Manfredonia
"Lo scarico delle navi gasiere avverrà con uno scambio termico a ciclo aperto"

Comitato No Energas “Lettera aperta ai sindacati e alle cooperativa di pesca”

"L’unica incognita è la “misura” dell’inquinamento perché non si conoscono le quantità effettive in gioco"

Di:

COMITATO “ NO ENERGAS”

Lettera aperta ai Sindacati e alle Cooperative di pesca

Manfredonia. I sindacati nascono per difendere gli interessi dei lavoratori e per auspicare e sostenere politiche di sviluppo occupazionale. Nella vicenda del deposito di gas GPL dell’ENERGAS, però, si nota la loro assenza. Pensiamo che ciò sia dovuto alla scarsa conoscenza di qualche aspetto tecnico.

Vogliamo far presente, ancora una volta, a tutti i sindacati e ai loro iscritti,che, da una valutazione di impatto occupazionale emerge questa triste realtà: I posti di lavoro che verrebbero distrutti sono molto di più di quei pochi che vengono promessi dall’ENERGAS. Lo scarico delle navi gasiere avverrà con uno scambio termico a ciclo aperto. Questo significa che l’acqua di mare, utilizzata per riscaldare il gas, sarà rimessa in mare a circa 0°c e addit ivata con sostanze biocide, cioè cloro e/o suoi derivati, che servono per preservare la corretta funzionalità
degli scambiatori.

L’inquinamento delle acque del golfo, la riduzione del pescato, l’avvelenamento della cymodocea nodosa sono tutte conseguenze certe di tale procedimento. L’unica incognita è la “misura”
dell’inquinamento perché non si conoscono le quantità effettive in gioco. Se qualcuno avesse ancora dei dubbi su questo, può andare a Porto Tolle a vedere gli effetti di tale tecnologia.

Invitiamo, pertanto, tutti, sindacati e pescatori, a schierarsi al nostro fianco per difendere l’ambiente, la vita e soprattutto il lavoro.

(Manfredonia 02/11/201 – Il presidente Ing. Matteo Starace)



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • Gaetano

    I sindacati (perché esistono i sindacati? ) e le coperative di pesca conoscono il problema solo che non gliene frega niente


  • cane di prua

    I pescatori sono tenuti a bada -che fanno finta di non volere Energas.

  • Ma si che esiste il sindacato…c’è il segretario generale della cisl ALBERTO GATTA. …dite a lui che problema avete e risolve.


  • Energasexit

    The fishing industry is under blackmail because the fish it sells almost everything in black on the streets of Manfredonia and escapes any control over the port access and all the rest! The Fish Market should be the forge of P.I.L. Manfredonia instead is an immense black!


  • Bah

    I pescatori hanno ben altro a cui pensare: crisi del settore, crisi loro interna, incapacità a organizzarsi autonomamente e a far funzionare le proprie sedi, spacchettamento cooperativo e tante altre problematiche.
    In tanti anni messumo li ha sostenuti (comune) e nessuno ha voluto credere in loro e adesso?


  • Cittadino indignato

    Oggi ( ci sono le telecamere) di fronte l’ ufficio postale di monticchio ‘c’erano decine di telai di pesce in vendita sull’asfalto medesimo discorso in via antiche mura via croce, e altre arterie..inoltre ricevere scontrini fiscali nei mercatini e rivendite e’ utopia…


  • Giuseppe

    Approposito di sindacati, voglio capire che fine hanno fatto i soldi del fermo pesca 2015?io non ho avuto un euro, non dovevamo evere questi soldi un mese fa?che fine hanno fatto i nostri soldi , sono stati gasati anche quelli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati