Foggia
Nota stampa

Gentile, Xylella, al danno la beffa: intervenga CE

"Nelle settimane precedenti - continua la Gentile - insieme ai parlamentari Paolucci e De Castro abbiamo ripetutamente sollecitato il Commissario delegato"


Di:

Bruxelles – La Francia ha deciso di chiudere le sue frontiere alle produzioni vegetali provenienti dalla Puglia per impedire che specie infette possano introdursi sul suo territorio. Scelta unilaterale che viola il principio del libero scambio e che, paradossalmente potrebbe indurre altri stati membri ad assumere la stessa identica decisione sottovalutando anche il rischio di incorrere in una delle fattispecie d’infrazione comunitaria.

Sia dunque la Commissione Europea a valutare tempestivamente e con equilibrio le determinazioni da assumere alla luce anche della necessaria rivisitazione della legislazione comunitaria in materia fitosanitaria che ha limitato a due sole specie il divieto di importazione dai paesi terzi lasciando praticamente aperte le porte ad un numero decisamente superiore di specie vegetali altrettanto pericolose perché potenziali portatrici del batterio – dichiara l’on. Elena Gentile – parlamentare europeo.

Nelle settimane precedenti – continua la Gentile – insieme ai parlamentari Paolucci e De Castro abbiamo ripetutamente sollecitato il Commissario delegato ad affrontare in particolare due nodi rilevanti che riguardano la necessità di promuovere la ricerca anche a livello internazionale per l’individuazione di strumenti efficaci per la prevenzione e l’eradicazione del batterio e sulla necessità di intervenire sui costi elevatissimi che i produttori agricoli dovranno sostenere.

Redazione Stato

Gentile, Xylella, al danno la beffa: intervenga CE ultima modifica: 2015-04-04T20:05:37+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi