CulturaManfredonia
Il percorso pedonale archeologico da Siponto potrebbe essere indicato e consigliato a coloro che giungono per fare una passeggiata

Le basiliche. Il nartece che cos’è?

Passare una giornata in un museo all’aperto è per una famiglia occasione di allegria, divertimento, scambio culturale

Di:

Manfredonia. Ci sono stati disservizi segnalati da numerosi cittadini attraverso mail, commenti, articoli. Grave quello relativo all’assenza di attenzione ai disabili. I quali devono avere non solo le pari opportunità di tutti, ma anche la priorità di godere, come in questo caso, di uno spettacolo di armonia e di bellezza. Alcuni disservizi possono essere giustificabili, altri meno. Un afflusso così notevole per la Pasqua e per i prossimi fine settimana era ed è prevedibile, e ci sono le soluzioni per dare risposte decorose. Il percorso pedonale archeologico da Siponto potrebbe essere indicato e consigliato a coloro che giungono per fare una passeggiata. Vi sono due passaggi sotto la ferrovia in buone condizioni, che possono interessare molto i bambini e possono essere riattivati. Passare una giornata in un museo all’aperto è per una famiglia occasione di allegria, divertimento, scambio culturale.

“In Italia – scrive Luciano De Crescenzo – siamo i maestri della noia applicata alla cultura; per capirla basta visitare uno dei nostri musei: sculture e quadri privi di qualsiasi nota esplicativa… Quale differenza con quelli americani! Prendiamo ad esempio il Museo di Storia naturale di New York: ci si divertono tutti, i grandi e i piccini, gli studiosi e gli analfabeti…. il visitatore ci passa la giornata e quando alla fine esce fuori ha pure imparato qualcosa.” Le schede disposte lungo il percorso della installazione sipontina per spiegare quanto è stato realizzato sono difficili. Il testo in inglese è molto più breve (occupa uno spazio che è la metà di quello in italiano), e forse sarebbe interessante riportare la traduzione dall’inglese! La comunicazione è fondamentale. Si tratta di far sentire che questo patrimonio è di tutti e non è qualcosa per intellettuali. Oggi le nuove tecnologie mettono a disposizione ricostruzioni grafiche, elaborazioni virtuali, e quindi possono fornire conoscenze e attirare maggiormente l’attenzione. Nella cripta o nelle vicinanze sarà montato un sistema di informazione multimediale, uno strumento efficace per aggiungere conoscenze e interesse.

Le opere possono parlare. Nel 2011 a New york è stata allestita una mostra chiamata “Talk to me”, parlami. Grazie alla tecnologia l’ambiente in cui viviamo è in grado di parlarci. Il sogno di Michelangelo, quando scagliò il martello contro il suo Mosè, “perché non parli?” Oggi si avvera. I quadri di van Gogh si animano e ci parlano. Le opere di Caravaggio con le essenze e i profumi delle nature morte dipinte permettono di fare esperienze multisensoriali. A Barletta accanto al busto di Federico II vi è la ricostruzione dell’ambiente federiciano con le immagini del libro “De arte venandi cum avibus” (sull’arte di cacciare con gli uccelli), che si muovono sulle pareti della stanza, con i suoni di cavalieri, cavalli, delle acque e i canti delle damigelle e la musica dell’epoca. E attirano i visitatori colti e “incolti”, ma soprattutto coinvolgono i bambini. Ci vuole immaginazione nello studioso che voglia raccontare, deve sapere collegare i fatti, rendere completo ciò che non lo è, e soprattutto rendere semplice ciò che è complesso. Il museo è il luogo dove spiegare la storia e non una raccolta di oggetti. Il museo, il parco archeologico, il parco letterario devono suscitare domande, riflessioni, stimolare meraviglia, curiosità.

La prima volta che ho sentito parlare delle Stele Daunie fu in un incontro organizzato dal preside Serricchio presso l’Istituto Roncalli. Le Stele furono presentate come una sorta di Anti Iliade. Questo confronto, unito alle immagini di alcune stele tra cui, straordinariamente suggestiva, quella di un vecchio che chiede il riscatto di un guerriero ucciso (Priamo che chiede ad Achille il corpo di Ettore?) ha aperto in me adolescente un mondo intero. La guerra di Troia raccontata dalla parte dei vinti!

(A cura del prof. Paolo Cascavilla – fonte: www.futuriparalleli.it)

Le basiliche. Il nartece che cos’è? ultima modifica: 2016-04-04T19:28:56+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • antonella

    Sarebbe bello che il sito sia dotato di guide turistiche, che spieghino tutto e parlino della storia del popolo sipontino, sarebbe bello vedere dei figuranti che in quel sito, vestiti da pretoriani, simulino la storica spedizione punitiva contro i sipontini rei di essersi ribellati alla riscossione delle tasse da parte dei romani, sarebbe bello vedere un chiosco
    per la vendita di gadget opportunamente
    creati,
    Ma prima serve un marciappiedi che permetta di percorrere il tratto da siponto alla basilica e oltre, servono più parcheggi.


  • La chiesa è lontana dal popolo

    è inammissibile che cani siano li a pascolare mentre i padroni guardano la basilica e la nuova opera d’arte


  • svolta

    La stessa cosa per San Leonardo, dove un viadotto sotto la strada sarebbe la cosa migliore in quanto i parcheggi si potrebbero realizzare sull’altro versante e da qui raggiungere a piedi, con le dovute precauzioni per i pedoni, la basilica.


  • quante chiacchiere

    Magari anche un chioschetto per la vendita di bottigliette?sarebbe utile.vedete S.G.Rotondo


  • Fabio

    è inammissibile che si entri gratuitamente ! sarebbe come dire che l’opera non valga nulla, chissà come si reperiranno fondi necessari per la continua manutenzione…


  • Gianpaolo

    Ecco adesso i cani che c’entrano.
    Fanno più schifo le persone che hanno buttato le carte a terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi