Regione-Territorio
Con un esposto presentato oggi alla Procura della Repubblica di Potenza il Codacons ha chiesto ai magistrati di estendere le indagini

Inchiesta petrolio, Codacons presenta esposto contro Boschi

Il Codacons ha dunque chiesto alla Procura di Potenza di valutare l’estensione delle indagini nei confronti del ministro per le Riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento

Di:

Roma. Con un esposto presentato oggi alla Procura della Repubblica di Potenza il Codacons ha chiesto ai magistrati di estendere le indagini e verificare le responsabilità del Ministro per i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, relativamente alla vicenda di Tempa Rossa che ha portato alle dimissioni di Federica Guidi. Dopo le allarmanti notizie emerse in questi giorni sui quotidiani, e i retroscena portati alla luce da “Il Fatto quotidiano”, secondo cui vi sarebbero state pressioni dirette da parte delle compagnie petrolifere sul Ministero, sulla stessa Boschi e sui suoi collaboratori più stretti, finalizzate a far approvare il famoso emendamento nella forma più gradita ai petrolieri, è necessario che la magistratura chiarisca il ruolo svolto dal Ministero per i rapporti con il Parlamento – spiega l’associazione.

Si legge nell’esposto del Codacons: “Da quanto riportato prepotentemente agli onori della cronaca da tutti i media, stampa e siti web, sembrerebbero aprirsi nuovi scenari e nuovi possibili coinvolgimenti in relazione all’approvazione dell’ emendamento alla legge di stabilità 2015, che avrebbe “sbloccato” anche il progetto “Tempa rossa”. In particolare si fa riferimento al più che plausibile coinvolgimento e al possibile ruolo svolto dal Ministro per i rapporti con il parlamento, Maria Elena Boschi, il cui nominativo viene richiamato nelle intercettazioni telefoniche dirette tra l’ex ministro allo sviluppo economico guidi con il compagno Gemelli . A questo punto, ulteriori dubbi vengono sollevati dalle inchieste de “Il Fatto Quotidiano” che titola: “BOSCHI&GUIDI, L’EMENDAMENTO L’HANNO DETTATO LE TRE SORELLE”. […] Ancor più anomale le dichiarazioni che il ministro avrebbe rilasciato: “Il ministro per i rapporti con il Parlamento, cioè io, da regolamento deve autorizzare tutti gli emendamenti del governo. Tampa Rossa è un progetto strategico per il Paese che prevede molti occupati nel Mezzogiorno e lo rifirmerei domattina”. Nella realtà dei fatti il Ministro per i rapporti con il Parlamento non deve per regolamento autorizzare tutti gli emendamenti bensì “autorizzare la presentazione da parte dei Ministri nel corso dei procedimenti di esame parlamentare di emendamenti del Governo“.

Il Codacons ha dunque chiesto alla Procura di Potenza di valutare l’estensione delle indagini nei confronti del ministro per le Riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento, accertando eventuali responsabilità e il possibile configurarsi di fattispecie penalmente rilevanti come il reato di concorso in corruzione a danno e vantaggio di taluni imprenditori interessati e non, a vario titolo, al progetto per lo sfruttamento del giacimento petrolifero denominato Tempa rossa.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This