Stato prima
"20 anni, congolese, rifugiato residente a Vallefoglia, nel Pesarese"

Stupri Rimini, bloccato 4° componente “branco”. “Preso da donne..”

Sui social "sono tanti quelli che augurano a lui la morte e che fanno riferimento alla necessità della pena capitale, con diverse offese razziste"


Di:

Rimini. E’ stato bloccato nella notte a Rimini il quarto componente del ‘branco’ autore degli stupri a Rimini. Come riporta l’Ansa, il suo nome è “Guerlin Butungu, 20 anni, congolese, rifugiato residente a Vallefoglia, nel Pesarese”.

Ieri pomeriggio due fratelli originari del Marocco, entrambi minori, si sono costituiti a Pesaro.

(ANSA). Padre dei due fratelli marocchini, ‘devono pagare’. “Gli ho detto di andare subito dai carabinieri. Può capitare che uno rubi un telefonino, ma non che uno violenta una donna. Se hanno fatto una cosa del genere devono pagare”. Sono le parole al Resto del Carlino del padre dei due fratelli marocchini di 15 e 17 anni residenti a Vallefoglia, nel Pesarese, che ieri si sono presentati in caserma per ammettere il loro coinvolgimento nel doppio stupro di Miramare di Rimini.

(ANSA) – BOLOGNA, 3 SET – In poche ore, cioè da quando è stata resa nota l’identità del presunto capo della banda di stupratori di Miramare di Rimini, il profilo Facebook del ventenne congolese Guerlin Butungu, fermato nella notte, è stato preso d’assalto da decine di messaggi di insulti. Tra i commenti ad un post pubblico del 17 luglio in cui il giovane parla in francese di un suo amico morto, sono tanti quelli che augurano a lui la morte e che fanno riferimento alla necessità della pena capitale, con diverse offese razziste. Uno dei post più recenti di Butungu è del 3 luglio, giorno del suo compleanno, quando il giovane ringraziava Dio per averlo protetto sin qui.

Stupri Rimini, bloccato 4° componente “branco”. “Preso da donne..” ultima modifica: 2017-09-03T11:43:02+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi