FoggiaManfredonia
Si resta senza parole per l’impunità con cui dai ghetti possono spostarsi i caporali

“I ghetti non esisterebbero senza il caporalato”

"Quali siano i livelli d’illegalità nei ghetti ce lo raccontano gli scarsi articoli di cronaca"


Di:

I ghetti non esisterebbero senza il caporalato, senza una organizzazione illegale che permette di trasportare centinaia di persone ogni giorno dalle “banlieù rurali” auto costruite al posto di sfruttamento, spesso situato a decine di chilometri di distanzaa sostegno di un’economia drogata, sostenuta con salari da fame e assenza di sindacalizzazione.
Basta frequentare, anche occasionalmente, le strade secondarie delle nostre campagne per accorgersi del via vai di furgono stracarichi di braccianti, strade da cui non è raro, anche in questi giorni, vedere gruppi di immigrati dediti ai lavori agricoli.

Visitando il “Camping Gran Ghetto” salta subito all’occhio la gran quantità di “mezzi di trasporto” a disposizione dei novelli Caronte di braccianti, mezzi spesso vetusti, mezzi spesso con targa straniera che circolano indisturbati sulle strade. Quanti controlli sono stati fatti sulle strade per controllare questi veicoli? Quanti veicoli sono stati trovati senza assicurazione obbligatoria e senza la revisione di legge?

Si resta senza parole per l’impunità con cui dai ghetti possono spostarsi i caporali. Si resta senza parole vedendo come i novelli Caronte fanno manutenzione delle strade nei pressi del “camping Gran Ghetto” coprendo le buche stradali con materiale di risulta da demolizioni edilizie. Eppure tutte le forze di Polizia, statale e locale, possono fermare e controllare i veicoli che transitano verificando assicurazione e revisione in tempo reale con i normali strumenti informatici in dotazione (basta uno smartphone e un’app per farlo).

Se è vero che i corpi di Polizia Statale sono sotto organico e, in questo periodo, super impegnati nei controlli del territorio dopo gli ultimi omicidi di mafia, cosa impedisce il coinvolgimento delle Polizie Locali nel controllo e repressione degli spostamenti dei caporali? A parte i piccoli comuni, spesso con un organico irrisorio di agenti di Polizia Locale, cosa impedisce ai comuni più grandi (Foggia, Manfredonia, San Severo, Cerignola, Lucera) di estendere i controlli, coordinandosi con i corpi di Polizia Statale, anche alle strade rurali? Basterebbe una pattuglia per comune impiegata poche ore al giorno per contrastare efficacemente il caporalato. Non farlo è solo segno di poca attenzione al fenomeno illegale.

Permettere ai caporali di spostarsi impunemente non è che una faccia dell’economia illegale che chiamiamo caporalato, un’economia che avrebbe bisogno di altra definizione. Una cosa sola è certa: senza impunità negli spostamenti non ci sarebbe caporalato e ghetti o, almeno, il fenomeno non avrebbe le dimensioni intollerabili che ha ora nella nostra provincia.

Quali siano i livelli d’illegalità nei ghetti ce lo raccontano gli scarsi articoli di cronaca. Risse, incendi, accoltellamenti che solo occasionalmente trovano spazio sui giornali. Spesso questi eventi sono patrimonio solo di chi vi assiste fortuitamente a dimostrazione di una “normalità inaccettabile” per una società che si vuol definire civile.

E’ ora che lo Stato, in tutte le sue espressioni, chiuda i ghetti, cominciando dal “villaggio turistico Gran Ghetto” gestito da sfruttatori di braccianti migranti, che si adoperi per sequestrare i mezzi usati per il trasporto illegale di manodopera riaffermando la supremazia della legalità sull’illegalità e il malaffare, humus su cui crescono e si fortificano le mafie vecchie e nuove. Regione Puglia, tramite il suo Presidente e il rimpianto Stefano Fumarulo, lo chiedono da anni, è ora che lo Stato dia risposte concrete, continuative e non occasionali buone solo a far titolo sulle stampa e nulla più.

A cura di Giorgio Cislaghi – Circolo Che Guevara Foggia

“I ghetti non esisterebbero senza il caporalato” ultima modifica: 2017-10-03T12:14:33+00:00 da F. Giorgio Cislaghi



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi