Manfredonia
"Gli uccelli sono per la sopravvivenza in un'altra dimensione, in un altro mondo che significa redenzione"

“Manfredonia, la mia amata”: doodle “La metamorfosi”

"Anche per i quadri della mostra adesso è il tempo di andare via, ma credo che continueranno a vivere nei cuori degli visitatori"

Di:

doodle “La metamorfosi”

Manfredonia, 02.09.2017. ATTRAVERSO la pubblicazione di testi, fotogallery, interviste e “doodle” – versioni speciali del logo della nostra testata, su un’idea di Florian Lettl -, StatoQuotidiano.it sostiene la mostra “Wolfgang Lettl – Manfredonia, la mia amata“, visitabile gratuitamente dal 4 Agosto 2017 al 3 Settembre 2017 a Manfredonia, presso le “Ex Fabbriche di San Francesco” in via San Francesco.

Su idea, richiesta e gentile concessione di Florian Lettl, che si ringrazia.
All rights reserved – © Wolfgang Lettl

—-

Nel dipinto “La metamorfosi” compaiono per la prima volta uccelli bianchi nel´opera di Wolfgang Lettl -  Su idea, richiesta e gentile concessione di Florian Lettl, che si ringrazia. All rights reserved – © Wolfgang Lettl

Nel dipinto “La metamorfosi” compaiono per la prima volta uccelli bianchi nel´opera di Wolfgang Lettl – Su idea, richiesta e gentile concessione di Florian Lettl, che si ringrazia. All rights reserved – © Wolfgang Lettl


“La metamorfosi” (1977) cm 89×107. Nel dipinto “La metamorfosi” compaiono per la prima volta uccelli bianchi in un’opera di Wolfgang Lettl. Non è del tutto inverosimile pensare che derivino dagli stormi di gabbiani del Golfo di Manfredonia che seguono pescherecci a lavoro.

Wolfgang Lettl scrive: “Negli schizzi iniziali, ho cercato di coniugare un uomo con un uccello. Questa combinazione non mi piaceva cosí ho provato a mettere al posto di un uccello uno stormo di uccelli. La mia preoccupazione quando progetto un quadro é quella di trovare forme interessanti. Non presto attenzione al primo contenuto degli schizzi, sono concentrato solo sulla forma dell´immagine che non é solo oggetti ma anche movimento, colore, luce e interazione di questi elementi tra loro. Cosí, gradualmente,quando tutto va bene, l´intero contenuto dell´opera assume un senso.”

”Nella “Metamorfosi” si nota un fragile vecchietto di spalle. L’uomo si trova all´ultimo passo della vita, anche le bobine vuote indicano che sta arrivando la fine, che il filo della vita è terminato. Dall’alto si trasforma in uno stormo di uccelli bianchi. Questo significa la “morte”, ma non la “fine”, perché gli uccelli sono per la sopravvivenza in un’altra dimensione, in un altro mondo che significa redenzione”.

“Anche per i quadri della mostra è il tempo di andare via, ma credo che continueranno a vivere nei cuori dei visitatori”. “Grazie di tutto”, dice Florian Lettl.

Tutti i doodle pubblicati su StatoQuotidiano si possono vedere su: http://www.lettl.de/ausst/manfredonia/doodle.html

Redazione StatoQuotidiano.it

“Manfredonia, la mia amata”: doodle “La metamorfosi” ultima modifica: 2017-09-03T13:00:54+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi