Stato prima
Lo riporta il Resto del Carlino

Rifiuta la chemioterapia: morta giovane mamma a Rimini

"Voleva contrastare il tumore con impacchi di ricotta e decotti di ortica"

Di:

Roma. UNA donna di 34 anni – madre di due bambini (di otto e dieci anni) – è deceduta a Rimini. La vittima, colpita da un tumore al seno, aveva rifiutato di sottoporsi alla chemioterapia, preferendo “curarsi tenendo conto delle teorie del dottor Hamer: voleva contrastare il tumore con impacchi di ricotta e decotti di ortica”. Lo riporta il Tgcom24.

(wikipedia) La chemioterapia (dall’inglese chemio-, tratto da chemical, “chimico” e ϑεραπεία, therapèia, “terapia”), è la branca della farmacologia che sviluppa a fini terapeutici dei farmaci con capacità di distruzione quanto più mirata e selettiva possibile di manifestazioni biologiche patologiche. In base alla loro natura, si distinguono:

chemioterapia antimicrobica, o anti-infettiva, che ha il bersaglio nei microrganismi patogeni e nelle cellule da essi infettate; i suoi prodotti (chemioterapici) sono detti antibiotici, antivirali, antimicotici etc.
chemioterapia antineoplastica (nel linguaggio comune, chemioterapia per antonomasia), colpisce le cellule neoplastiche con farmaci noti come antitumorali.

Il termine “chemioterapia” è stato coniato all’inizio del XX secolo per descrivere l’uso di sostanze sintetiche allo scopo di distruggere gli agenti eziologici delle malattie infettive. Nel corso degli anni, la diffusione delle patologie tumorali fino a livelli endemici ha determinato un’estensione della definizione originaria, a comprendere tra gli “organismi invasori” anche le cellule che sono andate incontro a degenerazione tumorale; nel linguaggio comune, la parola “chemioterapia” indica, erroneamente, solo questo campo di applicazione. In realtà, per gli addetti ai lavori sono farmaci chemioterapici prima di tutto antibiotici, antivirali, antiprotozooari, antimicotici ed altri ancora (chemioterapici antimicrobici).

Nella letteratura internazionale, i termini chemioterapico (antimicrobico di sintesi o semisintesi) e antibiotico (antimicrobico di origine naturale) vengono utilizzati indifferentemente per riferirsi a sostanze sintetiche, semisintetiche o naturali dotate di attività antimicrobica.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati