Editoriali
"Comunque va sfatata la credenza che l' Euro sia la causa dei mali europei"

A proposito del referendum greco

"Per interrompere quindi questa spirale perversa di avvitamento sempre più profondo nel debito pubblico che strangola gli stati della zona euro non va abolita la moneta comune"


Di:

Mi auguro che la Grecia al referendum dica no alle imposizioni della Troika e, di conseguenza, esca dalla zona euro senza abbandonare l’Europa. L’esperienza greca, che non risulterà certamente così nera come dipinta, sarà il viatico x altre nazioni (compreso l’Italia) pressate dai diktat della stessa Troika.

Comunque va sfatata la credenza che l’ Euro sia la causa dei mali europei, in quanto esso è solo un mezzo di scambio per merce e servizi, che semplifica il rapporto negoziale tra i popoli dell’area euro.
Se critiche sono da farsi, queste devono essere rivolte alla sua anticipazione rispetto all’ unità politica della Europa ed, ancor più, alla natura privatistica e non comunitaria della BCE che, contrariamente allo spirito dell’unione europea, non consente l’accesso diretto ai suoi finanziamenti da parte dei singoli paesi comunitari, a 1/2 delle rispettive banche nazionali, in modo da avere tassi di sconto uguali x tutti i paesi aderenti all’ Euro, e non lasciare gli stessi alla mercè di un mercato finanziario piratesco e speculativo che, paradossalmente, attua tassi di sconto più leggeri nei confronti dei paesi più sani, perché meno indebitati, mentre eleva i tassi di sconto nei confronti dei paesi più deboli, perché a maggior debito, con la conseguenza di aggravare sempre più la situazione debitoria di questi ultimi, benché attuassero politiche fiscali e sociali di recupero finanziario con avanzo primario di bilancio (vedi l’esempio dell’Italia che, nel solo anno 2012, avrebbe potuto ridurre gli interessi relativi al suo debito pubblico da 86 miliardi, effettivamente pagati, a soli 6 miliardi, recuperando ben 80 miliardi, utilizzabili in primis per alleggerire proprio la mole del debito pubblico dello Stato ed in secundo per alleviare la fiscalità generale).

Per interrompere quindi questa spirale perversa di avvitamento sempre più profondo nel debito pubblico che strangola gli stati della zona euro non va abolita la moneta comune, bensì va rivisto completamente la natura della sua struttura di governo, che deve rispondere agli interessi dei popoli aderenti all’Unione Europea e non agli interessi di organizzazioni finanziarie private.

Purtroppo questo, e solo questo, è il vero nodo da sciogliere sull’ euro, problema mai centrato e focalizzato dalla stampa e dalle varie trasmissioni sia radiofoniche che televisive.

Dal Blog: www.terzavia.info

A proposito del referendum greco ultima modifica: 2015-07-03T21:15:25+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi