CapitanataCerignola
"Ora il Sindaco si assuma la responsabilità politica e si dimetta"

Caso Marino, Dalessandro “Metta ignavo, silenzio inaccettabile”

"Noi abbiamo fatto solo il nostro dovere di opposizione – ha continuato il capogruppo del PD – accedendo agli atti, incuriositi dai costi troppo alti per una manifestazione così piccola"

Di:

Cerignola. “In città non si parla d’altro. E il fatto non è suscettibile di interpretazioni. Nonostante questo, il Sindaco Metta si è chiuso in un silenzio inaccettabile, degno del girone dantesco degli ignavi – ha commentato il capogruppo del PD Daniele Dalessandro – Non sono ammesse terze posizioni: il Sindaco chiarisca se l’assessore Marino gode ancora della sua fiducia, nonostante l’evidenza dei fatti, oppure se intende ritirare la delega. La città ha il diritto di conoscere la verità, se Metta sapesse dell’affidamento delle attività di comunicazione e promozione dell’evento «Si Cura Cerignola» alla Daruma srl, così strettamente legata all’assessore Marino, e dell’acquisto di medaglie presso una gioielleria di proprietà del consigliere Bonavita da parte dell’associazione “Club Tiro Dinamico”, di cui lo stesso Bonavita risulta ex presidente e fondatore”.

“Sono lontani i tempi in cui Metta difendeva a spada tratta – per ragioni di opportunità politica evidentemente venute meno – i suoi più stretti collaboratori, assessori e dirigenti nominati. E appartengono ad un’altra era politica le lotte del Metta consigliere di opposizione contro assessori e consiglieri dell’allora maggioranza per presunti e mai dimostrati «affari di famiglia»”.

“Noi abbiamo fatto solo il nostro dovere di opposizione – ha continuato il capogruppo del PD – accedendo agli atti, incuriositi dai costi troppo alti per una manifestazione così piccola. E non potevamo tacere dinanzi ad un fatto talmente lampante e talmente grossolano che addirittura stupisce chi è capace di leggere le dinamiche politiche, segno di una maggioranza in perenne fibrillazione e con i coltelli fra i denti. È evidente che il problema non siamo noi, ma questo solo l’assessore Marino non l’ha capito”.

“Ora il Sindaco si assuma la responsabilità politica e si dimetta, perché non poteva non sapere, oppure dichiari pubblicamente di essere uno sprovveduto e di non saperne niente, dimostrando alla città la sua inconsistenza”, ha concluso Dalessandro.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati