Cronaca

Cerignola, riaccesi i semafori di via Milano e via Manfredonia

Di:

Cerignola, panoramica (www.gesef.it/grafica)

Cerignola – TORNANO a funzionare da oggi a Cerignola i semafori posti all’incrocio tra via Milano e via Borsellino, e tra via Manfredonia e viale Usa, mentre quello di via Melfi/viale di Ponente potrebbe essere riattivato la prossima settimana. Nei prossimi giorni si deciderà quando tenere accesi gli impianti semaforici, spiega l’assessore alla Sicurezza, Carmela Lapiccirella, autrice dell’iniziativa: “Uno dei primi obiettivi che mi sono posta, nel ricoprire l’incarico che mi è stato affidato, è stato quello di riaccendere i semafori in città; tuttavia, ho da subito condiviso le perplessità di chi riteneva che l’uso degli stessi in modo indiscriminato e continuato recasse più svantaggi che benefici al traffico veicolare e per questo, dopo essermi consultata con il dirigente, gli agenti della Polizia Municipale e gli ausiliari del traffico, ho pensato di attivare soltanto alcuni semafori e in determinate fasce orarie”.

Lapiccirella si dice convinta “che il futuro sia rappresentato dalle rotatorie, per la cui costruzione stiamo lavorando anche a bandi che prevedano la partecipazione dei privati, e approfitto di questa occasione per ringraziare anche i tanti consiglieri comunali che, con lettere pubbliche o suggerimenti privati, mi hanno confortato nell’ adozione di questo provvedimento”. Secondo il Sindaco Antonio Giannatempo “riaccendere i semafori in determinate zone a maggiore concentrazione di traffico e in orari di punta è un buon compromesso tra le tesi di chi è contrario all’uso degli impianti semaforici anche per logiche ragioni di inquinamento atmosferico dovuto agli scarichi delle auto in coda in attesa del verde e quelle di chi ritiene che i semafori debbano essere accesi sempre, come sostenuto anche da alcuni consiglieri di maggioranza”. La riattivazione dei semafori in questi termini, conclude il primo cittadino, “insieme alla ormai prossima riattivazione della centrale operativa, garantirà indubbiamente una maggiore disciplina del traffico veicolare. Tutto ciò, naturalmente, non servirà a nulla senza la piena collaborazione dei cittadini”.

CERIGNOLA: SEMAFORI RIACCESI, SODDISFATTI I 5 RICHIEDENTI DEL PDL-FI

CERIGNOLA – “I semafori riaccesi dopo 3 anni e mezzo da questa mattina salutano con ritrovata fiducia il 2014 di Cerignola”. I consiglieri comunali del Pdl-Fi, Onofrio Bombino, Gianvito Casarella, Mario Distefano, Arcangelo Marro e Paolo Vitullo salutano il funzionamento degli impianti tra via Milano e via Borsellino, e tra via Manfredonia e viale Usa. Proprio loro lo scorso 27 novembre ne avevano richiesto il ripristino immediato, con una lettera al neo assessore alla Sicurezza, Carmela Lapiccirella.

“Qualcuno difendeva l’indifendibile – osservano i 5 del Pdl-Fi – perpetrando una scelta datata, che era subordinata alla costruzione di rotatorie non immediatamente in calendario, per mancanza di risorse. Altri, ridacchiavano della nostra richiesta, dicendo che non si sarebbe potuto mai rimettere i semafori in funzione e che la nostra era una grossa ingenuità. Grazie alla nostra insistenza ed all’impegno dell’assessore Lapiccirella, oggi i semafori funzionano e Cerignola può riabituarsi alla civiltà dei flussi veicolari”.

Cerignola risponde stordita, intanto, alla prima mattinata con gli incroci principali finalmente disciplinati. “La città sta vivendo un momento di storico degrado sociale – osservano Bombino, Casarella, Distefano, Marro e Vitullo – e alzare la testa è doveroso. Quando abbiamo deciso di restare fuori da una giunta comunale che non ci rappresenta, abbiamo chiarito che il nostro sostegno si pone ora precisi obiettivi importanti, simbolici o concreti: piccoli come questo dei semafori, o grandi come i grossi temi di interesse socio-economico”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    |COMUNICATO STAMPA|
    Sgarro: Sulla riaccensione dei semafori il centrodestra affonda nel ridicolo
    La Befana porta per Cerignola la riaccensione dei semafori ma soprattutto porta al centrodestra tanto ma tanto carbone.

    Siamo una città stana, ma soprattutto siamo una città con una “strana” amministrazione. Quella che prima decide di spegnere i semafori indicati coma fattore d’inquinamento (?), poi li riaccende perché evidentemente “scopre” che siamo una città con una viabilità complessa, che l’inquinamento probabilmente non è diminuito ma che sicuramente, senza semafori agli incroci, sono aumentati gli incidenti stradali, per poi, alla fine, dopo tre anni e mezzo, riaccenderli e lanciarsi in trionfanti comunicati. Della serie: prima creo il problema, poi risolvo il problema che ho creato e poi dico come sono stato bravo a risolverlo.

    Siamo una città strana dove un semaforo che funziona non è la normalità ma lo stato d’eccezione da celebrare. Per non cadere nel ridicolo (di per sé già abbondantemente superato…) sarebbe stato auspicabile che alla “normale” decisione di riaccendere i semafori fosse seguito un “normale” atto di silenzio da parte dei critici ma sempre votanti consiglieri del PDL-FI visto che della maggioranza Giannatempo che decise di spegnere i semafori nella perplessità generale della cittadinanza, loro fanno a tutt’oggi parte; oppure ci saremmo aspettati uno :«scusate ABBIAMO sbagliato»… e invece niente, si gioca a scarica barile…

    L’evidente momento storico di degrado che sta vivendo Cerignola (parole loro), guarda caso coincide con quello nel quale sta amministrando il loro centrodestra: forse è bene che i consiglieri se ne rendano conto, perché altrimenti viene naturale chiedere: ma in questi tre anni e mezzo di degrado e semafori spenti in quale città avete fatto i consiglieri comunali?

    Tommaso Sgarro
    (Segretario PD Cerignola)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi