Foggia
Ida Kristine Nielsen, nata nel 1975, è una bassista, vocalist e compositrice danese, nota con il soprannome “Bass Ida”

“Giordano In Jazz”, si parte con Ida Nielsen e la sua band

Il biglietti di “Giordano In Jazz” sono in vendita online su bookingshow.it, in tutte le rivendite ufficiali (lista su teatrogiordano.it/biglietti.html) e al botteghino del Teatro “Giordano” il giorno stesso dello spettacolo

Di:

Foggia. Sarà inaugurato martedì 11 luglio, alle 21, con il concerto della Ida Nielsen Band, il “Giordano in Jazz-Summer Edition 2017”, iniziativa promossa dal Comune di Foggia, per il tramite dell’Assessorato alla Cultura, in collaborazione con Moody Jazz Cafè.

Per la rassegna foggiana, che ha guadagnato un meritato prestigio nell’ambito delle manifestazioni jazzistiche, subito una “star” di tutto rispetto: quella Ida Nielsen che fece parte di due delle band che accompagnavano nei concerti il grande Prince: il trio “3rdeyegirl” e la “The New Power Generation”.

Una “prima” di valore assoluto, visto che il concerto, in programma in Piazza Cesare Battisti, davanti al Teatro “Umberto Giordano”, rappresenterà l’unica data italiana della Ida Nielsen Band.

Ida Kristine Nielsen, nata nel 1975, è una bassista, vocalist e compositrice danese, nota con il soprannome “Bass Ida”.

Iniziò a suonare il basso a 16 anni, per caso: all’epoca, studiava piano, ma la rock band di una amica coetanea aveva perso il bassista e a lei fu chiesto di provare il nuovo strumento. Studiò alla “The Royal Danish Academy of Music” dal 1993 al 1998 e si diplomò con il basso elettrico quale strumento principale.

È nota per aver fatto parte di diverse band, come i belgi “Zap Mama”, i danesi “Michael Learns to Rock”, il trio femminile americano/canadese/danese “3rdeyegirl” e “The New Power Generation”: queste ultime due sono state le band che accompagnavano Prince.

Ne 2008 Ida Nielsen pubblicò il suo primo album come solista, “Marmelade”. Nel 2010 Nielsen iniziò a lavorare con Prince: “La prima volta che la manager di Prince mi chiamò, pensai che fosse uno scherzo”, racconta. Con “The New Power Generation” ha accompagnato Prince fino alla morte del celebre musicista, avvenuta il 21 aprile 2016.

Nel 2014, la Nielsen ha pubblicato il suo secondo album “Sometimes a Girl Needs Sugar Too” e nel 2016 il terzo, “TurnItUp”, in memoria di Prince con l’etichetta di sua proprietà “Marmelade Productions”. In quest’ultimo ha suonato tutti gli strumenti, tranne la batteria. La musica della Nielsen è definita come un mix tra la vecchia scuola del funk e l’hip hop con alcuni elementi di reggae e world-music, con accattivanti melodie e tanto “basso”. Dall’uscita di “Turnitup” Ida Nielsen è partita per il suo tour mondiale promettendo di realizzare un show pieno di energia e funk, con buone vibrazioni e tanto “groove”… perché “You can’t fake the funk”.

«Il “Giordano In Jazz” è, una delle iniziative di punta delle politiche culturali della nostra Amministrazione, -ha ricordato il sindaco Franco Landella-. Puntiamo da sempre sulla proposta culturale, sia di qualità che di gusto più “popolare”, per stimolare il riscatto e la rinascita morale e civile della comunità foggiana. La rassegna jazz ci ha dato anche una opportunità di visibilità nazionale ed internazionale che difficilmente avremmo trovato con altre iniziative». «Abbiamo rinverdito l’antica passione per il Jazz, nel capoluogo, -ha aggiunto l’assessore alla Cultura Anna Paola Giuliani.- La nostra rassegna è cresciuta con il tempo e inserisce Foggia, di diritto, tra le mete più attraenti del circuito Jazz italiano e internazionale. Un appuntamento che continueremo a curare per mantenere sempre l’attenzione su Foggia e sul’offerta di qualità nelle nostre iniziative culturali».

“È una straordinaria esperienza musicale e sociale in cui un’intera comunità si riconosce. Riportare a Foggia il grande Jazz internazionale, e suonarlo nei “luoghi della cultura”, è un sogno che stiamo realizzando e da cui non vogliamo svegliarci, – aggiunge il dirigente del settore Cultura del Comune Carlo Dicesare.- Un processo meraviglioso, coinvolgente, unico, che riposiziona la Città come epicentro culturale e artistico in continuo fermento e la riconnette alla comunità creativa».

Il secondo appuntamento con “Giordano in Jazz” è fissato per il 14 luglio, sempre in Piazza Cesare Battisti, alle 21: di scena, “Christian Mcbride’s New Jawn”, una band sensazionale, unita ed entusiasta, guidata dal bassista di Sting che, subito dopo Foggia, farà tappa ad Umbria Jazz.

Il biglietti di “Giordano In Jazz” sono in vendita online su bookingshow.it, in tutte le rivendite ufficiali (lista su teatrogiordano.it/biglietti.html) e al botteghino del Teatro “Giordano” il giorno stesso dello spettacolo.

TEATRO GIORDANO
www.teatrogiordano.it
Facebook: Teatro Umberto Giordano Official
Twitter e Instagram: @teatro_giordano
Indirizzo: Piazza Cesare Battisti Telefono: 0881.792.908 Email: info@teatrogiordano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi