ManfredoniaStato news
Utilizzati dei cani molecolari con relativi controlli approfonditi nell'area dove il 46enne è stato visto l'ultima volta

Manfredonia, omicidio Di Tullo cani molecolari per i controlli. Mistero su movente

Indagini in corso per stabilire gli ultimi movimenti dell'uomo prima della scomparsa

Di:

Manfredonia. CONTINUANO le indagini dei Carabinieri del Comando Compagnia di San Giovanni Rotondo, con coordinamento del Comando Provinciale di Foggia e ausilio del Comando Compagnia di Manfredonia, in seguito alla scomparsa e al successivo ritrovamento del corpo senza vita di Nicola Di Tullo, 46enne artigiano, del quale non si sono avute più notizie dal pomeriggio di sabato 2 aprile. Come noto, il ritrovamento è avvenuto ieri sera, in località Miscillo, in agro di San Giovanni Rotondo, in un’intercapedine di un muro di un casolare abbandonato. Sarebbero stati dei ragazzi di passaggio nell’area ad effettuare la segnalazione al 112.

Indagini in corso per stabilire gli ultimi movimenti dell’uomo prima della scomparsa. Di Tullo sarebbe stato visto l’ultima volta nelle prime ore di sabato pomeriggio mentre scendeva verso l’ingresso della strada – in Contrada Garzia – che a nord conduce verso una nota azienda latteo – casearia. In particolare si fa riferimento all’area situata nei pressi della sede del Commissariato, termine di Viale Di Vittorio, con strada che da Siponto conduce verso la SP141 e la SS89 per Foggia. Da raccolta dati, Di Tullo viveva con i genitori nei pressi della zona della scomparsa. Prima di allontanarsi dall’abitazione, l’uomo avrebbe riferito di avere un appuntamento – che non ci sarebbe stato – con un amico. Precedentemente all’incontro, il 46enne avrebbe effettuato una telefonata – allo stesso amico – per chiedere un intervento dell’ambulanza e delle forze dell’ordine. Da qui le possibilità che l’uomo sia stato aggredito, e ferito, nei pressi della stessa area dove è stato visto per l’ultima volta. Mistero su quanto avvenuto in seguito alla chiamata con richiesta di soccorso.

Come comunicato a Stato Quotidiano dal legale della famiglia Di Tullo, Avv. Gianfranco Di Sabato, il prefetto di Foggia dr.ssa Tirone – in seguito alla presentazione della denuncia per la scomparsa – aveva indetto da domenica un Piano provinciale di ricerche, portate avanti dagli agenti del Commissariato di Manfredonia, dai Carabinieri della Compagnia locale e dai Vigili del fuoco. Stamani, gli inquirenti – agenti del Commissariato, dove è stata presentata la denuncia per la scomparsa, e Carabinieri – hanno continuato ad ascoltare parenti e amici dell’uomo. Sono stati utilizzati inoltre dei cani molecolari per i relativi controlli nell’area dove il 46enne è stato visto l’ultima volta. Non è stato ritrovato nè il cellulare dell’uomo, nè sono state rilevate delle tracce di sangue. Stamani si è svolta l’ispezione cadaverica, in attesa dell’autopsia. Pm dell’indagine è il dr. Marangelli. L’uomo sarebbe stato colpito con un colpo contundente alla testa e con una fucilata al petto.

Relativamente al movente dell’omicidio, gli investigatori “valutano in particolari quelli legati a questioni familiari o a un debito di denaro”. Lo riporta l’Ansa.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Kikko

    Pezzi di **** usate le mani vi avrebbe distrutto buoni solo ad usare le armi vado via nella speranza che il mio paese cambi e alla fine vedi ste schifezze esistono ed esisteranno sempre questi deficenti che uccidono gente così tanto per diventare qualcuno imparate a vivere riposa in pace caro amico mio mi mancherai anche quando fai le tue battute sceme anche quando mi hai fatto arrabbiare pace all anima tua e grazie di tutto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This