Manfredonia

Cobas: assunzioni Dussmann, azienda receda da certificato avvenuta formazione

Di:

Aprile Cobas (statoquotidiano)

Foggia – “IL Sindacato Cobas del Lavoro Privato denuncia il fatto che all’atto di assunzione con la ditta Dussmann i lavoratori ex lsu Ata delle provincie della BAT e Foggia venivano invitati a firmare un CERTIFICATO di AVVENUTA FORMAZIONE e INFORMAZIONE sulla sicurezza sul lavoro (che equivale ad un corso di formazione di 8 ore mai avvenuto)”.

“Il referente Cobas della provincia di Foggia appena si è accorto di questa strana situazione ha invitato i rappresentanti della Dussmann a recedere da tale richiesta. Lo ha ottenuto solo per quei lavoratori che hanno deciso di appoggiare la richiesta del responsabile Cobas. Di tutto questo informeremo le autorità giudiziarie attraverso i nostri avvocati per verificare se siano stati commessi degli illeciti”.

“Le ditte infatti quando concorrono negli appalti caricano lo stesso dei costi sulla sicurezza. In questo caso se abbiamo visto giusto ed il corso, obbligatorio per legge, non è mai stato fatto, si può calcolare che al costo di 100 euro a lavoratore rimangono in saccoccia a qualcuno diverse decine di migliaia di euro”.

“Il nostro referente foggiano bene ha fatto a denunciare tale situazione e se ci sono gli estremi di legge per denunciare la Dussmann lo faremo tranquillamente insieme a qualche rappresentante sindacale che informato dei fatti ha continuato a far firmare i lavoratori”.

(Brindisi 4.1.2014, Per il Cobas del Lavoro Privato Roberto Aprile)

VIDEO



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • MICHELE

    quante proteste……
    ma nessuno ha mai pensato a quelle persone che per molti anni hanno lavorato in quella zona chiamata “comparto d’aria” (aria fritta) e che come un domino si sono travate senza lavoro e ne cassa int. speciale,
    ma sapete che i servizi di pulizia nelle scuole sono stati privatizzati e che voi siete dipendenti di una ditta che se fallisce dovete andare tutti a lavorare altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi