Manfredonia
Operazione degli agenti del Commissariato di PS

Manfredonia, tentato omicidio e violenza sessuale: 2 arresti

"Il litigio con l’altro connazionale era avvenuto a seguito degli abusi sessuali violenti, posti in essere dal Zazislaw Miianowsky, sulla sua fidanzata"


Di:

Manfredonia, 3 giugno 2017. E’ finita con l’arresto per tentato omicidio e violenza sessuale, da parte degli Agenti del Commissariato di Manfredonia, una lite degenerata tra due cittadini polacchi, scaturita a seguito dell’intervento di uno di questi per difendere la propria fidanzata, connazionale, dagli abusi sessuali posti in essere dall’altro polacco.

I fatti risalgono alla mattinata di ieri quando a seguito di una chiamata giunta sul 113, che segnalava sulla S.P. 141 nei pressi del ponte “Candelaro” adiacente al villaggio Sciali delle Rondinelle agro di Manfredonia, una violenta colluttazione in atto tra due persone. Gli Agenti di una Volante raggiungevano immediatamente il luogo segnalato e notavano una persona che alla loro vista si dava a precipitosa fuga brandendo un coltello. Immediatamente scesi dall’autovettura di servizio gli Agenti si ponevano all’inseguimento, del cittadino in questione che, con non poca fatica, veniva raggiunto e bloccato. Una volta bloccato veniva disarmato di un coltello la cui lama era imbratta di sangue.

Lo stesso, identificato per Zazislaw Miianowsky, polacco di anni 57 si presentava sporco di sangue e con numerosi tagli al viso, alle mani ed alla gambe e senza saper dare nessuna giustificazione. Capendo la gravità della situazione, sul posto si faceva giungere altro personale del Commissariato al fine di poter capire meglio cosa fosse accaduto.

Da un sopralluogo sul posto dell’intervento, sotto il ponte si notava una baracca in legno. Entrati all’interno gli Agenti trovavano un altro cittadino polacco, identificato per Robert Janowski di anni 45, con le mani sporche di sangue e a terra vicino al lui un coltello sporco di sangue. Robert Janowski riferiva agli operanti che il litigio con l’altro connazionale era avvenuto a seguito degli abusi sessuali violenti, posti in essere dal Zazislaw Miianowsky sulla sua fidanzata e che questa a seguito del suo intervento era riuscita a fuggire.

La donna veniva rintracciata presso il nosocomio di Manfredonia, giunta dopo la fuga, grazie al soccorso di un automobilista, per essere medicata per una ferita da arma da taglio nella regione ascellare sx, fattagli dal Zazislaw Miianowsky, durante i suoi tentativi ad opporsi alla violenza sessuale. Durante la dichiarazione la donna, vedendo entrare un’autolettiga, indicava agli investigatori che la persona sulla barella era Zazislaw Miianowsky, ed era lui l’autore della ferita patita e degli abusi sessuali.

Conclusa l’attività investigativa, Zazislaw Miianowsky è stato dichiarato in stato di arresto per tentato omicidio e violenza sessuale e Robert Janowski per tentato omicidio.

Entrambi sono stati associati in carcere a Foggia a disposizione dell’autorità giudiziaria.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata

Manfredonia, tentato omicidio e violenza sessuale: 2 arresti ultima modifica: 2017-06-03T14:09:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • Sipontino

    Questa è il frutto della politica del falso buonismo dei nostri cari e brillanti politici specialmente quelli di sinistra.


  • GSEPP

    MADONN DU CARMN CHE BROTT FACCIE


  • Michelantonio

    Vorrei chiedere ai nostri legislatori, per quanto tempo ancora dobbiamo ospitare queste specie di besti..????
    Non sono sufficienti quelli italiani che gironzolando ovunque????
    Perché tutta questa resistenza nel modificare la legge sulla LEGITTIMA DIFESA da parte dei cittadini onesti???


  • Marcello

    Via le bestie feroci e chiunque non rispetta le leggi compreso gli italiani! Tutti da spedire a spaccare le pietre nelle cave dello Yemen del nord.


  • Geny

    Tra un po’ faremo la fine del nord Italia, dove trovare una notizia di cronaca con un protagonista italiano è quasi impossibile.


  • Danilo

    questi brutti ceffi andrebbero spediti nelle terre patrie dove il gabbio e assai duro e non come gli alberghi dell’Hotel Italia.


  • non capisco niende

    Questi sono arrivati grazie al papa polacco non dimentichiamolo…


  • D ino

    Sotto quel ponte da anni vivono famiglie polacche e nelle vicinanze si trovano guaine di cavi elettrici. Ma a chi aspettiamo a sgomberare quelle residenze?


  • Sciale delle rondinelle

    Questo individuo è da anni che bivacca sotto al ponte e tutti lo sanno autorità comprese…bisogna sempre aspettare un fatto delittuoso per intervenire…che schifo!!!
    Qualche mese fa arrestarono l’amico per tentato omicidio all’ospedale di manfredonia…ma dico io aspettate il morto prima di sbattere fuori dall’Italia ste merde?

  • Invece di scrivere solo commenti, alle elezioni votare chi solo può rimettere l’Italia agli italiani! È forse ci salveremo! La sinistra pensa solo hai vitalizi e a dare soldi e case a ste merde di uomini e noi poveri italiani sfratti e stipendi, per chi li prende, da fame ! Vergognatevi


  • Ciccio

    Ma questa gente chi si crede di essere?
    La violenza sulle donne, gli omicidi, il traffico di stupefacenti, è roba nostra, di noi italiani!

    Loro devono starsene a casa loro.

    PS: Dove sono tutti i leoni da tastiera quando le violenze vengono fatte da manfredoniani doc? Là non si commenta…


  • matteo rinaldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This