Regione-Territorio
"Mentre si sviluppa un dibattito sterile che divide l'opinione pubblica e fa diventare tutti esperti di xylella"

Xylella, Nardoni:nessuno ha ancora potato campi per evitare infestazioni


Di:

Roma – Nota assessore Fabrizio Nardoni (Risorse Agroalimentari): “Mentre si sviluppa un dibattito sterile che divide l’opinione pubblica e fa diventare tutti esperti di xylella, come avviene la domenica allo stadio quando siamo tutti allenatori. In questo difficile frangente non si fa l’unica cosa utile e completamente innocua che proprietari e conduttori dei terreni devono fare: arature e potature. Ma cosa c’entra il dibattito su eradicazione si eradicazione no, fitofarmaci si fitofarmaci no con l’aratura dei terreni!?

E decorso più o meno inutilmente un termine, quello del 5 aprile che appare come scadenza perentoria perché fissata dalla natura. Non è ancora chiaro a tutti che il piano del commissario è un piano sostitutivo degli interventi posti a carico di proprietari e conduttori da un decreto del governo. Come non è chiaro a tutti che le mancate arature consentiranno agli insetti vettori di diventare adulti e di infettare altre piante. Ma davvero esiste una persona di buon senso che può pensare che un soggetto pubblico, sia esso il commissario, la Regione o l’Esercito, possa fare le arature di circa centomila ettari di terreni agricoli in meno di un mese?

La colpa di questo dibattito sterile è quella di non avere consentito la costruzione di una azione collettiva, di un senso di responsabilità comune, di una comunità unità contro un batterio che viene agevolato da questo. Abbiamo dato un alibi a tutti coloro che anche prima della Xylella non curavano i terreni per continuare a non farlo e, magari sperare in un risarcimento. Mi batterò perché ci siano i risarcimenti da parte dell’Europa ma anche perché questi vadano a vivaisti e agricoltori responsabili, a coloro che hanno collaborato con le istituzioni e con il commissario per combattere la malattia. Ora tutti sono per legge in sanzione e ispettori fitosanitari, polizia provinciale e Corpo Forestale dello Stato dovranno controllare ed irrogare le sanzioni se non vogliono diventare essi stessi inadempienti. Un ulteriore danno agli agricoltori salentini che dovranno dire grazie ai mille santoni e pseudo ambientalisti, gli unici che veramente speculano sulla vicenda xylella”.

Redazione Stato

Xylella, Nardoni:nessuno ha ancora potato campi per evitare infestazioni ultima modifica: 2015-04-04T18:20:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Maria

    Il signor assessore, invece di salire in cattedra, dovrebbe domandarsi PERCHE’ la gente non sta potando! Perchè non ne ha voglia?! Non sarà invece perchè l’agricoltura in Puglia è in ginocchio, perchè i prezzi delle olive degli olivi secolari sono al minimo storico mentre il prezzo della potatura, grazie anche a una pressione fiscale impossibile aumenta sempe di più?! Vogliamo fare un conticino della serva?! L’anno scorso ho speso circa 10.000€ per gi stipendi dei potatori ( potatura di una parte degli olivi!!) , più almeno altri 6000€ di contributi. Le arature?! 50€ ad ha nella mia zona! E hli olivi secolari qui hanno il sesto 10×10! Quanto ho ricavato dalla vendita degli olivi al netto delle tasse e delle spese di raccolta ?! 5000€ ! Adesso, l’egregio assessore domandi di nuovo per quale motivo non si corre a potare!
    La comunità europea o il governo stanzino fondi per potare, azzerino i contributi per le assunzioni per tre anni, o magari, mettano un freno alle impostazioni sfrenate di olive da altre parti del mondo, e poi si può parlare di lavori che SI DEVONO fare, come se la colpa fosse degli agricoltore e non dei politicanti che ci hanno messi in ginocchio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi