Cronaca
Nota stampa

San Severo, convegno cambiamento climatico e no trivellazione

Di:

San Severo. Tenutasi da Fare Ambiente presso I.I.S Minuziano di Sangro Alberti (San Severo),tra i relatori è interventuta la coordinatrice regionale delle donne Soccorsa Chiarappa che ha introdotto i lavori annunciando che il 17 aprile bisogna andare a votare al Referendum per non trivellare il nostro Mare invitando tutti a votare SI e soprattutto a raggiungere il quorum del 50+1% per salvaguardare e tutelare il nostro mare,la nostra economia si basa sul turismo e sulla pesca e non possiamo permettere a nessuno di far diventare il nostro mare Adriatico(visto che è un mare chiuso) un lago nero.Il Petrolio che si estraerebbe sarebbe di scarsissima qualità e non basterebbe nemmeno al fabbisogno locale.Oltre ai danni alla salute e all’ecosistema.Ricordando l’Enciclica di Papa Francesco Laudato si.Inoltre è importante andare a votare per riprenderci la nostra sovranità e l’unica arma che abbiamo è il VOTO!E’ sotto gli occhi di tutti che abbiamo un Governo “Renzi” non eletto dal popolo ABUSIVO ,e le dimissioni del Ministro Guidi per favoritismi alle lobby petroliferi è una conferma,tutto ciò non deve più accadere.Il coord.Regionale Marcello Amoroso ha ribadito i danni che le fonti di energia combustibili fossili hanno avuto un impatto sull’ambiente disastroso effetto serra,fluttuazioni periodiche e quant’altro, il futuro sono le energie rinnovabili.

L’ingegnere Massimo D’Amico ha dato dei chiarimenti sui disastri dei pozzi di petrolio e che trivellare a 12 miglia dalla costa significherebbe trivellare a 20km circa significherebbe in caso di incidente della piattaforma un disastro ecologico marino che mai più nessuno ci restituirà il nostro mare paradisiaco. L’arch. Enzo Lombardi del coord. Nazionale delle agende 21 locali Italiane che in Europa ha dato un forte contributo affinchè non si trivelli più il nostro mare per le suddette ragioni. Il geologo Francesco bacchelli ha ribadito che trivellare il mare un disastro ambientale e che il decreto sblocca Italia è servito solo per Sblocca Trivelle;la Puglia esporta energia grazie alle fonti rinnovabili di energia, andare con il petrolio una scelta scellerata e non futuristica, il petrolio in via di esaurimento.

L’avv. Luca Ficuciello stretto contatto con i ragazzi ha spiegato molto bene l’importanza per cui andare a votare ribadendo i concetti sopraindicati e l’importanza e il rispetto per la natura. Il convegno si è concluso con la telefonata del Pres. Nazionale no Triv Raffaele Vigilante la quale a Gran Voce ha sostenuto l’importanza di questo Referendum di votare Si per non trivellare il nostro mare,basti pensare che le rinnovabili con un investimento di Un miliardo darebbe 17.000 posti di lavoro trivellando il mare con lo stesso investimento solo 500 posti di lavoro.è chiaro a tutti che a pochi sta a cuore la salute dei cittadini ma che l’interesse economico di pochi è al di sopra di tutto.

Quindi Votiamo SI per non trivellare il nostro mare.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This