Economia

Maniglio (Pd): “Necessario aprire una vertenza Puglia per il lavoro”


Di:

Antonio Maniglio

Antonio Maniglio, Pd (image: ilapaesenuovo.it)

Bari – “LA Puglia soffre. Ancora crisi, fabbriche che chiudono, lavoratori che vanno in Cig, precari –a cominciare da quelli della scuola- che diventano disoccupati e vanno ad aggiungersi a quelli esistenti”, ha detto in una nota il consigliere regionale Pd Antonio Maniglio. “Le previsioni più nere sulla ripresa autunnale sono state già abbondantemente superate dalla realtà. E bene fanno i sindacati ad accendere i riflettori sulla crisi economica e sul lavoro.
Solo una lettera faziosamente provinciale, mi riferisco alla destra pugliese, può addebitare questa situazione drammatica alle politiche regionali”.


Per Maniglio la crisi è del “sistema-paese”. “E se la Germania incrementa il Pil del 2,2%, e l’Italia solo di un misero 0,8%, vuol dire semplicemente che l’Italia non cresce, non c’è sviluppo. E questa è anche l’analisi di fonti insospettabili come il “Sole 24ore” che proprio oggi, in prima pagina, ha scritto che “se la crescita è asfittica, se i disoccupati, soprattutto giovani, non diminuiscono, se tante imprese, in particolare quelle piccole, sono ancora in bilico tra sopravvivenza e fallimento, è perché manca un progetto”.

“Ma la prova del fallimento della destra sta proprio nel fatto che da mesi si cerca affannosamente di partorire un piano per il Sud. Ma anche qui: chiacchiere tante, fatti zero. Ma nell’attesa il mezzogiorno scivola sempre più giù e la finanziaria approvata qualche settimana fa, con la sequela di tagli imposti, renderà impossibile l’attività della Regione e dei comuni pugliesi. Ma proprio perché la crisi è forte, e provocherà uno smottamento sociale, la denuncia non basta. E’ possibile alzare la voce a nome della Puglia quanto più saremo capaci di fare squadra con le altre regioni meridionali e presentare idee in grado di coniugare interventi per le aziende in crisi con politiche di sviluppo”.


“E’ possibile di fronte a questo scenario calibrare diversamente la spesa dei fondi europei? E nello stesso tempo cominciare a definire una mappa dei punti di crisi e aprire una vera e propria “vertenza Puglia” nei confronti del governo nazionale? E chi, se non Vendola, ha autorevolezza e titolo per guidare un processo che richiede presenza nei luoghi della crisi e del disagio, idee da condividere con la società pugliese, confronto forte con il governo nazionale? Anche per questo penso sarebbe utile che la maggioranza si ritrovi, già la prossima settimana, prima dell’apertura della Fiera del Levante, per affrontare il tema della crisi economica e dare il via concretamente alle iniziative per aprire la vertenza Puglia per il lavoro”, conclude Maniglio.

Marmo (PDL): “L’economia pugliese a picco. La Regione senza strategia” – “Ogni giorno arriva una conferma della particolare gravità dell’economia pugliese, i cui dati (dalla perdita di occupazione, alla moltiplicazione delle ore di cassa integrazione, per non parlare dell’agonia dell’agricoltura) sono acclaratamente i più pesanti d’Italia”, ha detto in una nota il consigliere regionale PDL Nino Marmo, vicepresidente del Consiglio regionale. “E’ la conseguenza anche e soprattutto di un sostanziale disinteresse per le problematiche concrete dello sviluppo e del lavoro da parte di un governo regionale che, pur essendo l’ultimo comunista nel mondo libero, ha completamente dimenticato la lezione di Marx, che era un ideologo dell’industrializzazione. Un governo che, sposando a Melfi la causa della FIOM contro la stragrande maggioranza di quei lavoratori, ha confermato di privilegiare le battaglie di parte (purché producano un passaggio in tv ed una foto sui giornali) agli interessi reali del mondo del lavoro ed alla sua democrazia. Né ci commuove il tentativo patetico di scaricare sui presunti, mancati trasferimenti del governo nazionale le responsabilità di una situazione economica regionale sempre più inquietante, ove si consideri che Vendola non può, allo stato, spendere nemmeno i soldi che ha, come quelli comunitari, per la sua irresponsabile e reiterata decisione di violare il ‘patto di stabilità’. Se oggi infatti da Roma dovessero arrivare tutti i soldi che Vendola chiede, essi resterebbero comunque bloccati per il fermo in atto di qualsiasi mandato di pagamento a seguito di tali violazioni.
Sui primati negativi dell’economia regionale, messa peggio in Italia, dovremmo misurarci in una convocazione monotematica del Consiglio, alla ricerca di una strategia di rilancio che oggi evidentemente non c’è. E quando c’è, è palesemente controproducente”, ha concluso Marmo.

Maniglio (Pd): “Necessario aprire una vertenza Puglia per il lavoro” ultima modifica: 2010-09-03T20:59:34+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi