Cronaca

Sicurezza Ilva,azienda attacca Sofri: scritto il falso

Di:

Gruppi di lavoratori su di un treno nastri all'altezza dell'altoforno 5 dello stabilimento Ilva di Taranto 26 settembre 2012, si danno il cambio a 60 metri di altezza dietro a uno striscione con scritto Lavoro e' dignita'. ANSA/RENATO INGENITO

Taranto – REPLICA di Ilva “all’inaccettabile attacco sul tema della sicurezza in stabilimento”. “In merito all’articolo “Gli operai Ilva – Non risaliremo su quelle gru” pubblicato oggi dal quotidiano La Repubblica a firma di Adriano Sofri, Ilva comunica che si tutelerà in tutte le sedi, anche legali, per il vergognoso attacco all’Azienda perpetrato utilizzando fonti anonime su un tema critico come quello della sicurezza”.

“Ilva ha ottenuto proprio pochi giorni fa, il 14 novembre, al tavolo tecnico presso la Prefettura di Taranto, unanime riconoscimento da parte di tutte le Autorità per il lavoro di miglioramento della sicurezza nello stabilimento. Un impegno che ha permesso dal 2005 a oggi di ridurre gli infortuni del 60% grazie a importanti investimenti e a una formazione continua e costante. Al tavolo tecnico sulla sicurezza erano presenti il Sindaco e il Presidente della Provincia di Taranto, i vertici del Dipartimento di prevenzione dell’Asl di Taranto, dell’Inail di Taranto e del comando provinciale Vigili del Fuoco che hanno dettagliatamente relazionato sulle proprie ispezioni e rilievi e definito i risultati ottenuti da Ilva “straordinari”.

“Sulla base dei dati oggettivi e dell’impegno quotidiano profuso dall’azienda per la sicurezza dei suoi lavoratori, appaiono del tutto immotivate, inconsistenti, offensive le dichiarazioni espresse nell’articolo che oltretutto utilizza fonti anonime per riportare dichiarazioni gravissime e del tutto false”, dice l’azienda.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi