ManfredoniaMonte S. Angelo
Sotto la direzione di Paolo Fresu

FestambienteSud 2016, un weekend con le stelle del jazz internazionale

Torna dal 21 al 31 luglio a Monte Sant’Angelo la dodicesima edizione del festival di Legambiente per il Sud Italia


Di:

Monte Sant’Angelo. Torna a Monte Sant’Angelo la dodicesima edizione del festival promosso da Legambiente. Ecco il programma del primo weekend che, con la direzione artistica di Paolo Fresu, dal 21 al 24 luglio vedrà protagonisti ospiti eccezionali del panorama del jazz europeo e mondiale: Bojan Z, Lars Danielsson, CaecileNorby, Paolo Angeli,AlboradaString Quartet, Omar Sosa e lo stesso Paolo Fresu.

Torna dal 21 al 31 luglio a Monte Sant’Angelo la dodicesima edizione del festival di Legambiente per il Sud Italia. Paolo Fresu cura per la seconda volta la direzione musicale del primo weekenddal 21 al 24 luglio 2016,che porta sulla scena artisti internazionali e italiani di grande calibro: dal serbo Bojan Z allo svedese Lars Danielsson, dalla danese CaecileNorby agli italiani AlboradaString Quartet e Paolo Angeli. Dopo il successo dello scorso anno tornaOmar Sosa, per la prima data del nuovo tour “Eros”, che lo vede impegnato in duo proprio con Paolo Fresu. Una rassegna di grande jazz prevalentemente continentale, quindi, nei luoghi più significativi della città Unesco di Monte Sant’Angelo. E, a fine giornata, il dopofestival nella Cantina del Mediterraneo, tra musica e vini. Il secondo weekend, dal 29 al 31 luglio, sarà in compagnia di Legambiente e Slow Food, ci s’incontrerà per affrontare, in un momento di festa, tra incontri, spettacoli, summerschools, esperienze gastronomiche e di laboratorio, i temi caldi dell’ambientalismo e del cambiamento (presto il programma anche della seconda tappa).

Programma 21-24 luglio a cura di Paolo Fresu.
GIOVEDÌ 21 LUGLIO
Ore 20, LA CANTINA DEL MEDITERRANEO, ingresso libero
Evento di apertura del festival, a seguire musica e degustazioni.

VENERDÌ 22 LUGLIO
Ore 18.30, ALBORADA STRING QUARTET, ingresso libero
Ore 21, BOJAN ZULFIKARPASIC solo, 12 euro

SABATO 23 LUGLIO
Ore 18.30, PAOLO ANGELI solo, ingresso libero
Ore 21, LARS DANIELLSON new quartet “LIBERETTO II”, 20 euro

DOMENICA 24 LUGLIO
Ore 18.30, LARS DANIELLSON & CECILE NORBY duo, 12 euro
Ore 21, OMAR SOSA & PAOLO FRESU “EROS”, 20 euro

Abbonamenti per i tre concerti serali delle 21:
• Ordinario 43 €
• Ridotto giovani 25 € (solo presso il botteghino 0884562299)
Vendite online su www.bookingshow.it.
Info e botteghino edicola “lo scarabocchio” 0884562299.
Per trovare alloggio si possono trovare indicazionisul sito ufficiale.
www.festambientesud.it – festambientesud@gmail.com  
Note artistiche

ALBORADA STRING QUARTET
Nato nel 1996, il Quartetto d’archi Alborada ha un repertorio che privilegia la musica barocca e la musica del Novecento con particolare attenzione agli autori minimalisti e uno spazio per le composizioni originali per l’ensemble. Fin dall’inizio l’attività del quartetto si è sviluppata in due direzioni distinte ma tra loro correlate: da un lato l’attività quartettistica alimentata dalla ricerca e dallo studio in funzione di un continuo arricchimento del repertorio, dall’altro le collaborazioni a progetti attivi nel panorama della musica jazz contemporanea. Tra questi il trio jazz di Teo Ciavarella, i solisti Eugenio Colombo e Michel Godard, Enzo Favata, David Linx, DiederikWissels e Paolo Fresu. Attualmente il quartetto collabora con Paolo Fresu, Stefano Battaglia, Dhafer Youssef.

BOJAN ZULFIKARPASIC solo
Ha iniziato la sua carriera sulla scena jazz di Belgrado, dove ha ricevuto un premio Yogoslavia, nel 1989, come il miglior giovane musicista jazz. Nel 1986 ha studiato con Clare Fischer a theBlue Lake Fine Arts Camp in Michigan. Influenzato dalla musica tradizionale balcanica, suona in un’orchestra militare durante il servizio militare nella ex Jugoslavia, esperienza che ha influenzato tutta la sua attività musicale successiva. Si trasferisce a Parigi nel 1988, dove entra a contatto con NoëlAkchoté, Julien Lourau, Magia Malik, Marc Buronfosse, Henri Texier e altri rinomati musicisti francesi.
Nel 1993, ha registrato l’album di debutto con il suo Bojan Z Quartet con Label Bleu, seguita da Yopla. Nel 1999, è stato impegnato in un progetto multi-etnico Koreni (Roots), con musicisti come Karim Ziad dall’Algeria, KudsiErguner dalla Turchia, e Vlatko Stefanovski dalla Macedonia. Il suo album solista di pianoforte Solobsession (2001) gli ha portato più ampio riconoscimento a livello mondiale. Su Transpacifik (2003) ha iniziato a collaborare con musicisti di jazz americani Scott Colley e Nasheet Waits, collaborazione ancora presente in Xenophonia (2006) con Ben Perowsky e Ari Hoenig, così come il francese Remi Vignolo. Uusa spesso la combinazione di pianoforte acustico con il piano elettrico Fender Rhodes, spesso giocando simultaneamente, e di recente è affermato di essere l’inventore del “Xenophone”, uno strumento ibrido, basato sul piano elettrico Fender Rhodes personalizzato. Nel 2002 a BojanZulfikarpasic è stato concesso il titolo di Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere dal governo francese, ha ricevuto il premio DjangoReinhardt come musicista dell’anno dall’accademia del Jazz francese e nel 2005 il Premio Jazz come miglior musicista di jazz europeo.

PAOLO ANGELI solo
Nato nel 1970, inizia a suonare la chitarra a 9 anni. Cresce a Palau in un ambiente musicale estremamente stimolante.
Diplomato Nautico, nel 1989 si trasferisce a Bologna. È durante l’occupazione universitaria del 1990 che nasce il Laboratorio di Musica & Immagine: variopinto ensemble di 14 musicisti che – scardinando le barriere tra i generi musicali e praticando composizione e improvvisazione collettiva – si pone all’attenzione dei principali festival europei di musica innovativa. Nello stesso periodo è tra i fondatori della Scuola popolare di musica Ivan Illich e dell’etichetta indipendente Erosha. Folgorato dall’incontro con Giovanni Scanu – chitarrista di Luras scomparso all’età di 95 anni – apprende le forme e i moduli del canto a chitarra gallurese e logudorese.
Dall’incontro-scontro tra avanguardia extra-colta e tradizione popolare nasce la chitarra sarda preparata: strumento orchestra a 18 corde – ibrido tra chitarra baritono, violoncello e batteria – dotato di martelletti, pedaliere, eliche a passo variabile. Con questa singolare propaggine – costruita nel CROM di Francesco Concas – Paolo rielabora, improvvisa e compone una musica inclassificabile, sospesa tra free jazz, folk noise, pop minimale.
Ha suonato con Fred Frith, Jon Rose, OtomoYoshide, Antonello Salis, Hamid Drake, Evan Parker, PatMetheny, NedRothemberg, Elliot Sharp, NunoRebelo, Lukas Simonis, Andy Ex, VerianWeston, Robert Dick, Lukas Ligeti, Phillip Greenlief, ShokoHikage, Alex MacSween, Gino Robair, Tim Perkins, Frank Schulte, Carlo Actis Dato, Gianni Gebbia, Alberto Masala, Gavino Murgia, Audrey Chen, Mike Evans, Neil Feather, KattErnandez, Dan Breen, Janet Fader, Camel Zekri; con la conduzione di Fred Frith, Elliot Sharp, ButchMorris, Giancarlo Schiaffini.

LARS DANIELLSON new quartet “LIBERETTO II”. Contrabbassista svedese, violoncellista, compositore ed arrangiatore. Lars Danielsson nato nel 1958, è un musicista con interessi particolarmente ampi. Al conservatorio di Gothenburg ha studiato violoncello classico, per poi passare al basso ed al jazz. Come contrabbassista lui ha un suono unico, arrotondato, molto potente.
Il “Lars Danielsson Quartet”, con Miles Davis, David Liebman, Bobo Stenson e Jon Christensen ha ricevuto molti riconoscimenti e premi durante i 18 anni della sua esistenza. Il Quartetto è stato un banco di prova per il lavoro di Danielsson come compositore e arrangiatore, che ha esteso nel corso degli ultimi anni per includere entrambi: orchestra sinfonica e la musica da big band.
Lars Danielsson ha lavorato con: Randy e Michael Brecker, John Scofield, Jack DeJohnette, Mike Stern, Billy Hart, Charles Lloyd, TerriLyne Carrington e Dave Kikoski. È stato anche membro del “TrilokGurtu Group”.

Come produttore, Lars Danielsson ha lavorato conCæcilieNorby, Jonas Johansen, il Concerto dell’Orchestra Radio danese e ViktoriaTolstoy.Nel 2007, ha ricevuto una commissione per un pezzo con la Gothenburg Symphony Orchestra con se stesso come solista insieme a LeszekMozdzer. Ha anche ricevuto una commissione dal NDR Big Band e Wolfgang Haffner per la scrittura di un pezzo per il JazzBaltica Festival 2007. Inoltre, ha lavorato con la St. Petersburg Symphony Orchestra in collaborazione con VytasSondeckis e BuggeWesseltoft.Il suo album del 2008 “Pasodoble” è stato un grande successo, seguito da un’altra collaborazione con LeszekMozdzer l’album “Tarantella” nel 2009. Uscito nel 2012, “Liberetto”, scopre nuovi spazi musicali e la libertà della musica tra il jazz da camera, classica e musica popolare europea.

“Squadra vincente non si cambia”. Questo vecchio detto sportivo potrebbe essere applicato anche alla musica: quando delle anime gemelle e dei musicisti perfettamente assortiti s’incontrano è bene che restino uniti. L’album “Liberetto II”, dello straordinario contrabbassista e violoncellista svedese Lars Danielsson ne è la prova lampante. Tre anni fa ha fondato un quartetto con Magnus Ostrom, ex batterista dell’E.S.T., il chitarrista inglese John Parricelli e il pianista armeno Tigran, spesso sostituito dal vivo da altri ottimi pianisti come Jonas Östholm e Gregory Privat. Questo ensemble è stato capace di interpretare le sue composizioni e realizzare le sue idee musicali con una precisione che probabilmente nessuno aveva mai raggiunto in passato.
La rivista STERN aveva definito il debutto Liberetto del 2012 “un’energia poderosa” che si scatena da un fulcro di serenità. Con “Liberetto II”, Danielsson e il suo quartetto portano quest’energia ancora oltre, esplorando nuove dimensioni musicali ai confini tra musica da camera, jazz, musica classica e musica popolare europea. La melodia è sempre al centro dell’attenzione e il modo in cui la sviluppano e la manipolano si trova in parti uguali nella tradizione formale della musica classica europea e nella libertà estemporanea del jazz, come suggerisce il neologismo utilizzato come titolo. Il trait d’union non è solo un’astrazione intellettiva, come spesso accade in molti esperimenti di crossover: “la comprensione della musica e esclusivamente una questione di onestà. Se pensi troppo quando stai suonando, la narrazione, l’autenticità e l’essenza della musica possono andare persi. Questo è il motivo per cui viene così naturale suonare e ascoltare il jazz, perché tutto ciò di cui hai bisogno è aprire il tuo cuore, assorbire la musica e godersela. In senso stretto questo è vero per ogni tipo di musica, perché la musica viene sempre dal cuore, non dalla testa”. Questo è il credo di Danielsson.

LARS DANIELLSON & CECILE NORBY duo
La coppia da sogno del Jazz. Il suono del contrabbasso fa partire la musica- tenero, surreale e riecheggiante. Solo un musicista come Lars Danielsson è capace di introdurre una melodia in maniera così magica. Poi CaecilieNorby si unisce e canta “BothSidesNow” ballata eterna di Joni Mitchell, nel suo modo così irresistibilmente sensuale, forte di blues e totalmente incantevole. Già dalle primissime note Norby e Danielsson trasportano l’ascoltatore in un viaggio nel loro universo musicale privato, incapace di lasciare indifferenti.
Per tanti anni Norby e Danielsson sono stati una coppia di coniugi che musicalmente ha percorso strade separate: Norby è stata un’eccezionale cantante funk e jazz in Danimarca, finché non ha deciso di partire per l’America, molto prima che altre cantanti scandinave seguissero il suo esempio. È così diventata la prima artista donna europea ad essere messa sotto contratto dall’etichetta Blue Note, un traguardo che l’ha portata a lavorare con star internazionali come Mike Stern e Chick Corea.
Anche Lars Danielsson, svedese, ha avuto una notevole carriera internazionale lavorando al fianco di artisti del calibro di Charles Lloyd e BreckerBrothers; ma ha soprattutto lavorato per crescere come artista (e come produttore), divenendo un membro di lunga data della famiglia ACT, ed è oggi considerato uno dei più rilevanti musicisti jazz europei. Proprio di recente Danielsson ha ricevuto il prestigioso ECHO Jazz 2015 come miglior contrabbassista dell’anno in Germania.
Anche Norby ha trovato casa presso la ACT a partire dal 2011. Suo marito è stato coinvolto da vicino nella produzione di entrambi i suoi album pubblicati con l’etichetta. In cambio, lei ha apportato il suo know-how musicale nelle produzioni di Danielsson, come ad esempio nel recente album “Liberetto II”, uscito nel 2014.
Adesso i due artisti hanno intrapreso una nuova avventura insieme, mettendo insieme questo duetto intimo, “Just The Two Of Us.” Danielsson spiega: “È stata una grande sfida. Per un bassista, la voce è lo strumento più esigente con il quale si possa lavorare in duo. Bisogna procedere con estrema delicatezza quando arriva l’intonazione e il ritmo. Può funzionare solo fra due persone che si conoscono molto bene e che hanno un sesto senso per la direzione che la musica sta per prendere. Caecilie sa come rispondere all’istante al mio suono, non avrei potuto fare una cosa simile con nessun altro.”

OMAR SOSA & PAOLO FRESU “EROS”
EROS. Esistono formazioni in grado di cambiare, oggi, il modo di sentire la musica. Quando parliamo del duo composto da Paolo Fresu e Omar Sosa, per sentire non intendiamo soltanto il mero ascolto, ma una questione di cuore, anima, empatia. È ormai una delle formazioni più conosciute e amate, sia in Italia che all’estero, capace di creare ponti sonori e concettuali tra due mari e due continenti e di affinare, concerto dopo concerto, la propria proposta musicale. Proprio per dare un ulteriore segno di tale maturità artistica, a quasi quattro anni di distanza dal grande successo di “Alma”, il duo ha inciso “Eros” (Tǔk Music, distribuzione Ducale), concept-album dedicato al tema e alle sue declinazioni essenziali. I due protagonisti dell’avventura hanno scelto di comporre brani originali motivati dal “sacro” totem emozionale che spinge la bellezza verso il divino. Dall’Anima all’Eros con un passo che scava ancora più in profondità, con energia, poesia e la spiritualità che sempre accompagna il lavoro del duo. Fresu e Sosa danzano; danzano in modo sicuramente latino attorno al vincente mix di jazz, musica cubana, Africa e world music che sono riusciti a creare. E se Fresu è ormai quell’importante icona della musica contemporanea che tutti riconoscono è sorprendente un Sosa sempre più stimolante e con orizzonti spalancati.

PAOLO FRESU. Inizia lo studio dello strumento all’età di 11 anni nella Banda Musicale del proprio paese natale e dopo varie esperienze di musica leggera scopre il jazz nel 1980 ed inizia l’attività professionale nel 1982 registrando per la RAI sotto la guida del M° Bruno Tommaso e frequentando i Seminari di Siena jazz. Nel 1984 si diploma in tromba presso il Conservatorio di Cagliari e nello stesso anno vince i premi “RadioUno jazz”, “Musica jazz” e “RadioCorriere TV” come miglior talento del jazz italiano. Nel 1990 vince il premio “Top jazz” indetto dalla rivista Musica jazz come miglior musicista italiano, miglior gruppo (Paolo Fresu Quintet) e miglior disco (premio “Arrigo Polillo” per il disco ‘Live in Montpellier’), nel 1996 il premio come miglior musicista europeo attraverso una sua opera della Académie du jazz di Parigi ed il prestigioso “Django d’Or” come miglior musicista di jazz europeo e nell’anno 2000 la nomination come miglior musicista internazionale. Solo i primi, in una lunga serie di riconoscimenti che proseguono nel presente musicale tra i quali spiccano le cittadinanze onorarie di Nuoro, Junas (Francia) e Sogliano Cavour e la Laurea Honoris Causa dell’Università La Bicocca di Milano. Docente e responsabile di diverse importanti realtà didattiche nazionali e internazionali, ha suonato in ogni continente e con i nomi più importanti della musica afroamericana degli ultimi 30 anni. Ha registrato oltre trecentocinquanta dischi di cui quasi un centinaio a proprio nome o in leadership ed altri con collaborazioni internazionali, spesso lavorando con progetti ‘misti’ come Jazz-Musica etnica, World Music, Musica contemporanea, Musica Leggera, Musica antica, etc. e collaborando con immensi nomi della musica contemporanea. Molte sue produzioni discografiche hanno ottenuto prestigiosi premi sia in Italia che all’estero. Nel 2010 ha aperto la sua etichetta discografica Tŭk Music. Dirige il Festival “Time in jazz” di Berchidda. Ha coordinato, inoltre, numerosi progetti multimediali collaborando con attori, danzatori, pittori, scultori, poeti, ecc. e scrivendo musiche per film, documentari, video o per il Balletto o il Teatro. Oggi è attivo con una miriade di progetti che lo vedono impegnato per oltre duecento concerti all’anno, pressoché in ogni parte del globo. Vive tra Parigi, Bologna e la Sardegna.

OMAR SOSA. Il mix vincente di jazz, musica cubana e world music con forti radici africane fa di Omar Sosa un nuovo straordinario ambasciatore del pianismo contemporaneo e figura tra le più innovative e stimolanti del jazz d’inizio secolo. Partendo da una preparazione classica l’artista ha allargato i suoi orizzonti musicali prendendo spunto, oltre che dalla musica della sua Cuba, dalle musiche etniche africane e dalle molte sintesi nate nel Centro e Sud America. Molti stilemi tipici del jazz, soprattutto lo spirito di ricerca, rappresentano comunque una componente centrale del suo stile. In Promise, la cui prima è stata presentata a Sacile (PN) a fine 2008, Sosa ospita Paolo Fresu, lirico più che mai e perfettamente in sintonia con lo sfaccettato universo musicale del pianista cubano. Non era difficile prevedere che una sensibilità a suo modo “etnica” come quella del trombettista sardo trovasse un terreno d’incontro con Sosa, senza il minimo sacrificio d’identità da parte di alcuno. 

FESTAMBIENTESUD IN BREVE

FestambienteSud è la festa nazionale di Legambiente per il Sud Italia, in programma a Luglio di ogni anno nel centro storico della città Unesco di Monte Sant’Angelo (nel Gargano, in Puglia).
Legambiente ha voluto un festival ecologico meridionale al fine di esprimere, con i linguaggi dell’arte e non solo, il punto di vista ambientalista riguardante il Sud Italia e il Mediterraneo.
Oltre 300.000 visitatori nelle prime undici edizioni, FestambienteSud coinvolge numerosi partner istituzionali e centinaia di volontari, anche internazionali.
FestambienteSud ha avuto, tra gli altri, i seguenti ospiti musicali: Roberto Vecchioni, Carmen Consoli, Vinicio Capossela, Paola Turci, Caparezza, Elio, Tom Harrell, Esperanza Spalding, Area – International POPular Group, IntiIllimani, Ivo Papasov, Bandabardò, Banda Osiris, Paolo Fresu, Omar Sosa, DaveLiebman, Steve Swallow, Rita Marcotulli, Il Teatro degli Orrori, Afrethours, Roy Paci &Aretuska, Mauro Pagani, Africa Unite, Andrea Rivera, Peppe Voltarelli, Otello Profazio, Nuova Compagnia di Canto Popolare, Antony B, Tonino Zurlo, Gualtiero Bertelli, Funk Off, Bisca, 24Grana, Radiodervish, Mama Marjas, MoniOvadia, Alfio Antico, MEG, Apres la Classe, Gianluca Petrella, Ares Tavolazzi, Paolo Tofani, Patrizio Fariselli, Orchestra di Piazza Vittorio, Giorgio Conte, Peppe Servillo, Javier Girotto, Natalio Mangalavite, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, Skiantos, Radici nel cemento, David Rodigan, Saba Anglana, X-Darawish, Giovanni Lindo Ferretti, Giovanna Marini, Erica Mou. Da FestambienteSud sono nate una serie di iniziative, in campo teatrale, letterario, musicale, agro-gastronomico e cinematografico. Ognuna di queste vive di vita propria, ma tutte si affacciano sulla grande vetrina che è la festa di fine Luglio.

Coordinamento FestambienteSud 2016

FestambienteSud 2016, un weekend con le stelle del jazz internazionale ultima modifica: 2016-04-04T11:00:08+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • peppino d.

    noooooooooooo la solita solfaaaaaaaaaaaaaa!!!!! ma non avevavno detto che non dovevano più farla questa festa radicalsciic!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ma perché non usate tutti i soldi per fare queste feste inutile per le mamme singol ?

  • A me queste iniziative piacciono molto e attirano a Monte tanta gente. Mi sembra un programma di altissimo livello che fanno di Monte la capitale del jazz e già ne parla pure la televisione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This