Manfredonia
"Un momento all’insegna dell'informazione, dell'approfondimento, della discussione, del dibattito e delle proposte sul nostro territorio"

Manfredonia, “C’è chi dice SÌ”, incontro per il referendum anti-trivelle

A moderare il dibattito sarà la giornalista Luisa Buonpane

Di:

Manfredonia. “Un momento all’insegna dell’informazione, dell’approfondimento, della discussione, del dibattito e delle proposte sul nostro territorio, sull’ambiente e soprattutto sul referendum popolare anti-trivelle”. È questo l’obiettivo dell’incontro pubblico “C’è chi dice SÌ”, organizzato dalla Conferenza delle Donne Democratiche e dai Giovani Democratici del Circolo PD “G. La Pira” di Manfredonia con il neo-nato Comitato Cittadino per il SÌ al referendum del 17 aprile 2016. L’appuntamento, fissato per il prossimo 7 aprile c.m. e aperto a tutta la cittadinanza, costituirà l’occasione per illustrare i motivi del SÌ al prossimo referendum. Si parlerà delle ricchezze del mare Adriatico, dei rischi che si corrono con le trivellazioni e delle energie alternative che si rischia di non sfruttare adeguatamente. Dopo i saluti del Sindaco Angelo Riccardi, del segretario cittadino Pd Giuseppe Trotta, della Coordinatrice Donne Democratiche Michelina Quitadamo e del Segretario dei Giovani Dem. Marcello Castigliego, interverranno Gianfranco Eugenio Pazienza membro del Comitato Regionale Legambiente Puglia, Raffaele Vigilante membro del Comitato Regionale No-Triv e Alfredo De Luca quale Coordinatore del Comitato locale NO-Triv. A moderare il dibattito sarà la giornalista Luisa Buonpane.

L’incontro, che si terrà nell’Auditorium “C. Serricchio” presso Corso Manfredi 22, prenderà il via alle ore 18.00.

IL TERRITORIO È IL NOSTRO PATRIMONIO PIU’ PREZIOSO, CUSTODIAMOLO!



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Zuzzurellone Sipontino

    L’onorevole Bordo è per andare a votare e per votare SI?


  • antonella

    Mi sembra di avere inteso che questo referendum è scaturito da un braccio di ferro tra governo centrale e periferie incentrato più sulla questione politica che sulla vera e propria questione ambientale di salvagiardia del territorio, le parole dell’ onorevole bordo non a caso chiedono meno politicizzazione del referendum in questione, ormai pare
    ovvio che su questo referendum si sta
    giocando la partita politica più
    importante per l’ attuale politica, mettere
    in minoranza il governo renzi, mi viene da
    chiedere se oggi è gia il peggio oppure losarà domani, dopo renzi?


  • Paolo

    appunto quindi no alla megacentralona di Gpl nel nostro territorio!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This