Manfredonia
"In fase di trattativa i venditori ci dissero che l'immobile era costruito in Diritto di Superficie"

Preliminare vendita per acquisto appartamento, appello famiglia di Manfredonia

"Il problema è che sono passati 6 mesi e ancora non abbiamo risposte"

Di:

Manfredonia. ”Gentile Stato Quotidiano, vorrei portare alla luce un problema che grazie al comune, sta mettendo sul lastrico una famiglia di manfredonia

Le spiego il problema, a Dicembre 2016 abbiamo fatto un preliminare di vendita per l’acquisto di un appartamento. In fase di trattativa i venditori ci dissero che l’immobile era costruito in Diritto di Superficie e che per venderlo dovevano, tramite un pagamento di una determinata somma, fare un atto di svincolo col Comune per poi avere la possibilità di acquistare questa casa. Il problema è che sono passati 6 mesi e ancora non abbiamo risposte, dopo che sarebbe stata già pagata la somma al Comune, rischiamo in più che ci scada la domanda del mutuo già deliberato e di perdere 50.000€ di preliminare. Al Comune ci dicono sempre che la cosa verrà risolta ma non ci fanno mai sapere niente. Nel frattempo io perdo la casa, perdo il mutuo e 50.000€.

C’è qualcuno che può aiutarci?”.

(Lettera firmata, Manfredonia 04.05.2017)



Vota questo articolo:
16

Commenti


  • Franco

    Ma prima di dare 50000 euro un po’ di cautela? Fatevi dare i soldi indietro.


  • Redlight

    Ma siete pazzi a fare un preliminare di 50000€ su una casa con un vincolo neanche tanto chiaro.. la richiesta di una cifra simile per il compromesso non vi ha insospettito? Spero per voi che si risolva con un lieto fine.. auguri..


  • svolta

    Attenzione i costruttori hanno molti amici su al comune e qelli del Comune hanno molti amici tra i costruttori. D’altronde molte situazioni in quell’ambito sono sotto gli occhi di tante famiglie che hanno acquistato nei famosi comparti, dove guarda caso il comune, o chi per esso, non ha controllato l’esecuzione delle OO.UU., coi risultato che i costruttori hanno finito le sole case chiedendo il saldo e poi per le urbanizzazione, dove il comune doveva vigilare, nulla fu fatto se non dopo le sommosse, i cortei e la costituzione di associazione di acquirenti….. Gli amici degli amici….
    Un consiglio si faccia assistere da un buon e bravo legale.


  • Peppino

    Se non avete risposte dalle autorità locali rivolgetevi alle autorità di Foggia..roba da pazzi ma chi difende i poveri cittadini?


  • mikel

    Chiedi aiuto ad una tanica di benzina.
    Ho scherzato, non lo fare, però questi esseri ti esasperato.
    Ti auguro di risolvere al più presto.
    E a voi rappresentanti istituzionali siate più seri e non pensate solo a scaldare la propria gelossissima poltrone


  • ORZOWAI

    SI………. IL COMUNE VI PUO’ AIUTARE…………………MA QUANDO ARRIVERA’ UN’AMMINISTRAZIONE DIVERSA .


  • Carmen

    Ma un avvocato no?


  • Antonello Scarlatella

    Se ho ben capito non è il venditore che non rispetta i patti ma il comune che non ancora eroga il documento necessario per trasferire la proprietà.
    Intanto non credo che il Comune debba rispettare dei termini per la produzione del documento a meno che non ci siano problemi sull’immobile di altra natura.
    Quindi a questo punto rivolgersi ad un legale credo sia d’obbligo e cautelativo.
    Resta il fatto comunque che una caparra controfirmatoria di 50.000 euro è una pura follia a meno che il valore dell’immobile non sia di 5 milioni di euro.
    Non c’entra nulla in questo caso ma,
    Acquistare oggi un immobile è molto rischioso a causa di procedure esecutive che cascano a pioggia che possono coinvolgere non solo imprese edili ma anche privati. Farsi assistere dall’inizio della trattativa da un Notaio o da un Avvocato che procederà a fare tutte le indagini sull’immobile e le visure sull’alienante che sia impresa o sia privato.
    Faccio un esempio.
    Se io do una caparra di 40 mila euro ad un venditore per acquisto immobile, il venditore li depositerà su un conto corrente.
    Nel frattempo se al venditore gli viene notificato un pignoramento sull’immobile oggetto della vendita e un pignoramento sul conto corrente,
    il futuro compratore perderà i 40 mila euro e non potrà più acquistare l’immobile.
    Con i tempi della giustizia civile per risolvere la questione vanno via oltre 10 anni ed anche più.
    Per ovviare a tutto ciò farsi seguire da esperti. Avvocati, Notai.


  • Fan Scarlatella

    Ottimi consigli del maestro , fate attenzione che in giro ci sono un sacco di imbroglioni.


  • Le so tutte

    Scarlatella secondo me è aranzulla


  • filomena

    la colpa e’ del sindaco. Cosi’ sono contenti i cinque stalle, Manfredonia vecchia ecc.


  • Alfrefonia

    La colpa del mancato trasferimento di proprieta’ non e’ dell’acquirente, ma bensi’ del VENDITORE, che dovrebbe fornire di tutta la documentazione e il NOTAIO accertarne che sia tutto in regola.
    In questo caso , chi viene meno e’ il venditore .

  • campa cavallo che l’erba cresce
    le cose che succedono a manfredonia nel settore edile sono molteplici , basti pensare alla scandalosa licenza data alla costruzione di quelle case, zona acqua di cristo che vengono tutt’ora vendute come case , mentre catastalmente classificate come albergo e quando vai al comune a chiedere documentazione nessuna te la da .
    e tutto un magna magna perchè a tutt’oggi il comune non fa niente contro i truffatori che sono gli stessi costruttori che vendono e affittano quelli immobili


  • Giuseppe

    Un preliminare dovrebbe essere redatto sempre dinnanzi ad un notaio. Cristallizzare un accordo con gli opportuni controlli sulla condizione giuridica e lo stato dell’immobile sotto la super visione del professionista.


  • Sfascio italico

    Queste anomalie succedono solo in Italia, naturalmente.


  • Anonimo

    Abbiamo dato i soldi a persone che si sono appropriati indebitamente con la promessa di una casa cooperativa e poi………. Poi si sono candidati ….Quindi attenzione alle amicizie ….ATTENZIONE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi