. checché ne dica qualcuno.


  • quante chiacchiere

    Si,la democrazia della censura vige in Italia.Bel asse’


  • Poli

    x quante chiacchiere…. dichiara chi effettua la censura al mondo intero tramite internet…. fino ad oggi si può ancora dire che in Italia c’è libertà di espressione, nei limiti della decenza e del rispetto della dignità degli altri e della verità dei fatti.
    La critica, come detto, quantifica e qualifica, a mio modo di vedere, il grado di democrazia vigente in un paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!