FoggiaManfredonia
La natura dell’incendio è di origine accidentale

Foggia rogo a Rignano: sfollati 500 migranti, 2 feriti

Sono oltre 500 i migranti sfollati, tutti lavoratori al servizio dei “caporali” per la raccolta di prodotti agricoli


Di:

Foggia. Durante la notte tra giovedì 1° dicembre e venerdì 2, un incendio ha devastato il “Gran Ghetto”, un insediamento nelle campagne tra Rignano Garganico e San Severo in cui vivono circa 500 migranti, tutti lavoratori al servizio dei caporalati per la raccolta di prodotti agricoli. Da un primo sopraluogo sembrerebbe che l’incendio sia stato di origine accidentale, causato probabilmente da una stufa elettrica o da un fornello, e si è poi facilmente diffuso nel campo per via dei materiali con cui erano realizzate le baracche: cartone, legno, plastica e materiale di fortuna.

Non ci sono vittime ma soltanto due feriti che hanno fatto ricorso alle cure dei sanitari del 118, giunti sul posto insieme a tre autobotti dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Foggia; uno di loro è rimasto intossicato dalle esalazioni, l’altro è rimasto ferito ad una gamba mentre fuggiva dalle fiamme. Avvenimenti simili si sono già manifestati in passato e le baracche furono ricostruite nel giro di poche ore.

Più volte la Regione e le autorità avevano annunciato l’idea di sgomberare il ghetto abusivo, che nel tempo si è allargato, alla periferia di Rignano. “Nel breve periodo saranno attivate una serie di iniziative per favorire il graduale e volontario allontanamento degli immigrati che in numero consistente e significativo si sono concentrati lì perché impegnati nella raccolta nei campi dei prodotti agricoli” – annunciò la Prefettura di Foggia lo scorso 30 luglio.

”Ennesimo incendio al” ghetto di rignano” oramai non ci sono più parole da spendere ma bisogna agire. La Regione che ha più volte annunciato il superamento del ghetto vuole procedere o vuole continuare a menar il can per l’aia? Se non sbaglio alcuni protocolli sono stati sottoscritti ed una indicazione approssimativa per lo sgombero era anche stata programmata. Siamo a dicembre ed il ghetto è ancora in piedi con tutte le sue pecularietà e funge da serbatoio di braccia umane . Quando ancora bisognerà aspettare? Ognuno si assuma le proprie responsabilità e si metta fine a questo sconcio che sta portando alla cronaca nazionale e internazionale la nostra Provincia”. (Franco Bambacigno Seg. Gen.Fai-Cisl Foggia )

FOTOGALLERY VINCENZO MAIZZI

(A cura di Antonio Piazzolla, Foggia 02.12.2016)

Foggia rogo a Rignano: sfollati 500 migranti, 2 feriti ultima modifica: 2016-12-03T08:22:43+00:00 da Antonio Piazzolla



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • indignato

    Orrendo! Neanche fossimo ad Aleppo! Invece siamo nell’italia del Pd, nella Puglia del Pd!! E con i comuni limitrofi del PD!
    Vergogna! Vergogna! vergogna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This