Manfredonia
Nota stampa a cura del consigliere di Manfredonia Nuova

Manfredonia, Italo Magno “Una città a strisce blu”

"La Giunta Comunale di Manfredonia, con propria deliberazione n. 132 del 1/07/2016, ha individuato 29 aree urbane a parcheggio in tutta la città"

Di:

Manfredonia. La Giunta Comunale di Manfredonia, con propria deliberazione n. 132 del 1/07/2016, ha individuato 29 aree urbane a parcheggio in tutta la città, per le quali la sosta dei veicoli sarà subordinata al pagamento di una somma da riscuotere mediante l’utilizzo di dispositivi automatici.

Non c’è nulla da eccepire, tutto legittimo, tutto regolare. Infatti penso si possa considerare senz’altro positiva la riscossione automatizzata del costo del parcheggio nelle strisce blu, che delimitano le zone di sosta a pagamento. Ma, se ce ne avessero data l’opportunità, portando la delibera in Consiglio comunale, qualche utile contributo avremmo potuto darlo.

Infatti, nel dispositivo della delibera c’è un assillo che mal si concilia con l’esigenza di normalizzare l’ordine ed il rispetto delle regole, dopo anni in cui Manfredonia si è crogiolata nell’assenza di ogni regola. Si sente, infatti, nell’operazione parcheggio a pagamento, prevalere nettamente il bisogno di fare cassa, rispetto all’esigenza di spingere in avanti l’ordine civico. E questo bisogno di prendere soldi dovunque sia possibile, poi, non riguarda solo i debiti delle ultime gestioni amministrative, spesso ritenute festaiole e spendaccione, ma anche l’inveterata abitudine, che vige tuttora, al dispendio di danaro pubblico, ben al di là delle possibilità comunali, con obbligo poi per l’Amministrazione di chiedere al povero cittadino sempre nuovi e più gravosi balzelli.

“Allora io mi chiedo se l’urgenza di fare cassa non sia stata ancora una volta cattiva consigliera”

Infatti non è detto che i Comuni abbiano piena libertà di imporre parcheggi a pagamento un po’ in tutta la città.

Se è vero che la riforma costituzionale del 2001 ha dato ai Comuni italiani piena autonomia su come amministrare le proprie entrate, compresi i guadagni provenienti dai parcheggi a pagamento, è altrettanto vero che bisogna che le zone di parcheggio siano solo tese ad ottenere comportamenti civili e rispettosi dell’ordine e del decoro della città, non a salassare i cittadini. Perciò chiedo agli amministratori comunali se hanno programmato, insieme a tali mezzi dissuasivi, congrue linee bianche per il parcheggio libero, vicino a quelle blu, e grandi aree libere lontano dal centro abitato, onde consentire a concittadini e turisti di vivere la città senza infrangere le regole e senza che la vita diventi troppo onerosa.

Infatti, come chiarito dalla circolare (prot. N° 1712 del 30.03.2012) del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, è obbligatorio per i Comuni lasciare parcheggi liberi nelle immediate vicinanze delle strisce blu. Nel provvedimento, il dicastero precisa anche il concetto di “Immediate vicinanze”; mentre il Codice della Strada, all’art. 7, comma 8, stabilisce che, qualora il Comune assuma l’esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione ovvero disponga l’installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta, su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, esso deve riservare un’adeguata area destinata a parcheggio libero, senza custodia o senza dispositivi di controllo di durata della sosta.

Ne consegue che le delibere comunali che violino questa norma sono da considerarsi illegittime, con il susseguente annullamento dei verbali elevati in conseguenza di esse. Pertanto, in caso di violazione di una dei due obblighi (presenza e vicinanza dei parcheggi gratuiti), i verbali notificati sono da considerare illegittimi.

Tale obbligo non sussiste solo per le zone definite “area pedonale” e “zona a traffico limitato”, nonché per quelle definite di particolare pregio storico e in altri spazi di particolare rilevanza urbanistica.

Italo Magno – Consigliere Comunale di Manfredonia Nuova



Vota questo articolo:
8

Commenti

  • Non avete capito ancora? Ogni giorno una novita:’ per rendere sempre piu’ dura la vita ai cittadini.

  • Ke skifo siamo messi male!!!


  • VERITA

    QUESTO E’ UN ARTICOLO SOLO PER IL PUR PARLARE..


  • svolta

    Voglio sperare che i cittadini diano un altro senso di civiltà “ecologica” …. la bicicletta. Bello sarebbe se si mettesse mano alle piste ciclabili in città.
    Ma se ricordo bene qui dove si è fatto non è riuscito bene ne il percorso e tanto meno la realizzazione. Cittadine del Nord di 9.000 abitanti hanno piste ciclabili da anni e molti, tra cui anche anziani, le percorrono…. e questo gli fa anche bene alla salute per loro detto.


  • antonella

    Il problema parcheggio è questione seria in questa città ci sono le auto come mezzo di trasporto e nessuno vuole rinunciare a queste, quindi si pone il problema dove parcheggiare? Così la nostra amministrazione ha pensato di privatizzare il poco che c’è per fare cassa, oltre al danno la beffa, i cornuti e marziati sono sempre i cittadini, ma certe volte viene da dire che questo è un popolo di balenchi non solo balocchi.


  • Francesco

    Queste regole sono ancora più necessarie per Manfredonia visto che la speculazione edilizia con i comparti costringe molti cittadini ad abitare a 3 km dal centro.


  • GIORGIO

    Come al solito, che fetecchia di articolo.


  • antonella

    Giorgio ci eravamo illusi che ti eri messo il tappo, invece torni sempre a galla vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati