ManfredoniaMonte S. Angelo
Come da recente sentenza

“Antimafia, ok TAR a funzionamento struttura socio -assistenziale Monte S.Angelo

Di:

Bari/Monte Sant’Angelo. ”(..) con Sentenza n. 702/2016, resa ai sensi dell’art.60 c.p.a., questa Sezione ha accolto il ricorso, ritenendo nella specie fondate le censure ivi dedotte ed annullando, per l’effetto, i provvedimenti impugnati; Ravvisata, nella specie, la perfetta specularità del caso in esame a quello già deciso, nonché l’evidente connessione tra i due gravami; Ritenuto pertanto, di non doversi discostare dal recente precedente della Sezione alle cui motivazioni anzi integralmente si rinvia, ai sensi dell’art.88, comma 2, lett. d) c.p.a. (…)”. Con recente sentenza, il Tar Puglia di Bari – Seconda Sezione – ha accolto il ricorso del legale rappresentante pro tempore, e di un altro privato, quali soci di una società di Monte Sant’Angelo, contro l’U.T.G. – Prefettura di Foggia, Ministero dell’Interno, e il Comune di Monte Sant’Angelo, per l’annullamento – previa sospensiva –
1) del provvedimento del Prefetto di Foggia, con cui è stata emessa informazione antimafia interdittiva n. 7751 del 9 marzo 2016 nei confronti della società ricorrente;
2) del provvedimento di revoca dell’autorizzazione al funzionamento della struttura socio -assistenziale “-OMISSIS-”, di cui alla determina gestionale n. 214 del 15 marzo 2016, notificata dal Comune di Monte Sant’Angelo alla ricorrente in data 17 marzo 2016;
3) della determina gestionale n. 327 del 20 aprile 2016 con cui il Comune di Monte Sant’Angelo ha preso atto dell’informazione antimafia interdittiva emessa dal Prefetto di Foggia;
4) di ogni atto ai predetti comunque connesso, presupposto e consequenziale, ancorché non conosciuto, ivi inclusi, la nota di comunicazione n. 8000 del 10 marzo 2016 e quella prot. 13184 del 18 aprile 2016 con cui la Prefettura ha negato l’accesso agli atti; la nota informativa del Comando Provinciale Carabinieri di Foggia n. 172458/1-4 P del 4 marzo 2016; la nota informativa della Questura di Foggia del 2 dicembre 2015 n. Cat. Q.2.2/2014/anticr./M.P.S.-Antimafia; la nota informativa della Guardia di Finanza di Foggia n. 6584/2016 del giorno 8 gennaio 2016; la valutazione negativa espressa dal Gruppo Interforze, nella riunione del giorno 1 marzo 2016.

Relatore nella camera di consiglio del giorno 7 giugno 2016 la dott.ssa Paola Patatini.

FATTO E DIRITTO. ”Gli odierni ricorrenti sono soci di due ditte operanti nel territorio del Comune di Monte S. Angelo – la-OMISSIS-, anch’essa ricorrente, e la società cooperativa-OMISSIS- – entrambe destinatarie di due provvedimenti interdittivi antimafia, adottati in pari data dal Prefetto di Foggia e fondati sui medesimi sovrapponibili accertamenti istruttori;
Rilevato che, con ricorso rubricato al numero RG. 525/2016, la società cooperativa ha già impugnato innanzi questo TAR il relativo provvedimento prefettizio unitamente alla revoca comunale di autorizzazione al funzionamento della struttura socio sanitaria, deducendo violazione di legge con riferimento al D. Lgs. n.159/2011 ed eccesso di potere sotto i diversi profili del travisamento dei presupposti, carenza di istruttoria e di motivazione, ed illogicità manifesta;

Rilevato altresì che con Sentenza n. 702/2016, resa ai sensi dell’art.60 c.p.a., questa Sezione ha accolto il ricorso, ritenendo nella specie fondate le censure ivi dedotte ed annullando, per l’effetto, i provvedimenti impugnati; Ravvisata, nella specie, la perfetta specularità del caso in esame a quello già deciso, nonché l’evidente connessione tra i due gravami; Ritenuto pertanto, di non doversi discostare dal recente precedente della Sezione alle cui motivazioni anzi integralmente si rinvia, ai sensi dell’art.88, comma 2, lett. d) c.p.a. (…)”

Il TAR PUGLIA, definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo accoglie e, per l’effetto, annulla i provvedimenti impugnati.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati