Manfredonia
Disposti due “Provvedimenti di Divieto di Raccolta e di Immissione al Consumo umano diretto di MBV” su cozze nere e cozze pelose

Manfredonia, Asl Foggia: “Biotossine algali: non comprate cozze dagli abusivi”

"Nessun trattamento con alte o basse temperature è in grado di inattivare la tossina; quindi né cibo fresco, né cibo cotto, né cibo surgelato è sicuro se non è stato precedentemente controllato"

Di:

Manfredonia. Il Servizio Veterinario Igiene degli Alimenti della ASL Foggia, diretto dal dott. Zaccaria Di Taranto, dopo aver evidenziato, attraverso analisi chimico fisiche, la presenza di Biotossine algali nelle cozze nere ( Mitilus Galloprovincialis) ha disposto, per fronteggiare questa emergenza, due “Provvedimenti di Divieto di Raccolta e di Immissione al Consumo umano diretto di MBV” di cui il primo riferito agli allevamenti di cozze nere e l’altro ad una Zona di libera raccolta, cozze pelose, entrambe site nel tratto di mare antistante Manfredonia. Il fenomeno ha interessato recentemente il territorio della nostra Provincia. La presenza di DSP (Diarrhetic Shellfish Poisoning) risultava costante nel Nord Adriatico, mentre nelle nostre zone si sono verificate, qualche anno fa, solo delle sporadiche positività per presenza di biotossina algale. La particolare modalità di alimentazione dei Molluschi bivalvi, basata sulla filtrazione di notevoli quantità di acqua, determina un accumulo di tossine nel loro organismo. Nell’uomo i sintomi, che spesso sono confusi con infezioni di origine batterica o virale, compaiono in genere, da mezz’ora a 12 ore dal pranzo e si manifestano con diarrea, nausea, vomito e dolori addominali. Alcune di queste tossine sono precursori di lesioni tumorali.

Nessun trattamento con alte o basse temperature è in grado di inattivare la tossina; quindi né cibo fresco, né cibo cotto, né cibo surgelato è sicuro se non è stato precedentemente controllato.

Le tossine DSP non sono presenti nei pesci che, quindi, possono essere acquistati e consumati senza problemi. I molluschi devono essere raccolti solo dalle zone autorizzate, in quanto queste vengono costantemente monitorate dai Servizi Veterinari dell’ASL, per escludere la presenza di contaminanti chimici e microbiologici. I due Provvedimenti sono stati già notificati alle Autorità di Controllo, ai Legali Rappresentanti delle Cooperative di pescatori operanti nelle zone interessate e ai Responsabili degli Stabilimenti CE riconosciuti che commercializzano Molluschi Bivalvi Vivi a Manfredonia. Il Servizio Veterinario del Distretto di Manfredonia è stato incaricato di predisporre l’allerta per il ritiro dei prodotti già commercializzati e la loro successiva distruzione. Per questo motivo è opportuno fare acquisti solo nelle Pescherie autorizzate dove i molluschi bivalvi vivi devono essere venduti con tutte le indicazioni previste dalla Legge (Marchiatura di identificazione ed etichettatura) e conservati a temperature di refrigerazione.

“Si sconsiglia vivamente l’acquisto di Molluschi Bivalvi da venditori abusivi od occasionali per l’incertezza sulla provenienza e per le modalità di conservazione , fattori che ne pregiudicano la vitalità e quindi la sicurezza alimentare. Si sconsiglia altresì il consumo di cozze raccolte direttamente in mare da privati cittadini, in quanto anche queste non rientrano nei regolari canali di monitoraggio e dei controlli sanitari”, comunicano i referenti dell’ASL Foggia.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Matteo

    ci sono anche delle pescherie che le vendono in nero e non fanno mai gli scontrini. Ma la guardia costiera fa solo controlli sui lidi?


  • Seeeeeeee

    Infatti la guardia costiera dovrebbe punire per manifesta imbecillita’ chi compra nelle pescherie cozze nere vendute in nero!


  • Maria F.

    State attenti!!!
    La settimana scorsa le ho prese da una noto venditore a Monticchio (non abusivo),
    il giorno dopo averle mangiate, tutta la famiglia con la diarrea.


  • svolta

    E’ sempre la solita storia… cioè quando la Pubblica Amministrazione e più nello specifico gli organi di controllo che ne fanno parte non fanno il loro dovere, chi ne patisce è sempre la collettività….. che non va dimenticato paga gli stipendi degli stessi addetti…… e di chi li governa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!