FoggiaManfredonia
Il 16 settembre in piazza Cesare Battisti un appuntamento che dovrebbe diventare precisa scadenza annuale

​Festa dei laureati a Foggia, la città saluta i dottori di oggi e domani

Il saluto della comunità a chi ha studiato all'Università di Foggia

Di:

Foggia. L’Università e il Comune di Foggia hanno organizzato una cerimonia aperta alla cittadinanza che prende il nome di Laureati in piazza, festa degli studenti che si sono laureati all’Università di Foggia in programma venerdì 16 settembre p.v. in piazza Cesare Battisti a Foggia (davanti al teatro comunale Umberto Giordano) a partire dalle ore 18,00 alla presenza, tra le altre istituzioni territoriali, del Prorettore vicario dell’Università di Foggia prof.ssa Milena Sinigaglia e del Sindaco di Foggia dott. Franco Landella. Un appuntamento che dovrebbe diventare una precisa scadenza annuale, anche grazie al contributo della nascente Associazione dei laureati all’Università di Foggia: organismo socio culturale, alla cui costituzione sta da tempo lavorando l’Università di Foggia, che avrà funzioni di raccordo tra laureandi e laureati, per evitare dispersioni di energie e favorire contatti, eventuali possibili interazioni professionali, infine per scongiurare la dispersione dei rapporti umani che si vengono a instaurare durante gli anni del corso di laurea.

«Ci sembra un’occasione preziosa quella del 16 settembre – commenta il Rettore, prof. Maurizio Ricci – per consentire alla cittadinanza foggiana di accogliere idealmente i laureati presso il suo ateneo, un’occasione per potersi rendere conto anche del grande lavoro scientifico, didattico e umano che sta dietro alle carriere di questi ragazzi. Trovo particolarmente significativo che questa iniziativa venga organizzata di concerto tra l’Università e il Comune di Foggia, mi sembra un modo concreto per ribadire l’appartenenza territoriale e sostanziale degli studenti che hanno scelto il nostro ateneo per compiere il loro percorso accademico. Che poi, inevitabilmente, diventa anche un percorso umano, visto che molti di loro, segnatamente chi non vive qui, sono rimasti in questa città per almeno tre o addirittura cinque anni».

Rettore prof. Maurizio Ricci

Rettore prof. Maurizio Ricci

Tuttavia non saranno solo foggiani gli studenti presenti alla cerimonia, ma vista la varia provenienza – soprattutto degli iscritti ai corsi di laurea della cd. Area medica – sarà lecito attendersi anche molti ex studenti campani, lucani, molisani, abruzzesi e laziali tra gli ospiti in piazza Battisti. Almeno 200 al momento le presenze di laureati nei precedenti anni accademici che sono state confermate, il che vuole dire che tra parenti, amici e conoscenti il pubblico annunciato alla serata del 16 settembre p.v. potrebbe anche superare le 600 unità. «Sarà una cerimonia molto significativa – aggiunge il Sindaco di Foggia, dott. Franco Landella – a cui il Comune non solo ha fornito la propria disponibilità logistica ma anche organizzativa, poiché si tratta di suggellare un percorso durato diversi anni e compiuto da questi ragazzi in una città che sta superando i problemi che si sono cristallizzati in tanti anni ma che può avvalersi anche di grandi risorse, non escluse le giovani generazioni di professionisti preparati dalla nostra Università e motivati a far ricadere le proprie competenze a beneficio del territorio. Dalla qualità al costo della vita, dalla generosità della popolazione allo spirito di fratellanza che meno si rilevano in altre città del Paese: tutti fattori che giocano a favore di quegli studenti che decidono, a parità di condizioni, di iscriversi e frequentare l’Università a Foggia.

Allo stesso tempo, orgogliosi di quello che sta facendo l’Ateneo della nostra città e proprio nel solco di questo profondo e concreto senso di appartenenza, non abbiamo mai fatto mancare il nostro pieno e incondizionato appoggio all’Università».

La cerimonia è stata curata dall’Area Orientamento, Tutorato e Diritto allo Studio dell’Università di Foggia, nella fattispecie dal vicario responsabile dott.ssa Rita Saraò con il sostegno della Delegata del Rettore all’Orientamento, Tutorato e Job Placement prof.ssa Lucia Maddalena: l’obiettivo è intensificare i rapporti di natura sociale tra l’ateneo e i suoi laureati, in modo da migliorare la rete di relazioni non solo istituzionali e approssimarsi nel migliore dei modi al grande appuntamento dei primi venti anni dell’Università di Foggia (5 agosto 2019). Durante la serata in piazza Battisti i migliori laureati – s’intende per risultato conseguito nel loro anno accademico – vestiranno la toga, a tutti gli altri sarà concessa invece la grande soddisfazione del lancio del tocco come per sancire il termine di un percorso umano e intellettuale. «Non una liberazione, ma la consapevolezza di aver partecipato – spiega infine la prof.ssa Lucia Maddalena – a un importante processo della propria vita. Il momento più importante sarà proprio quello del lancio del tocco, tra tradizione e scaramanzia questa è un’usanza a cui i neo laureati non rinunciano mai. Ed è bello vedere volare in aria questi simboli dell’accademia, espressa non come autorità del sapere ma come tappa spesso fondamentale nella vita di ciascuno di noi. Foggia ha dato tanto a questi ragazzi, in termini di accoglienza e disponibilità. Per questo ci è sembrato opportuno organizzare una sorta di congedo della città da questi destini, nella speranza che sia di buon auspicio per tutti».

Un particolare ringraziamento, da parte dell’Università di Foggia, all’assessore comunale alle Attività economiche, politiche, del lavoro e alla Protezione civile avv. Claudio Amorese, che ha attivamente collaborato alla risoluzione di ogni tipo di problema logistico e organizzativo: una collaborazione che, specie per questa circostanza, vale praticamente doppio in quanto a sua volta l’assessore si è laureato presso il nostro Ateneo e riveste la carica di presidente del Centro Universitario Sportivo.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati