Eventi

“Perchè ci odiano”, Paolo Barnard a Foggia


Di:

Paolo Bernard sul Trattato di Lisbona (ST)

Foggia – IL Collettivo Culturale Koinè, nato quest’anno all’interno del Liceo Classico “V. Lanza” di Foggia, dall’idea di alcuni studenti del Lanza di creare qualcosa di innovativo e interessante all’interno della didattica, che potesse andare oltre le materie scolastiche e parlare di attualità attraverso cineforum e incontri pomeridiani con i ragazzi, ha organizzato per il prossimo 5 maggio alle ore 9.20 un incontro con il giornalista “scomodo” Paolo Barnard.

La conferenza, che si terrà presso l’Aula Magna “L. Scillitani” del liceo classico, tratterà il tema della guerra al terrorismo e del conflitto israelo-palestinese sulla scia del libro “Perchè ci odiano” di Barnard.

Chi è Paolo Barnard – E’ un giornalista che ha lavorato per innumerevoli testate nazionali fra quotidiani e periodici come: La Stampa, Il Manifesto, Il Corriere della Sera, Il Mattino, Il Secolo di Genova, La Repubblica, La Voce di Montanelli, Il Sabato, Chorus, Oggi, Avvenimenti e altri. Per la televisione in RAI con Samarcanda di Santoro durante la Guerra del Golfo (1991) e con Report per dieci anni, avendolo co-fondato (1994-2004). Si è occupato soprattutto di politica estera. Mai assunto, mai contrattualizzato. Ha scritto libri su terrorismo internazionale, Palestina e Israele, e sull’umanizzazione della Medicina. Ha tenuto conferenze per anni in giro per l’Italia sui temi delle sue inchieste (quelle di Report, RAI) e sul suo impegno come attivista per un ‘mondo migliore’. Nella vita ha fatto forse più volontariato che giornalismo, in campi diversi come i Diritti Umani, l’esclusione sociale, la lotta alla povertà nel mondo, l’aiuto agli ammalati terminali, l’impegno civico. Ha vissuto in Gran Bretagna e in parte negli USA.


Redazione Stato

“Perchè ci odiano”, Paolo Barnard a Foggia ultima modifica: 2011-05-04T17:42:29+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This