Lavoro

Le sciarpe rosse – Foggia, piazza Caduti del Lavoro


Di:

Piazza Caduti sul lavoro, Foggia. Una piazza poco conosciuta ed in stato di abbandono anche se si trova alle spalle di piazza Giordano, precisamente all’incrocio tra via della Repubblica e via Trieste. In questa piccola piazza si può posteggiare nell’area una volta occupata da un distributore di benzina di cui, ora, restano i ruderi da bonificare.

In questa piazza non c’è nessun monumento, come ci si aspetterebbe, ma lo stato di abbandono della piazza dimostra quanto la città sia sensibile al problema degli infortuni, e delle morti, sul lavoro.

Morti di serie B i morti sul lavoro. Morti che, se fanno notizia, é perché qualche cosa di enormemente atroce è successo, come nel caso degli operai della Tyssenkrupp, normalmente hanno solo un trafiletto sui giornali o la citazione veloce nei notiziari radio Tv. Non sono degli eroi i morti sul lavoro,sono dei normali lavoratori che muoiono per delle fatalità, per la mancanza di strumenti di prevenzione e/o di addestramento. Persone normali che escono la mattina per “andare a faticare” e guadagnare onestamente i soldi che servono per vivere. Alcuni di questi lavoratori non hanno neanche saputo di essere stati assunti. Non hanno mai saputo che avevano diritto alle ferie pagate, alla tredicesima mensilità ed agli assegni famigliari, non lo hanno mai saputo perché la loro assunzione è avvenuta dopo la loro morte.

La ricerca del massimo profitto tramite rapporti di lavoro senza le garanzie sindacali, il lavoro a nero, questa è spesso la causa delle morti sul lavoro o degli infortuni, e la diminuzione del loro numero registrata negli ultimi anni è dettata dalla diminuzione degli occupati e delle ore lavorate, non da una migliore prevenzione. Almeno questo è quello che ci dicono le ricerche fatte sull’argomento. A volte tra i morti si registrano anche titolari di micro imprese, spesso ex operai che per continuare a lavorare hanno dovuto aprire una partita IVA e trovare altra manodopera a basso costo per proporsi sul mercato a prezzi stracciati, risparmiando sulla propria sicurezza, per garantire il massimo del profitto/risparmio al committente.

Viene naturale chiedersi: dove sono gli ispettori del lavoro? Quanti sono i controlli che effettuano?

Perché c’è un nucleo ispettivo dei carabinieri che si sovrappone all’attività degli ispettori del lavoro? Perché un ministro della repubblica, pochi mesi addietro, ha affermato che la sicurezza sul lavoro è un lusso che l’industria italiana non può più permettersi?

La risposta è lo stato di abbandono di piazza Caduti sul Lavoro di Foggia, andate a visitarla.

Le sciarpe rosse – Foggia, piazza Caduti del Lavoro ultima modifica: 2011-05-04T15:21:32+00:00 da F. Giorgio Cislaghi



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This