CapitanataSan Severo
"Senza considerare che da anni oramai questa IPAB non usufruisce di nessun contributo regionale"

Casa di riposo Masselli. Barone: “Emiliano nomini commissario straordinario”

"La nomina del Commissario regionale ai sensi delle LL.RR n°15/2004 e 19/2006, porterebbe a sbloccare a oggi una situazione di stallo che da mesi regna nella casa di riposo"

Di:

San Severo. “Vi scrivo in merito all’incresciosa situazione della Casa di Riposo “Concetta Masselli” di San Severo, un Ipab presso la quale ad oggi, per cause non imputabili alla gestione interna, la situazione potrebbe portare ad amare conseguenze qualora non si dovesse provvede immediatamente alla nomina di un commissario straordinario per far fronte ad adempimenti indifferibili e non adottabili dal presidente dimissionario.” queste le prime parole della lunga missiva inviata dalla consigliera Rosa Barone al presidente Emiliano e ai suoi assessori competenti, auspicando un intervento della Dirigenza sanitaria Regionale nella direzione di una pronta nomina del Commissario Straordinario per la casa di riposo sanseverese “Concetta Masselli”.

“La nomina del Commissario regionale ai sensi delle LL.RR n°15/2004 e 19/2006, porterebbe a sbloccare a oggi una situazione di stallo che da mesi regna nella casa di riposo, tra bilanci e conti consultivi da approvare, stipule da porre in essere e lavoratori da re-inquadrare. – commenta Barone – La struttura, nonostante i problemi economici che sta affrontando dovuti al ritardo della nomina in questione, è una struttura ben tenuta e che non merita di essere abbandonata a sè stessa avendo le potenzialità per essere ancora fiore all’occhiello e patrimonio nella società sanseverese, per la degenza ed il ricovero di circa 47 anziani ospiti. Senza considerare che da anni oramai questa IPAB non usufruisce di nessun contributo regionale, rispetto ad altre strutture operanti sul territorio, e ciò nonostante basterebbe l’arrivo del commissario nominato da Emiliano per poter consentire il prosieguo sereno dell’attività gestionale. Non si può più aspettare e questo lassismo è inaccettabile. Auspico – conclude Barone – che si prenda una scelta basata sul merito e su qualità morali e professionali comprovate, nel pieno rispetto delle disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità li incarichi, degai sensi dell’art 15, co.1.; D.Lgs n.39/2013”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi