Politica
Intervento dell'assessore regionale

Classifiche LEA, Pentassuglia: ‘dati provvisori e incompleti’

Basate su dati provvisori che devono essere completati attraverso l’istruttoria congiunta Regione/Ministero in corso in questi giorni

Di:

Bari – Le notizie di stampa sulla classifica dei Livelli Essenziali Assistenza, relativa all’anno 2013, che vedrebbe la Puglia “adempiente con impegno”, sebbene agli ultimi posti, sono basate su dati provvisori che devono essere completati attraverso l’istruttoria congiunta Regione/Ministero in corso in questi giorni.

“Il dato di questa classifica – spiega l’assessore alle Politiche della Salute, Donato Pentassuglia – forse diffusa per motivi elettorali, riguarda soltanto adempimenti formali, e non la qualità dei servizi offerti. Secondo la classifica provvisoria diffusa ieri, la Regione Puglia sarebbe a quota 134: siamo convinti che il percorso di confronto con i tecnici ministeriali porterà a una positiva correzione e presumibilmente al raggiungimento di posizioni di metà classifica. Anche se il dato pubblicato è provvisorio, tuttavia, ci sono alcuni aspetti che meritano una riflessione: tra gli adempimenti che vengono contestati alla Regione Puglia, vi è il tema delle vaccinazioni, rispetto al quale si registra un sostanziale passo indietro sia per le vaccinazioni infantili che per quelle influenzali, entrambe pesantemente condizionate da campagne di stampa che hanno minato la fiducia dei cittadini in questo fondamentale presidio di prevenzione.

In particolare, sulle vaccinazioni che riguardano i bambini è, com’è noto, in atto una sciagurata campagna che ha il suo epicentro nel Nord Barese dove è stata perfino avviata un’inchiesta penale. Un’altra criticità riguarda la incompleta chiusura dei punti nascita, attribuibile alle resistenze che le comunità locali oppongono ai percorsi di razionalizzazione indicati dalle linee guida ministeriali. Le conseguenze si registrano ad esempio sull’ancora elevata percentuale di parti cesarei che determina un abbassamento del punteggio nella classifica. Tuttavia, per chiarire il carattere formale della rilevazione sui LEA, ad esempio, la Puglia ha ottenuto una decurtazione del punteggio sulla percentuale dei soggetti presi in carico per patologie psichiatriche basata sulla modifica del sistema di rilevazione: non più il numero di malati seguiti dai centri di salute mentale, ma la registrazione formale delle prestazioni sanitarie eseguite. Va comunque evidenziato che tutte le criticità sono significativamente influenzate dalla impossibilità di assumere il personale carente, pur in presenza delle risorse finanziarie.

Persino la Ministra Lorenzin ha recentemente stigmatizzato il ricorso al blocco del turn over come strumento per il contenimento della spesa, riconoscendo che questa pratica ha determinato un sostanziale impoverimento delle competenze del sistema sanitario a livello nazionale e regionale. Detto ciò va comunque evidenziato che in tutti i tavoli di verifica l’impegno profuso negli ultimi nella realizzazione degli obiettivi di salute ripresi dal Patto della Salute 2014-2016 oggetto dell’Intesa tra Stato e Regioni.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi