Manfredonia
Di cui all’avviso pubblico di selezione, edito sul BURP n. 111 del 26.7.2012

Incarico di collaborazione Asl/Fg, ok ricorso al Tar per privato

"Con il ricorso era stato anche richiesto il “risarcimento del danno ingiusto derivato al ricorrente dall’adozione degli illegittimi atti impugnati"


Di:

Foggia – CON recente sentenza, il Tar Puglia di Bari – definitivamente pronunciando sul ricorso – ha accolto il ricorso presentato da Paolo Balzamo, rappresentato e difeso dall’avv. Annarita Armiento di Manfredonia, relativo “all’accertamento del diritto del ricorrente al conferimento da parte della ASL-FG dell’incarico di collaborazione coordinata e continuativa, della durata di 12 mesi, di cui all’avviso pubblico di selezione, edito sul BURP n. 111 del 26.7.2012, sulla scorta del contratto sottoscritto in data 15.04.2013, con conseguente immissione in servizio del dott. Balzamo ed assegnazione della relativa sede di lavoro”.

Con il ricorso era stato anche richiesto il “risarcimento del danno ingiusto derivato al ricorrente dall’adozione degli illegittimi atti impugnati oltre alle maggiorazioni per la rivalutazione monetaria e gli interessi anche anatocistici”.

Con la sentenza depositata il 3 luglio 2015, presentata dal privato contro l’Asl Foggia, rappresentato e difeso dall’avv. Raffaele Daloiso, nei confronti di Lyubov Afanasova, per l’annullamento di quanto citato – previa sospensione ovvero previa adozione di misura cautelare idonea ad assicurare interinalmente gli effetti della decisione di merito – il Tar ha annullato gli atti gravati nei limiti dell’interesse del ricorrente.

DIRITTO. “Rilevato che il ricorso in epigrafe è diretto a censurare l’esclusione del ricorrente dalla procedura selettiva per l’affidamento di n. 8 incarichi di collaborazione coordinata e continuativa, della durata di 12 mesi, ad esperti mediatori interculturali, da assegnare ai consultori familiari comprensoriali, disposta –in sede di revisione della graduatoria- sul presupposto dell’asserita assenza in capo al ricorrente stesso del requisito dell’espletamento dell’”attività lavorativa” richiesta dal bando; Rilevato che il gravame in parola è incentrato sulla questione dell’equiparabilità dell’attività svolta a titolo di volontariato a quella espletata in virtù di vero e proprio contratto di lavoro a fronte di regolare retribuzione e che sulla stessa si è di recente favorevolmente espresso il Collegio, con sentenza in forma semplificata n. 916/2015;

Ritenuto di accogliere le censure sollevate nel presente giudizio rinviando alle argomentazioni svolte nella richiamata recentissima pronunzia, ribadendo che la prescrizione di cui si tratta ha la finalità di consentire l’apprezzamento dell’esperienza acquisita dai candidati con riferimento all’attività oggetto degli incarichi per l’affidamento dei quali la procedura selettiva viene bandita, sicché –in linea di principio- non appare rilevante la gratuità o meno della prestazione, salvo a dimostrare che, per le concrete modalità di espletamento dell’attività a titolo gratuito nella specifica fattispecie, non sussistano concrete garanzie di professionalità che abbiano consentito di acquisire l’esperienza richiesta;

Rilevato che tuttavia, nel caso in esame, non viene fornita prova in tal senso ed anzi l’esperienza lavorativa del ricorrente è stata ripetutamente scrutinata con esito favorevole dalla Commissione nei suoi requisiti sostanziali, dovendo l’esclusione postuma essere attribuita in via esclusiva al dato formale della gratuità della prestazione; Ritenuto di accordare, pertanto, tutela in forma specifica al ricorrente e di respingere conseguentemente l’istanza risarcitoria per equivalente poiché recessiva rispetto alla pretesa azionata in via principale; Ritenuto, tuttavia, di compensare tra le parti le spese del presente giudizio in considerazione della novità delle questioni trattate” il Tar ha stabilito l’accoglimento del ricorso.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Incarico di collaborazione Asl/Fg, ok ricorso al Tar per privato ultima modifica: 2015-07-03T12:51:52+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • giustizia

    Auguri Paolo finalmente giustizia fatta, attendiamo anche altri esiti positivi, alla faccia di chi ha creato questa, cosi come altre situazioni simili….chi e’ una persona corretta come te, non si fara’ certo fermare da quei quattro uomini e donne, che pensano di poter gestire la vita altrui..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi