Regione-Territorio
"Roma sta letteralmente sprofondando tra buche stradali e voragini che senza sosta si aprono su asfalto e marciapiedi"

Roma sprofonda tra le buche, Codacons si rivolge alla Difesa

"A farne le spese sono gli utenti, costretti ad assistere inermi all’apertura di voragini sull’asfalto, pagando tra l’altro le tasse senza ricevere in cambio servizi"

Di:

Roma. Roma sta letteralmente sprofondando tra buche stradali e voragini che senza sosta si aprono su asfalto e marciapiedi, mettendo in serio pericolo l’incolumità di automobilisti e motociclisti. Una situazione di vera e propria emergenza per la quale deve intervenire l’Esercito Italiano. La denuncia giunge oggi dal Codacons, che sta ricevendo migliaia di segnalazioni da parte dei cittadini romani, che denunciano lo stato di abbandono delle strade capitoline. “Abbiamo deciso di rivolgerci direttamente al Ministero della Difesa, chiedendo di inviare squadre dell’Esercito a Roma con il compito specifico di rattoppare le buche stradali – spiega il Presidente Carlo Rienzi, candidato a sindaco della capitale – Questo perché attualmente gli appalti per la riparazione del manto stradale dissestato sono bloccati tra inchieste della magistratura e interventi dell’Autorità Anticorruzione. A farne le spese sono gli utenti, costretti ad assistere inermi all’apertura di voragini sull’asfalto, pagando tra l’altro le tasse senza ricevere in cambio servizi, e rischiando ogni giorno di subire incidenti o danni”.

“Eppure il Codice degli appalti prevede la possibilità, in determinate condizioni, di affidare appalti anche senza gara, sotto il controllo dell’Anac – prosegue Rienzi – Ed è proprio ciò che dovrebbe essere fatto a Roma, considerata la situazione di emergenza e il costante peggioramento delle condizioni delle strade”.

Redazione Stato Quotidiano.it

Roma sprofonda tra le buche, Codacons si rivolge alla Difesa ultima modifica: 2016-04-03T18:06:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi