EventiScienza e Tecnologia

Terzo millennio; adeguamento della cronologia e d’altro

Di:

Caldarroste Sagra Saletto (st)

CON riferimento ai secoli dC, dal I Millennio, si ha una cronologia numerica, ossia il I sec sino al 99, il II sec dall’anno 100, il III sec dal 200, il IV sec dal 300, il V sec dal 400, il VI sec dal 500, il VII sec dal 600, l’VIII sec dal 700, il IX sec dall’800, il X sec dal 900 al 999; dopo il Mille, questo il Millesimo dC, si ha il II Millennio con l’XI sec dall’anno 1000, il XII sec dall’anno 1100. Dal 1100 si può elidere il 1000 ottenendo ‘100, ‘200, ‘300…

Dal 1200, poi, ha inizio una cronologia comunemente in lettere, rendendo implicito il Mille, ossia il Duecento (XIII sec) e il derivato Duecentesco con Duecentista e Duecentistico con le varianti letterarie Ducentesco o Dugentesco, Ducentista e Dugentista e Ducentistico o Dugentìstico, così via dal Trecento (XIV sec) il Trecentesco con Trecentista e Trecentistico, dal Quattrocento (XV sec) il Quattrocentesco con Quattrocentista e Quattrocentistico con un Quattrocentino (dal 1933) sinonimo di Incunabolo (già dal 1688), dal Cinquecento (XVI sec) il Cinquecentesco con Cinquecentista, Cinquecentistico e un Cinquecentino, questo concernente un’edizione d’epoca, dal Seicento (XVII sec) il Seicentesco e Seicentismo con le varianti artistico-letterarie Secento cui Secentesco, Secentesimo, Secentismo e Secentistico, dal Settecento (XVIII sec) con Settecentesco e Settecentista, dall’Ottocento (XIX sec) l’Ottocentesco con Ottocentista, dal Novecento (XX sec) il Novecentesco con Novecentismo, Novecentista e Novecentistico.

Entriamo così nella suddivisione di Ere e le Età. Era antica include tutto l’aC, l’avanti Cristo. Era volgare parte dalla nascita di Cristo, attraversa i nostri giorni e corre nel futuro..

I periodi principali, accantonando la preistoria, sono: Antichità che comprende la storia dalla comparsa della civiltà egizia e sumera fino alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente il 476 d. C.; un periodo di circa 4mila anni. Medioevo (Età di mezzo) 11 secoli dal 476 dC alla scoperta dell’America nel 1492. Età moderna 3 secoli buoni dal 1492 al 1815; alcuni storici, però, la segnano sino all’alba della Rivoluzione Francese, il 1789 data della convocazione degli Stati Generali. Età contemporanea dal 1815, data del Congresso di Vienna, ai nostri giorni.

Veniamo ora al nostro millennio.

Buongiorno Duemila
Buongiorno Duemila
figlio sconosciuto
d’un tempo fulmineo
come le due Aquàridi
viandanti nel cielo
con la vaporosa
consorte di strascico.

Buongiorno millennio
sogno trapassato
del mio volerèssere
. (FG – edita 2000)

Nel III Millennio, segue il XXI sec dall’anno 2000 al 2099, il XXII sec dal 2100 al 2199; più complicato elidere il 2000 dopo il 2100 per ottenere ‘100, ‘200… come nel secondo millennio, preferendo forse un doppio segno grafico cui “100, “200, “300… e poi, si dovrebbe ripetere la cronologia in lettere con Duecentesco (XXIII sec), Trecentesco (XXIV)… accompagnandolo, chissà, da un prefisso, ad esempio, Biduecentesco, Bitrecentesco o Diduecentesco, Ditrecentesco, saldandovi i prefissi BI dal latino BIS o DI dal greco DIS che valgono due volte o seconda volta.

Il 20 luglio 1969, a bordo della navicella spaziale statunitense Apollo 11, Edwin E. Aldrin jr, Neil Armstrong e M. Collins raggiungono, per la prima volta nella storia dell’umanità, il satellite terrestre; mentre Collins resta in orbita al comando del veicolo spaziale, Aldrin e Armstrong atterrano sulla Luna con il LEM modulo lunare semovente. In una futura ripartizione e ridistribuzione storica, com’è già avvenuto dalla scoperta dell’America (dal 1492 Età moderna), è ammissibile l’inizio di una nuova età dell’uomo con la data di tale missione lunare o del lancio della prima bomba atomica (scoperta dell’energia atomica), che già hanno dato al mondo l’indicazione informale di Era atomica ed Era spaziale.

L’Età moderna e contemporanea, comunque, dovranno essere modificate nei loro parametri cronologici se non convenientemente sostituite da altre definizioni. Occorrerebbe pure aggiornare l’unità di misura del tempo poiché il sistema fin qui adottato universalmente pare abbia fatto appunto il suo tempo.

I ricercatori della nuova generazione propongono questa novità:
1 swatch beat = 1 minuto 26,4 secondi. Il termine inglese sta per “ (unità di) battito campione”.

Formula SB = h x 1m 26s 4d
Equivalenza, ore 21 = 893
Pertanto, alle 9 di sera, alla domanda “che ora è?” dovremmo rispondere 893

Come si evolverà, infine, il concetto di Basso e Alto, data l’esperienza dei viaggi interstellari. Negli anni Sessanta, un istruttore pilota mi condusse in un “volo di familiarizzazione” a bordo di un jet biposto. Durante la navigazione mi chiese di osservare un incantevole panorama sottostante ed io non feci altro che volgere lo sguardo verso il mio basso, fuori del tettuccio.
Il promontorio, invece lo avevo giusto sulla testa, in alto, in quell’azzurro mare che avevo scambiato per cielo.

Il velivolo era capovolto ed io non me ne ero accorto; tuttavia, nel correggermi la visuale ho dovuto prendere a riferimento la superficie terrestre. Qual è stato, dunque, il Basso e l’Alto per gli astronauti in rotta lunare; Basso verso la terra e Alto in direzione della luna? Al ritorno, poi, l’orientamento cambia: Basso verso la luna e alto in direzione della terra?

Qual è stato per i viaggiatori del MIR e quale per i nauti dell’ISS (Stazione Spaziale Internazionale). Qual è, allora, il Basso e l’Alto negli spazi interstellari. Il percorso semantico potrà verosimilmente tradurlo nell’indicare Basso per “prua in direzione Terra” e Alto per “direzione prefissata”; all’interno nell’astronave non potranno che essere in relazione al tetto.

Zenit e Nadir andrebbero perduti quali punti della volta celeste segnati dalla verticale ideale che si allontana da una base terrestre, attraversando l’osservatore dai piedi al capo, se non riaggiustati volta per volta in relazione alla posizione dell’astronave, la quale andrebbe però a configurare virtualmente la superficie del nostro pianeta.

(A cura dello storico critico Ferruccio Gemmellaro, Meolo, Venezia)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi