CronacaManfredonia
Tribunale Torino revoca a 24enne contributo genitore divorziato

Figlio ‘inerte’ non ha diritto assegno


Di:

(ANSA) – TORINO, 3 DEC – Il figlio maggiorenne che non ha raggiunto l’autosufficienza economica per la propria “inerzia” non ha diritto a ricevere dal padre divorziato l’assegno di mantenimento che gli permetta di avvicinarsi a un tenore di vita simile a quello che conduceva la famiglia prima della separazione. E’ su questo principio che il tribunale di Torino ha revocato il contributo di 1.500 euro al mese che un ventiquattrenne chiedeva al genitore, ex amministratore delegato di una grande azienda (ora fallita) che al momento della rottura dei legami familiari guadagnava 167.648 euro lordi all’anno. (ansa)

Figlio ‘inerte’ non ha diritto assegno ultima modifica: 2016-12-03T17:01:45+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

  • decisione esemplare. basta con i parassiti di famiglia. debbono imparare e cercarsi un lavoro. con tutti i sacrifici che comporta. i benefici verranno dopo. abbasso la cultura del niente tutto e dovuto. basta vedere il grande fratello. bisogna riscoprire l’arte del darsi da fare da soli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This